Suggerimenti per incoraggiare il bambino a parlare

Ecco tutto ciò che dovresti sapere in base all'età del tuo piccolo.

Esistono diverse tecniche per incoraggiare il bambino a parlare. Prima che il tuo bambino possa iniziare a formare parole che abbiano un senso, balbetta e fa suoni carini. Questo è quello che chiamiamo baby talk ed è la cosa più adorabile a cui si possa assistere come genitore.

Ma questo significa davvero che il tuo bambino è pronto a dire le sue prime parole?

Imparare a parlare è un’enorme pietra miliare per il tuo bambino che molto probabilmente si verificherà nei primi tre anni della loro vita perché è quando il loro sviluppo cerebrale è al suo massimo. Questo è il momento in cui il tuo bambino sta imparando e sperimentando come possono suonare diverse voci. Quando sono vicini ai 2 anni, imparano a mettere insieme questi suoni e formare parole per esprimere i loro bisogni.

Ecco alcuni suggerimenti per incoraggiare il bambino a parlare.

Dalla nascita ai tre mesi

Durante questo periodo, il tuo bambino ti guarda in faccia e ti ascolta quando parli. Cercherà di balbettare e strillare, nel tentativo di riprodurre i suoni che stai facendo tu. Tende ad essere attratto dai suoni musicali, perché è in questo periodo che inizia a emettere suoni tubanti. Durante questo periodo, puoi:

  • Cantare per lui, perché è più probabile che capisca le parole e i gesti se gli si parla sotto forma di canzoni.

    Cantargli delle filastrocche e conversare con lui a ritmo.

  • Parla quando sei con lui. Puoi parlare al tuo bambino o parlare con gli altri intorno a lui. Non capirà quello che stai dicendo ma osserverà i suoni che stai facendo.

Dai tre ai sei mesi

Intorno a questo periodo, il tuo piccolo inizierà a balbettare ed emettere suoni casuali. Potrebbe anche iniziare a rispondere al suo nome e usare il tono della sua voce per esprimere il suo umore. Per incoraggiarlo a dire parole, potresti:

  • Parlare lentamente mantenendo il contatto visivo.
  • Emettere suoni muovendo la bocca, perché cercherà di imitarti.
  • Ripetere quello che sta cercando di dire per iniziare un dialogo a due.

Da nove a dodici mesi

A questo punto, il tuo bambino inizierà a capire parole e istruzioni semplici. Se gli dici di no, saprà cosa significa. Può anche iniziare a riconoscere suoni e persone. Se gli chiedi “dov’è la mamma?”, potrebbe indicare verso di te. Puoi incoraggiarlo in questi modi:

  • Accompagnare le parole con dei gesti. Per esempio, quando dici “ciao ciao”, agita la mano e assicurati che ti guardi.
  • Cercare di etichettare tutto quello che c’è in casa, compresi i suoi giocattoli, in modo che possa associare i suoni agli oggetti che vede quotidianamente.

come incoraggiare il bambino a parlare

Da dodici a diciotto mesi

La maggior parte dei bambini in questa fase ha imparato a dire “mamma” e “papà” sapendo cosa significa. Può anche iniziare a risponderti quando gli vengono date brevi istruzioni. Per esempio, se gli chiedi di raccogliere la palla, capirà e lo farà. Se gli chiedi “vuoi dell’acqua?”, risponderà.

In questa fase, è meglio se:

  • Fai domande su quello che sta facendo.
  • Gli chiedi di nominare gli oggetti. Se ci riesce premialo con baci e abbracci; batti le mani per assicurarti che sappiano di aver fatto bene.
  • Leggi con lui libri che abbiano molte immagini. Per esempio, un libro che contiene nomi di animali, o frutta, o altri oggetti.

Da due anni a tre anni

A questo punto, le abilità linguistiche del tuo bambino si saranno sviluppate drasticamente. Avrà un vocabolario più grande e sarà in grado di mettere insieme le parole per formare semplici frasi. Sarà in grado di rispondere a semplici domande, nominare oggetti e fare gesti insieme alle parole. Si può incoraggiare ulteriormente il suo sviluppo linguistico:

  • Intrattenerlo con un sacco di giochi di finzione, creando storie e dialoghi immaginari con le sue bambole.
  • Guardare i cartoni animati con lui.
  • Fare domande aperte a cui può rispondere con un semplice sì o no. Questo lo incoraggerà a formare le sue idee e opinioni.
  • Insegnare la forma, la dimensione e i numeri.
Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cosa mettere in una borsa da ospedale: prodotti indispensabili

Come aiutare il bambino a camminare: soluzioni efficaci

Leggi anche
  • ZainoZaino scuola per bambini: modelli e marche migliori

    Le vacanze estive stanno finendo ed è tempo di pensare al rietro a scuola; Zaino scuola per bambini: modelli e marche migliori.

  • zaini scuolaZaini scuola: quale scegliere per i propri figli

    La scelta degli zaini scuola per i figli è fondamentale per affrontare l’anno scolastico in arrivo. Sicuramente alla moda, ma comodi e di qualità.

  • Loading...
  • zaini per bambiniZaini per bambini: il meglio per la scuola

    Gli zaini per bambini per il ritorno tra i banchi sono in vario tipo, con fantasie e stili diversi: dai personaggi Disney ai super eroi sino a Batman.

  • zaino elementare bambina 2Zaini elementari bimba: le tendenze del momento

    Con l’inizio delle scuole elementari è importante scegliere,per la propria bambina, uno zaino comodo e capiente ma al passo con le tendenze del momento.

  • zaini elementari bambinoZaini elementari bambino: quale acquistare

    Lo zaino è l’accessorio fondamentale per la scuola elementare: in esso verranno riposti tutti gli oggetti necessari per affrontare la quotidianità scolastica. Quali caratteristiche deve avere uno zaino adatto ad un bambino? Di seguito i modelli migliori.

Contents.media