Streptococco di gruppo B in gravidanza: cos’è e cosa sapere

Che effetti ha su di voi, sul vostro travaglio e sul vostro bambino? Ecco cosa c'è da sapere.

Di solito, tra la 36a e la 38a settimana di gravidanza, il vostro medico curante effettua uno screening di routine per lo streptococco di gruppo B, verificando se siete positive o negative. Ma cos’è lo Streptococco di Gruppo B (SGB)? Che effetti ha su di voi, sul vostro travaglio e sul vostro bambino? Ecco cosa c’è da sapere.

Che cos’è lo streptococco di gruppo B?

Lo streptococco di gruppo B (SGB) è un’infezione batterica che vive naturalmente nell’intestino e migra verso il tratto urinario, la vagina e/o il retto (lo streptococco di gruppo B non è una malattia a trasmissione sessuale). Sia gli uomini che le donne possono essere “portatori” o “colonizzati” dal SGB. Per la maggior parte delle persone non ci sono sintomi legati alla presenza del batterio SGB.

Come si esegue il test per la GBS?

In Italia è ormai consuetudine che tutte le donne incinte vengano sottoposte al test di routine a 36-38 settimane durante ogni gravidanza. I livelli di SGB possono cambiare durante ogni gravidanza, quindi i risultati potrebbero variare da una gravidanza all’altra. Per questo motivo, i test vengono eseguiti a ogni gravidanza, indipendentemente dal fatto che siate state precedentemente positive o negative.

Il test prevede un tampone della vagina e del retto, che viene poi portato in laboratorio per vedere se il SGBcresce.

I risultati del test sono solitamente disponibili entro 24-48 ore.

Cosa succede se sono positiva allo streptococco di gruppo B?

Se il test è positivo, significa che si è portatori. Non c’è nulla di cui vergognarsi. Non cambierà nulla durante le visite prenatali (poiché gli antibiotici somministrati prima dell’inizio del travaglio sono inefficaci nel prevenire la trasmissione del SGB). La differenza è che durante il travaglio vi verranno somministrati antibiotici per proteggere il vostro bambino dal contrarre la SGB durante il parto.

Se siete positive, ci sono alcuni fattori di rischio a cui dovete prestare attenzione, perché possono indicare che siete a maggior rischio di partorire un bambino con SGB. Secondo l’ACOG, questi fattori di rischio sono:

  • Età gestazionale inferiore a 37 settimane
  • Neonati di peso molto basso alla nascita
  • Rottura prolungata delle membrane (>18 ore)
  • Infezione intraamniotica
  • Giovane età materna
  • SGB trovato nelle urine

Streptococco di gruppo B gravidanza cos'è

Che effetto avrà lo streptococco di gruppo B sul mio bambino?

La SGB può essere trasmessa dalla madre al figlio prima o durante il parto e può comparire da poche ore a pochi giorni dopo la nascita del bambino. I sintomi precoci nei neonati comprendono:

  • Segni e sintomi che si manifestano entro la prima settimana di vita
  • Problemi di respirazione
  • Febbre
  • Difficoltà di alimentazione e respirazione
  • Irritabilità o letargia
  • Instabilità cardiaca e della pressione sanguigna
  • Problemi gastrointestinali e renali
  • Colorazione blu della pelle

Devo essere curata per la SGB se sto per avere un parto cesareo?

Se si è positivi al SGB e il travaglio non è ancora iniziato e/o non si sono rotte le acque, non è necessario essere curati durante il parto. Tuttavia, se siete positive e il travaglio è iniziato e/o le acque si sono rotte, dovrete comunque essere curate anche se avete un parto cesareo.

Leggi anche:

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I benefici comprovati delle cure chiropratiche in gravidanza

Come limitare la diastasi in gravidanza: preziosi consigli

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Loading...
  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contentsads.com