Quando il feto inizia ad avere un battito cardiaco?

Un feto attraversa molte fasi di sviluppo. Una delle tappe fondamentali è il momento in cui il cuore inizia a battere.

Di seguito analizziamo la tempistica dello sviluppo del battito cardiaco del feto e descriviamo come e quando un operatore sanitario può rilevarlo.

Quando il feto ha il battito cardiaco?

Prima dell’ottava settimana di gravidanza circa, il medico può riferirsi al feto come a un embrione.

Il cuore di un embrione inizia a battere a circa 5-6 settimane di gravidanza. Inoltre, in questa fase è possibile vedere il primo segno visibile dell’embrione, noto come polo fetale.

Il cuore di un feto è completamente sviluppato alla decima settimana di gravidanza. Le contrazioni cardiache saranno visibili con gli ultrasuoni molto prima che siano udibili con i dispositivi Doppler portatili tipici degli uffici.

Durante un’ecografia tra la 18a e la 22a settimana di gravidanza, un operatore sanitario controllerà l’anatomia fetale, compreso il cuore.

La frequenza cardiaca di un feto cambia con lo sviluppo. In generale, la frequenza è di 110-160 battiti al minuto.

Come viene rilevato il battito cardiaco

Una persona incinta può sottoporsi a un’ecografia per rilevare il battito cardiaco del feto in diverse fasi della gravidanza. Il medico può consigliare un’ecografia già a 6 settimane se la persona ha avuto spotting, emorragie o problemi in una precedente gravidanza.

Un operatore sanitario può eseguire un’ecografia nel primo trimestre per:

  • Confermare la gravidanza e verificare l’età del feto
  • Verificare la presenza di una sospetta gravidanza ectopica
  • Valutare il sanguinamento o il dolore
  • Verificare il numero di feti
  • Verificare il battito cardiaco del feto
  • Ricerca di eventuali anomalie fetali o uterine
  • Ricerca e rimozione di un dispositivo intrauterino

Un operatore sanitario può rilevare il battito cardiaco di un feto in numerosi modi, tra cui:

Ecografia transvaginale

Nelle prime fasi della gravidanza, di solito prima delle 11 settimane, un’ecografia transvaginale può aiutare a controllare il battito cardiaco dell’embrione.

L’ecografia transvaginale è interna. Il medico inserisce un dispositivo nella vagina per monitorare lo sviluppo dell’embrione. Tuttavia, fino a circa la settima settimana di gravidanza, può essere difficile rilevare il battito cardiaco dell’embrione.

feto battito cardiaco gravidanza

La scansione transvaginale può essere utile anche dopo 11 settimane, se la scansione addominale non fornisce un’immagine chiara del feto.

Scansione transaddominale

Durante il secondo e terzo trimestre, una scansione transaddominale può aiutare a valutare la gravidanza. Per eseguirla, un operatore sanitario spalma un gel lubrificante sul basso addome della gestante. Quindi sposta un dispositivo portatile a ultrasuoni sull’addome per individuare l’utero e il feto.

Nel secondo trimestre, il cuore del feto è completamente formato e gli operatori sanitari dovrebbero vedere il cuore battere nella scansione.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Dolore al petto in gravidanza: cosa sapere

Odore corporeo post-parto: cos’è e come gestirlo

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Loading...
  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contentsads.com