Notizie.it logo

Che cosa fare per fame notturna in gravidanza

Che cosa fare per fame notturna in gravidanza

Gravidanza e fame emotiva

Man mano che scompaiono le nausee mattutine del primo trimestre di gravidanza, le donne incinte tendono ad avvertire un generale aumento dell’appetito e un accresciuto desiderio di mangiare particolari cibi, soprattutto di notte.
Che fare?
1) Riempi il frigorifero e la dispensa di cibi sani. Se proprio sentirai la necessità di mangiare, almeno consumerai cibi salutari.
2) Durante la gravidanza si è emotivamente più sensibili; evita tuttavia di consolarti con il cibo e approfittane per dare consapevolezza alle tue fragilità.
3) Mangia lentamente, assapora il cibo e dai tempo al tuo corpo di avvertire il senso della sazietà.
4) Bevi acqua a volontà. Per calmare l’appetito, comincia ogni pasto con un bicchiere d’acqua, aggiungendo, se vuoi, della frutta tagliata a pezzettini.
5) Dividi il fabbisogno alimentare in cinque o sei piccoli pasti giornalieri.
6) Segui un’alimentazione varia, ricca di frutta, verdura, proteine, cereali e prodotti caseari.
7) Tieni a portata di mano qualche spuntino nutriente come frutta secca, uva passa, frutta di stagione.
8) Inizia ogni pasto principale con insalate e verdure: ti sentirai subito più sazia e limiterai l’assunzione di cibi più calorici.
9) Consuma arance, pompelmi e prodotti lattiero-caseari, ricchi di nutrienti che apportano sazietà e vitamine utili per una gravidanza sana.
10) Se arrivano gli attacchi di fame notturna, ricorri ad alimenti ricchi di triptofano.

Si tratta di un aminoacido che stimola nel cervello la produzione di serotonina, un neurotrasmettitore che aiuta a dormire bene. Il triptofano si trova in alcuni alimenti come le banane, il mango, i legumi, le arachidi, le nocciole e in tutti i cibi ricchi di cacao.
11) Fai spazio ai tuoi hobby, alle tue passioni, a tutto ciò che ti diverte e ti entusiasma. La fame di tipo nervoso si combatte modificando l’atteggiamento profondo nei confronti del cibo/vita.

© Riproduzione riservata
Leggi anche