Notizie.it logo

Benefici della scherma per i bambini

perché far praticare la scherma ai bimbi

Praticare uno sport per un bimbo è importante non solo per mantenersi fisicamente in forma, ma anche per sviluppare altre doti intellettive. Uno dei migliori è la scherma, purtroppo è una disciplina poco diffusa e non tutti sanno che comporta diversi benefici per i bambini, per cui se volete che vostro figlio inizi qualche attività sportiva particolare, tenete in considerazione la scherma per i suoi aspetti positivi.

I piccoli schermidori si esercitano innanzitutto ad avere riflessi pronti e ad autodisciplinarsi in ogni situazione, l’avversario può sferrare un attacco in qualsiasi momento e in qualsiasi modo ed è necessario ragionare velocemente sulla strategia di movimento da adottare, in questo modo i bimbi imparano ad analizzare i problemi e a prendere decisioni adeguate. Secondo il parere di autorevoli psicologici, la scherma è come un gioco fisico di scacchi e può migliorare le abilità di calcolo e di ragionamento matematico.

Inoltre questo sport è utilissimo per acquisire la mentalità di apprendere dai propri errori, la mossa sbagliata non deve essere ripetuta la prossima volta, quindi insegna a considerare la sconfitta come un’occasione di crescita personale, anziché come un fallimento.

L’attività fisica non è meno rilevate dell’aspetto mentale, per essere bravi bisogna diventare molto agili e scattanti e abituarsi ad essere in continuo movimento, pertanto praticare la scherma aiuta a perdere i chili di troppo e ad allenare tutti i muscoli del corpo.

E’ considerato un sport individuale, ma in realtà ogni schermidore fa parte di un team e come altre discipline di squadra stimola le capacità di socializzazione, il senso di appartenenza ad un gruppo e l’istinto di condivisione delle proprie vittorie con gli altri. Alcuni esperti affermano, inoltre, che la scherma è terapeutica per i bambini affetti da ADHA (sindrome da deficit di attenzione e iperattività) in quanto è un validissimo esercizio per accrescere la concentrazione e le competenze organizzative.

© Riproduzione riservata
Leggi anche