Sviluppo del linguaggio nel bambino: le tappe importanti

Lo sviluppo del linguaggio nel bambino è il risultato di diverse abilità e segue diverse fasi: le tappe importanti fino ai 3 anni d'età.

Le conoscenze comuni riguardo lo sviluppo del linguaggio nel bambino si concentrano sugli aspetti della produzione, cioè su ciò dice. In realtà, quello che il piccolo è in grado di dire è il risultato di altre competenze. Ogni bambino sviluppa il linguaggio secondo i propri tempi e le proprie capacità.

Quali sono le tappe importanti dello sviluppo del linguaggio nel bambino?

Sviluppo del linguaggio nel bambino

Il linguaggio del bimbo non può svilupparsi in modo armonico e competente senza la presenza di alcune abilità, in particolare:

  • ascolto e discriminazione di suoni e parole;
  • competenze motorie e prassiche;
  • sviluppo cognitivo e affettivo.

Un aspetto molto importante da considerare è che lo sviluppo del linguaggio non consiste esclusivamente nella produzione del linguaggio. Infatti, esso riguarda altre abilità, tra cui ascolto, riconoscimento di suoni diversi, competenze motorie e cognitive e sviluppo affettivo.

Advertisements

Vediamo quali sono le tappe fondamentali dalla nascita fino ai 3 anni di età.

0-3 mesi

Alla nascita il bambino ha la capacità di discriminare i suoni di tutte le lingue del mondo, che poi perde dopo i 6 mesi. Il bebè ha una preferenza per la voce e il volto materno e la principale forma con cui comunica a questa età è il pianto.

3-6 mesi

Il piccolo comincia a seguire lo sguardo e a condividere gli stati affettivi, riesce a sorridere rispondendo all’adulto.

In questa età il bambino inizia a produrre anche i vocalizzi.

6-8 mesi

In questo periodo compare la lallazione canonica, cioè la ripetizione di sillabe composte dalla stessa consonante. I momenti di lallazione possono essere molto prolungati, anche 20-30 minuti.

8-10 mesi

La lallazione da canonica diventa variata, perché il bebè impara a ripetere sillabe con consonanti diverse. Il bambino, inoltre, inizia a usare il gesto dell’indicazione in modo intenzionale per mostrare e richiedere.

Infine, il piccolo impara a fare ciao e a mandare un bacio.

12 mesi

A un anno il bambino anticipa le parole con il gesto rappresentativo, compaiono anche le prime parole (da 0 a 10 parole), legate a persone e oggetti familiari o ad attività di routine. Il piccolo comincia a comprendere frasi e brevi e ordini semplici.

12-18 mesi

Durante questo periodo si assiste a un progressivo ampliamento del vocabolario, fino al raggiungimento delle 50 parole intorno ai 18 mesi.

In questa fase, poi, comincia l’esplosione del vocabolario, cioè il bimbo diventa consapevole che a ogni parola corrisponde un oggetto e che attraverso il linguaggio può agire sul mondo intorno a lui. A questa età il bambino non è ancora in grado di formulare frasi, ma produce parole-frase, cioè parole singole che contengono il significato di un’intera frase.

18-24 mesi

In questi 6 mesi vi è un progressivo ampliamento del vocabolario fino al raggiungimento di quasi 200 parole a 2 anni di età. L’aumento del lessico permette al bambino di sviluppare la morfosintassi, cioè la capacità di combinare due parole per formare delle frasi. A questa età compare anche la prima forse di frase, il linguaggio telegrafico, cioè la combinazione di due parole senza articoli, congiunzioni e verbi.

24-30 mesi

Il vocabolario, ormai più vario, si arricchisce non solo di nomi, ma anche di verbi e aggettivi. Il lessico arriva a 500 parole e il bambino comincia a produrre frasi semplici costituite da soggetto e verbo.

30-36 mesi

Il bambino comincia a utilizzare in modo stabile parole con funzione grammaticale, come articoli, preposizioni e pronomi. Inoltre, comincia progressivamente ad acquisire tutti i suoni della lingua italiana.

Quando c’è da preoccuparsi?

Ovviamente, ogni bambino ha i suoi tempi e i suoi ritmi. A ogni modo, si consiglia di non trascurare due principali campanelli d’allarme:

  • un lessico molto povero a 2 anni;
  • l’assenza della combinazione di due parole a 2 anni e mezzo.

Infatti, sono proprio questi i segni che riconducono a un ritardo nel linguaggio oppure a un Disturbo Specifico del Linguaggio, la cui diagnosi può essere effettuata esclusivamente da uno specialista. In ogni caso, è opportuno rivolgersi al proprio pediatra per segnalare la situazione e chiedere maggiori informazioni.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Prodotti biologici per la cura del corpo: la proposta di Mediterranea Cosmetics

Zara abbigliamento bambina: 5 vestitini da non perdere

Leggi anche
  • ZainoZaino scuola per bambini: modelli e marche migliori

    Le vacanze estive stanno finendo ed è tempo di pensare al rietro a scuola; Zaino scuola per bambini: modelli e marche migliori.

  • Zaini Trolley con personaggi famosiZaini Trolley con personaggi famosi
  • zaini scuolaZaini scuola: quale scegliere per i propri figli

    La scelta degli zaini scuola per i figli è fondamentale per affrontare l’anno scolastico in arrivo. Sicuramente alla moda, ma comodi e di qualità.

  • Zaini elementari bimba: le tendenze del momentoZaini elementari bimba: le tendenze del momento

    Con l’inizio delle scuole elementari è importante scegliere,per la propria bambina, uno zaino comodo e capiente ma al passo con le tendenze del momento.

  • 
    Loading...
  • zaini elementari bambinoZaini elementari bambino: quale acquistare

    Lo zaino è l’accessorio fondamentale per la scuola elementare: in esso verranno riposti tutti gli oggetti necessari per affrontare la quotidianità scolastica. Quali caratteristiche deve avere uno zaino adatto ad un bambino? Di seguito i modelli migliori.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.