Notizie.it logo

Trucco permanente in gravidanza

Trucco permanente in gravidanza

Il trucco permanente o semipermanente è un tatuaggio che si fa su sopracciglia, labbra, occhi e bocca. Lo scopo di questi trattamenti estetici è di tatuare mediante la pigmentazione delle zone da trattare attraverso l’utilizzo di un piccolo ago, con il quale viene fatto penetrare il colore in profondità nel derma, come avviene appunto per i più classici dei tatuaggi. E’ molto importante ricordare che tra trucco permanente e semipermanente non vi è nessuna differenza sono entrambi sinonimi della stessa tecnica, pertanto possiamo affermare con certezza che non esistono al momento tecniche di tatuaggio che prevedano una durata di permanenza sulla pelle minore (semipermanente) rispetto a quelle generalmente impiegate da tatuatori professionisti o da medici-chirurghi estetici. Negli ultimi anni, la domanda di tatuaggi – trucco permanente – è molto cresciuta non solo da parte di persone con problemi e piccoli inenstetismi da correggere come sopracciglia tropppo fine o “colorare” piccole cicatrici, oggi, l’approccio a questo tipo di tecnica è soprattutto orientato al miglioramento estetico sia da parte degli uomini che delle donne.
Per tutta la durata della gravidanza e l’allattamento del nascituro è consigliato non farsi tatuare per evitare che mamma e figlio siano più vulnerabili a varie infezioni e, visto che la pelle è più sensibile potrebbe andare incontro anche a fastidiose reazioni allergiche.

E’ necessario sottolineare che a oggi sono rarissime le cause di allergia ai pigmenti utilizzati per questo genere di trattamento. Attualmente vengono impiegati prodotti altamente controllati e conformi alle vigenti norme in materia. Il livello tecnico-qualitativo per questa tecnica si alzato di molto ma è necessario sempre rivolgersi a professionisti e a studi abilitati ed autorizzati dalla Asl, e diffidare da costi troppo bassi per questo tipo di trattamento.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche