Terrori notturni: perché accadono e cosa fare per evitarli

In alcuni casi, i terrori notturni possono essere innescati dall'apnea notturna.

I terrori notturni sono un tipo di disturbo del sonno. Un bambino che ha un terrore notturno può improvvisamente balzare in piedi nel letto, piangere, urlare, gemere, borbottare e dimenarsi con gli occhi spalancati senza essere veramente sveglio. Poiché si trova in una specie di zona d’ombra tra il sonno e la veglia, non è consapevole della tua presenza e non è probabile che risponda a qualsiasi cosa tu dica o faccia.

I ricercatori pensano ai terrori notturni come a misteriosi guasti nelle transizioni solitamente lisce che facciamo tra le fasi del sonno ogni notte. Un episodio può durare da pochi minuti a quasi un’ora, e quando è finito il tuo bambino può improvvisamente ricadere nel sonno senza memoria dell’incidente.

I terrori notturni sono più comuni nei bambini piccoli – dai bambini piccoli alle elementari. Uno studio su quasi 2.000 bambini ha scoperto che il 40% dei bambini tra i 2 anni e mezzo e i 6 anni ha sperimentato il terrore notturno.

I bambini spesso li superano entro i 12 anni.

In che modo i terrori notturni sono diversi dagli incubi?

Se tuo figlio ha un terrore notturno, non lo ricorderà. D’altra parte, un incubo lascia il bambino veramente sveglio. Non solo può ricordare il suo sogno e a volte parlarne, ma può anche sentirsi confortato dalla tua presenza. Inoltre, i bambini hanno comunemente incubi durante il primo terzo della notte, durante il sonno profondo non sogno (non-REM).

I bambini hanno incubi durante il sonno onirico (REM), che di solito avviene durante l’ultimo terzo della notte.

Secondo l’esperta del sonno Jodi A. Mindell, il modo più semplice per capire la differenza tra un terrore notturno e un incubo è chiedersi chi è più agitato la mattina dopo. “Se tuo figlio è più agitato, ha avuto un incubo. Se sei tu ad essere disturbata, probabilmente ha avuto un terrore notturno”, dice Mindell.

In altre parole, il “terrore” di un terrore notturno permane molto più a lungo nel genitore che lo ha visto che nel bambino che lo ha vissuto.

Terrori notturni bambini

Cosa devo fare se mio figlio ha un terrore notturno?

Non cercare di svegliarlo. Inoltre, aspettati che i tuoi sforzi per confortarlo vengano respinti – un bambino che ha un terrore notturno non può essere calmato, e se cerchi di abbracciarlo potresti renderlo più selvaggio.

È sconvolgente assistere a un terrore notturno, ma a meno che tuo figlio non sia in pericolo di farsi del male, non cercare di confortarlo fisicamente. Parla con calma, mettiti tra lui e qualsiasi cosa pericolosa (la testiera del letto, per esempio) e aspetta che la tempesta passi.

Prima di andare a letto, prendi le stesse precauzioni che prenderesti per un sonnambulo, perché i bambini che hanno il terrore notturno potrebbero anche essere sonnambuli o cadere dal letto in preda al terrore notturno. Raccogli eventuali giocattoli od oggetti sul pavimento, installa un cancello in cima alle scale e assicurati che le finestre e le porte esterne siano chiuse a chiave.

Quali sono le cause dei terrori notturni e si possono prevenire?

Non c’è un modo definitivo per prevenire gli incubi perché nessuno sa esattamente cosa li provochi. Quello che si sa è che, da soli, i terrori notturni non significano che un bambino abbia un problema psicologico o che sia turbato da qualcosa. Alcuni fattori rendono i terrori notturni più probabili – se tuo figlio ha la febbre o non sta dormendo abbastanza, per esempio. Risolvi qualsiasi altro problema di sonno di tuo figlio, come alzarsi nel mezzo della notte, e assicurati che abbia un orario regolare per andare a letto e che dorma abbastanza ore.

Anche alcuni farmaci o la caffeina possono contribuire agli incubi notturni. I bambini hanno anche maggiori probabilità di averli se qualcun altro nella loro famiglia ha terrori notturni o un altro disturbo del sonno, come il sonnambulismo. In alcuni casi, i terrori notturni possono essere innescati dall’apnea notturna, un disturbo serio ma correggibile in cui le tonsille e le adenoidi ingrossate (tessuto normale nella gola) bloccano i passaggi delle vie aeree durante il sonno, rendendo difficile la respirazione e interrompendo il sonno di un bambino durante la notte.

La ricerca suggerisce che alcune condizioni che impediscono al bambino di riposare abbastanza, come la sindrome delle gambe senza riposo o la malattia da reflusso gastroesofageo (GERD), possono anche scatenare gli incubi. Controlla con il medico di tuo figlio se pensi che una di queste condizioni possa contribuire agli incubi notturni.

Terrori notturni bambini consigli

Cos’è un risveglio programmato?

Se noti che i terrori notturni di tuoi figlio si verificano più o meno alla stessa ora durante la notte, puoi provare una cosa chiamata risveglio programmato. Questo significa semplicemente che svegli delicatamente e brevemente tuo figlio circa 15 o 20 minuti prima che abbia un terrore notturno. Alcuni esperti pensano che questa tecnica possa cambiare lo stato del sonno di tuo figlio abbastanza da prevenire il terrore notturno. Se fatto ripetutamente, il bambino può imparare a svegliarsi automaticamente per evitare il terrore notturno.

Il risveglio programmato non è stato ben testato nella prevenzione dei terrori notturni, tuttavia, e c’è sempre la possibilità che svegliare il bambino intorno al momento del terrore notturno possa scatenarlo.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Il bambino non riesce a dormire: da 1 a 2 anni

Apnea del sonno nei bambini: cos’è e perché avviene

Leggi anche
  • ZainoZaino scuola per bambini: modelli e marche migliori

    Le vacanze estive stanno finendo ed è tempo di pensare al rietro a scuola; Zaino scuola per bambini: modelli e marche migliori.

  • zaini scuolaZaini scuola: quale scegliere per i propri figli

    La scelta degli zaini scuola per i figli è fondamentale per affrontare l’anno scolastico in arrivo. Sicuramente alla moda, ma comodi e di qualità.

  • Loading...
  • zaini per bambiniZaini per bambini: il meglio per la scuola

    Gli zaini per bambini per il ritorno tra i banchi sono in vario tipo, con fantasie e stili diversi: dai personaggi Disney ai super eroi sino a Batman.

  • zaino elementare bambina 2Zaini elementari bimba: le tendenze del momento

    Con l’inizio delle scuole elementari è importante scegliere,per la propria bambina, uno zaino comodo e capiente ma al passo con le tendenze del momento.

  • zaini elementari bambinoZaini elementari bambino: quale acquistare

    Lo zaino è l’accessorio fondamentale per la scuola elementare: in esso verranno riposti tutti gli oggetti necessari per affrontare la quotidianità scolastica. Quali caratteristiche deve avere uno zaino adatto ad un bambino? Di seguito i modelli migliori.

Contents.media