Come calmare il bambino quando piange: trucchi e consigli

Dal pianto alle coliche, ecco cosa c'è da sapere sulle lacrime dei bambini, oltre ad alcune tecniche di calma che possono aiutare a calmare un neonato nervoso.

Come calmare il bambino quando piange? Dopo la poppata e il pannolino, tranquillizzare un neonato nervoso può sembrare un’attività che occupa la maggior parte della giornata (e della notte!). Il pianto e i bambini vanno di pari passo, naturalmente, poiché l’unica capacità di comunicazione che il neonato conosce è quella di fare i capricci.

Tuttavia, il pianto di un neonato può rapidamente sopraffare, soprattutto quando non si riesce a capire perché sia così arrabbiato.

Sebbene il pianto sia normale per i neonati, per una mamma o un papà alle prime armi non è sempre facile capire cosa significhi “normale”. Il primo passo per imparare a calmare un neonato che piange è affrontare il compito con la massima calma possibile, perché agitarsi non fa che aumentare lo stress per entrambi.

Come calmare il bambino quando piange: trucchi e consigli

Una volta escluse le ragioni più ovvie per cui il bambino piange (pancino vuoto, pannolino bagnato, sonnellino troppo lungo) e se il pediatra non ritiene che sia malato, provate queste tecniche collaudate nel tempo per aiutare a calmare le lacrime e a farvi sentire meglio.

  • Avvolgetelo. L’avvolgimento in una coperta mantiene il vostro fagottino al sicuro. Gli esperti ritengono che l’avvolgimento in fasce tranquillizzi i bambini perché crea un’atmosfera accogliente, simile a quella del grembo materno.

    Molti genitori ritengono che la fasciatura aiuti i bambini a calmarsi più velocemente e a dormire più a lungo.

  • Incoraggiare la suzione. I bambini spesso si calmano con la suzione non nutritiva, che non riempie il pancino ma calma i nervi. Se il bambino piange, aiutatelo a trovare il pollice, il pugno o il dito, o semplicemente offritegli una delle vostre dita. Anche il ciuccio è utile, ma prima di introdurlo bisogna aspettare che l’allattamento al seno sia ben avviato.
  • Provate un marsupio o una fascia. Indossare il bambino e portarlo a spasso è un ottimo modo per tranquillizzarlo. I bambini apprezzano la sensazione di vicinanza e il ritmo dei vostri passi. Il marsupio è anche comodo, perché le mani restano libere per fare più cose. Fate in modo che il bambino sia rivolto verso il vostro corpo in un marsupio frontale o in una fascia per i primi tre mesi, quando ha bisogno di un maggiore sostegno per la testa. Potete anche usare una fascia, che è particolarmente utile per l’allattamento in movimento e può essere convertita in una presa laterale o posteriore quando il bambino cresce.
  • Dondolare e ondeggiare. Tenete il bambino in braccio mentre vi sedete su una sedia a dondolo o su un’altalena, oppure mettetelo su un’altalena motorizzata o su un seggiolino vibrante. Assicuratevi di seguire le istruzioni di sicurezza del produttore per quanto riguarda le limitazioni di età e di peso per questi dispositivi.

LEGGI ANCHE:

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come calmare il bambino nella pancia: consigli utili

Come insegnare al bambino la bici senza rotelle: la guida

Leggi anche
  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • vista neonatiVista neonati: quando si sviluppa

    Cosa vedono i bambini nella pancia e subito dopo la nascita? Scopriamolo

  • Loading...
  • 183Viaggio neonato Ryanair
  • 173Viaggio neonato Alitalia
  • 183Viaggio neonato Air Dolomiti
Contentsads.com