Come funziona il congedo parentale

L’indennità per congedo parentale è legata al rapporto di lavoro in atto o comunque durante il periodo di astensione.

Tale congedo spetta ai genitori (sia naturali che adottivi) lavoratori dipendenti, e ricopre un periodo che va dai 2 ai 10 mesi, utilizzabili anche contemporaneamente, entro i primi 8 anni del bambino.

Questo esonero spetta anche ai lavoratori agricoli dipendenti, solo nel caso in cui possono dimostrare 51 giornate lavorative nell’anno precedente al periodo del congedo.

Madre e padre possono usufruire del congedo contemporaneamente.

Cosa succede in caso di parto gemellare o di affido di più di un minore?

In questi casi, il genitore ha diritto ad usufruire del periodo di congedo per ogni bambino.

Tuttavia, non hanno diritto al congedo i genitori disoccupati o sospesi, ai lavoratori domestici, lavoratori a domicilio.

I requisiti per poter ottenere il congedo parentale sono:

– Rapporto di lavoro in atto

– vivenza del bambino

– effettiva astensione dal lavoro

la domanda deve essere presentata prima dell’inizio di periodo di congedo richiesto, alla sede Inps di residenza, utilizzando il mod. AST. FAC SR23, mentre al datore di lavoro va presentata almeno 15 giorni prima dell’astensione.

Scritto da Rosalia Lamberti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Quali sono i sintomi della scarlattina

Come fare domanda di riposo per allattamento

Leggi anche
  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • vista neonatiVista neonati: quando si sviluppa

    Cosa vedono i bambini nella pancia e subito dopo la nascita? Scopriamolo

  • Loading...
  • 183Viaggio neonato Ryanair
  • 173Viaggio neonato Alitalia
  • 183Viaggio neonato Air Dolomiti
Contents.media