Come ottenere aiuto in caso di bisogno: le esperienze

"Ho promesso a me stessa che mi sarei fatta aiutare finché potevo".

Se ti senti sopraffatta, ottenere aiuto in caso di bisogno è assolutamente importante. Alcune mamme hanno condiviso preziosi consigli su come far partecipare amici e familiari durante i primi mesi con un neonato. Ricorda che il supporto extra può avere un ottimo impatto sulle prime settimane di maternità.

Chiedi ciò di cui hai bisogno

“La cosa più importante è ottenere aiuto. Molte persone non vogliono intromettersi o non sanno cosa fare. Si può pensare che non vogliano aiutare perché non si sono offerti, quando la verità è che muoiono dalla voglia di fare qualcosa per voi – ma dovete chiederglielo. Siate molto specifiche su ciò che volete e di cui avete bisogno, e assicuratevi di ringraziarli”.

“Abbiamo chiesto alle persone di portare un pasto – anche una pizza – invece di regali quando venivano in visita”.

“La mia famiglia ha realizzato un programma di pasti. Ogni sera per 10 giorni, qualcuno ci ha portato una grande cena con abbastanza cibo rimasto per il pranzo del giorno dopo. È stato fantastico non doversi preoccupare di cucinare nulla, e abbiamo potuto provare un sacco di cose che normalmente non mangiamo”.

“Permetti al tuo bambino più grande di aiutare a fare il bagno, cambiare e vestire il bambino, così non si sente escluso”.

“Sapevo che la mia casa sarebbe stata un po’ in disordine per qualche settimana, quindi non volevo che la gente venisse a casa mia. Ho chiesto a mia cognata di invitare le persone a casa sua per conoscere il bambino tutte insieme. Ha preparato un pasto favoloso e ci siamo divertiti molto. Mi sono attenuta alla regola ‘niente persone in casa’ per sei settimane, finché non mi sono sentita pronta per le visite. Ha funzionato!”

Sfruttare al meglio le visite

“Evita di invitare ospiti che ti stresseranno, ma fai venire ospiti a bassa manutenzione per tutto il tempo che puoi gestire! I miei amici e la mia famiglia sono stati incredibilmente disponibili. Hanno lavato i piatti, cucinato e guardato mia figlia quando avevo bisogno di una doccia o di un pisolino veloce”.

“Vorrei aver pensato di dire agli amici e alla famiglia di chiamare prima della visita. Hai davvero bisogno di una o due settimane a casa da solo con la tua famiglia per adattarti alla tua nuova vita”.

“Non sentirti male se ti addormenti quando hai ospiti. Capiranno”.

“Quando i parenti vengono in visita, non intrattenerli. Di’ solo: ‘Sono così felice che siate qui. Ho davvero bisogno di un pisolino, vi dispiace guardarlo?”. Credetemi, i miei parenti amavano passare del tempo con il bambino”.

“Annuncia al mondo intero quando è l’ora delle visite. Ti aiuta davvero a prendere il controllo dei tuoi orari”.

“Ho promesso a me stessa che mi sarei fatta aiutare finché potevo. Quando la gente veniva a trovarmi, usavo il tempo per fare un pisolino, fare la doccia o mangiare. Inoltre, ho sempre fatto portare loro qualcosa. La gente ti chiederà se hai bisogno di qualcosa. Hai sempre bisogno di qualcosa… barrette di muesli, acqua in bottiglia, un’insalata, una crema idratante per le labbra, un panino. Qualcosa, qualsiasi cosa”.

ottenere aiuto neonato

“Ho chiesto ai miei amici di non venirmi a trovare in ospedale, così ho potuto riposare e passare del tempo solo con il mio compagno e il bambino. Più tardi ho invitato tutti i miei amici allo stesso tempo, in modo che potessero vedere il bambino e io potessi descrivere la mia esperienza a un gruppo invece che individualmente, il che può essere piuttosto estenuante.”

“Assicurati che le persone che vogliono solo ‘uscire’ vengano da te quando è il momento giusto – e non aver paura di cacciarle via educatamente se necessario”.

“Programmate le visite in anticipo in modo che tutti non siano a casa vostra un giorno, mentre il giorno dopo non c’è nessuno a darvi tregua”.

“Abbiamo fatto stare i miei genitori nelle vicinanze, piuttosto che con noi, il che ci ha davvero aiutato a ottenere un po’ del nostro tempo libero”.

Essere pronti a scendere a compromessi

“Non preoccupatevi di avere la casa perfettamente pulita. Le persone capiscono. Meglio ancora, spesso vi aiuteranno a pulire!”.

“All’inizio ero molto resistente a lasciare che qualcun altro, anche mio marito, si prendesse cura di mio figlio. Sentivo che era una mia responsabilità perché ero la sua mamma. Alla fine ho avuto un crollo e ho capito che avevo bisogno di lasciare che altri si prendessero cura di lui, così potevo dormire”.

“Una cosa che ho imparato è che se voglio aiuto, devo accettare che le cose possano non essere fatte esattamente come le farei io. Ma ho anche imparato che solo perché qualcuno – come mio marito – fa le cose diversamente da me, non significa che il suo modo sia cattivo o sbagliato. Questa è stata davvero una bella lezione”.

“Se vuoi coccolare il tuo bambino che dorme invece di pulire o cucinare, allora fallo e non sentirti affatto in colpa!”

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Il pianto costante del bambino è molto stressante. Come posso affrontarlo?

La depressione legata alla gravidanza è una problematica seria

Leggi anche
  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • vista neonatiVista neonati: quando si sviluppa

    Cosa vedono i bambini nella pancia e subito dopo la nascita? Scopriamolo

  • Loading...
  • 183Viaggio neonato Ryanair
  • 173Viaggio neonato Alitalia
  • 183Viaggio neonato Air Dolomiti
Contents.media