Notizie.it logo

Tracciati gravidanza: costo del ticket ed esenzione

Immagine in evidenza predefinita Mamme Magazine

La gravidanza è un momento delicato, pieno di ansie ed emozioni. Per ridurre le prime è possibile ottenere, nell’ultimo periodo, i cosiddetti tracciati. Questi altro non sono se non degli esami di monitoraggio, utili a tenere sotto controllo le condizioni di salute del nascituro nelle ultime settimane prima prima del parto. Con il monitoraggio, è possibile rilevare due parametri:
battito cardiaco fetale intensità e frequenza delle contrazioni uterine.
Il monitoraggio viene normalmente consigliato dal ginecologo stesso a partire dalla 37esima settimana di gravidanza. Ne viene effettuato in genere uno a settimana sino al parto. In caso di gravidanza oltre il termine, esso può anche essere fissato ogni due o tre giorni. In ogni caso, è sempre il medico a fissare la frequenza. I tracciati servono a verificare che il feto stia bene e, in caso contrario, permettono di agire tempestivamente.

Si tratta di un esame non invasivo, della durata di circa 30 minuti. Questa potrebbe però aumentare in alcuni casi. Se, ad esempio, il feto dorme durante l’esame, sarà necessario sollecitarlo maggiormente.

Il costo del ticket per questo esame è variabile. Esso infatti cambia in funzione delle decisione dell’azienda sanitaria nella quale viene effettuato. Il prezzo comunque parte dai 15 euro e può salire fino ai 40. L’esame in questione si effettua presso cliniche oppure ospedali specializzati in ginecologia e ostetricia. Se possibile, si raccomanda di scegliere la stessa struttura nella quale si intende partorire. Infatti, si tratta di un’occasione per conoscere in anticipo ginecologi, infermieri e ostetrici che vi assisteranno durante il parto, nonché in generale il personale dell’ospedale con cui dovrete interagire in questo delicato momento.

Il monitoraggio in gravidanza, nelle ultime settimane o, qualora ci fossero problemi, anche prima, dovrebbe rientrare negli esami obbligatori richiesti. Proprio per questo motivo, è possibile richiedere l’esenzione -evitando quindi di pagare le somme sopra citate- o almeno il ticket minimo.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.