Tre aborti spontanei, tre esperienze: cosa devi sapere

Non c'è mai un'opzione facile...

Le parole tabù che nessuno vuole pronunciare: aborti spontanei. Aspetta ad annunciare la tua gravidanza fino a dopo il primo trimestre. In questo modo, nel caso ti succeda, sarai al sicuro. Non dovrai spiegare a nessuno la perdita della tua gravidanza, che non è stata colpa tua, bensì di altri fattori specifici.

L’aborto spontaneo, purtroppo, succede

Se ne parli o meno è una scelta personale, ma onestamente? Penso che aiuti sentire le esperienze degli altri e sapere che non sei sola. C’è una tonnellata di informazioni e disinformazione là fuori.

Aborti spontanei: le opzioni

Ci sono molti modi per affrontare un aborto spontaneo, e non sto parlando emotivamente perché ci sono ancora più modi per affrontarlo in quel modo. Intendo fisicamente; quello che succede al tuo corpo e i modi per sopportare la perdita della gravidanza.

Esistono tre diversi metodi di (non c’è un modo delicato per dirlo) rimozione o espulsione del tessuto fetale.

Naturale

Una mamma ci ha raccontato la sua esperienza, avendo avuto tre aborti spontanei:

“Il mio primo aborto spontaneo mi ha preso alla sprovvista. Sapevo nel profondo cosa stesse accadendo, ma fino a quando il medico ha pronunciato le parole: “Mi dispiace”, mi sono aggrappata alla speranza. Una sera ho iniziato a sanguinare e la mattina sono andata all’ospedale per apprendere la terribile notizia.

Il medico mi diede tre opzioni per l’espulsione del tessuto fetale. Medicinale, chirurgica o naturale. Scelsi quella naturale perché mi assicurò che non avrei dovuto avere problemi”, ha detto.

“Il metodo naturale era meno invasivo e meno gestito. Ammetto che mi sono sentita alla deriva per il resto del fine settimana perché non avevo visto il mio medico abituale e non ero esattamente sicura di cosa aspettarmi. Il termine “mestruazioni pesanti” non rende l’idea. Durante le mie mestruazioni non espello tessuto che cade sul pavimento della doccia. È stato devastante. Davvero, uno dei momenti peggiori della mia vita. Dopodiché, è stato come un ciclo pesante. Ho sanguinato per circa due o tre settimane con forti crampi e contrazioni ed è finita.

aborti spontanei esperienze

Chirurgico

“Il mio successivo aborto spontaneo è stato rilevato da un’ecografia. Il mio medico mi ha dato di nuovo delle opzioni per procedere, e questa volta ho scelto di fare un intervento medico. Avrei potuto optare per una D&C (dilatazione e curettage) dove la cervice viene aperta manualmente o con farmaci. Oppure, avrei potuto optare per una procedura MVA (aspirazione manuale a vuoto) che utilizza un vuoto per estrarre il contenuto dell’utero. Ho scelto la procedura MVA in ufficio per non dover fare l’anestesia”, ha detto.

“Il mio medico mi ha dato una selezione di farmaci e un calendario di quando prenderli. Misoprostol per ammorbidire la cervice, antidolorifici (autoesplicativo) e ansiolitici per rilassarsi. Ho preso questi farmaci come prescritto, ma qualcosa ha reagito in modo strano nel mio corpo. Ho iniziato a vomitare e non riuscivo a smettere. Il dottore ha fatto comunque la procedura, dopo un’iniezione di Phenergan. È stato veloce e indolore e solo leggermente orribile se ti fermi a pensarci. Il mio sanguinamento è durato meno di una settimana e c’erano meno crampi, il che è stato un miglioramento rispetto alla volta precedente”.

Farmaci

“Anche il mio terzo e ultimo aborto è stato rilevato tramite ecografia. Non volendo ripetere l’episodio di vomito della mia precedente esperienza e altrettanto non volendo sottopormi alla procedura senza gli antidolorifici. Ho scelto i farmaci per superare l’esperienza. Il mio medico mi ha dato il misoprostolo con le istruzioni di inserire tre compresse nella vagina il più vicino possibile alla cervice. Mi ha prescritto di nuovo degli antidolorifici, ma ho scelto di non prenderli e mi è bastato l’Ibuprofene”, ha spiegato.

aborti spontanei le esperienze

“Con questo metodo, ero in grado di controllare quando l’aborto avveniva, così potevo stare a casa e occuparmene privatamente senza preoccuparmi di quando il tessuto sarebbe uscito. Questa volta il mio sanguinamento si è fermato entro una o due settimane, ma la maggior parte è avvenuta nelle prime dodici ore. I crampi durante quel ciclo erano brutti e l’emorragia successiva era più leggera e gestibile”.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cosa fare nell’ultimo trimestre di gravidanza

Aborto spontaneo: come rassicurare le persone

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Loading...
  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contents.media