Strategie del sonno che funzionano (da 12 a 24 mesi)

Osserva i segnali del tuo bambino e concentrati su di essi.

Già sai cosa dicono gli esperti riguardo alle strategie del sonno: stabilisci una routine regolare e insegna al bambino ad addormentarsi da solo. Sembra fantastico, ma funziona davvero?

Stabilire un rituale coerente per andare a letto – uno che includa qualche variazione su bagno, libro e letto – è il metodo numero adottato dai genitori.

Le seguenti sono altre strategie di sonno che hanno funzionato per altre famiglie. Qualunque strada scegli, ricorda questo: ciò che funziona per una famiglia potrebbe non funzionare per te, quindi fai ciò che è meglio per te e per il tuo bambino.

Suoni confortanti

“Ho comprato un dispositivo che ha circa otto suoni, come rumore bianco, battiti cardiaci, pioggia, oceano e ruscelli. Lo uso per ogni pisolino per aiutare a coprire i rumori del giorno e anche di notte”.

Aiuti per il sonno

“Dalla prima notte che l’abbiamo portato a casa, abbiamo messo un orsacchiotto contro il lato della culla e uno a capo della culla. Teniamo un secchio di ciucci vicino a lui così uno è sempre a portata di mano”.

“Mio figlio di 12 mesi dorme con il suo ‘amico’ Elmo. Passerà mezz’ora a parlare con Elmo la mattina, il che ci fa dormire di più.

Ha anche una coperta molto morbida con cui si coccola”.

“Abbiamo introdotto Megan ai libri molto presto. Quando è l’ora del pisolino, mettiamo della musica e lei sceglie circa quattro libri che può portare nella culla con sé. Mi manda un bacio e io le dico di fare un bel sonnellino e che la vedrò tra un po’. Poi me ne vado e lei ‘legge’ finché non si addormenta”.

Osservare i segnali di sonnolenza

“Il mio miglior consiglio è quello di osservare i segnali del tuo bambino, cioè strofinarsi gli occhi, agitarsi, succhiarsi le dita o il pollice. Nel momento in cui lo vediamo fare una di queste cose, lo mettiamo nella sua culla e si addormenta subito”.

Strategie del sonno bambino

Ora della nanna personalizzata

“Non rendere l’ora della nanna una lotta. Non tutti i bambini vanno a dormire alle 19.00 e si svegliano alle 5.00. Nostro figlio dorme dalle 21.00 alle 7.30. Quest’orario viene cambiato raramente e lui dorme senza problemi”.

Dire le preghiere

“Mio figlio di 3 anni ha iniziato a svegliarsi nel cuore della notte con incubi, e aveva paura di andare a dormire per paura dei sogni. Una notte ero nella mia stanza a dire le mie preghiere della buonanotte e lui è venuto a vedere cosa stavo facendo. Gli ho permesso di unirsi a me e nella preghiera ho detto che speravo che dormisse senza incubi quella notte. Dopodiché ha dormito tutta la notte, e da allora questo è diventato un rituale. È anche un momento per noi due per rilassarci e parlare delle cose buone e cattive che sono successe quel giorno”.

Orari coerenti, anche durante le vacanze

“Mio figlio ha sempre mantenuto lo stesso orario di sonno e, non appena vedevamo che si addormentava, lo mettevamo giù. Ma con tutta l’eccitazione delle vacanze era troppo occupato per notare che era stanco – e anche noi. A Natale abbiamo tenuto d’occhio l’orologio e lo abbiamo portato in una stanza tranquilla per un po’ di tempo libero e un pisolino – anche se non sembrava stanco. Ha finito per dormire ogni volta e le notti non erano più un problema”.

Strategie del sonno neonato

Metodo del pianto controllato

“Dopo settimane di ripetuti risvegli notturni, abbiamo deciso di provare la tecnica in cui si lascia piangere il bambino per 15 minuti e poi si entra e lo si calma verbalmente. Nicholas ha pianto per 15 minuti, poi siamo entrati e l’abbiamo ‘calmato’. La notte successiva l’ha fatto di nuovo, ma ha pianto solo per dieci minuti. Non è successo la notte successiva”.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Va bene usare una luce notturna nella stanza del bambino?

Circostanze che complicano l’addestramento al sonno

Leggi anche
  • ZainoZaino scuola per bambini: modelli e marche migliori

    Le vacanze estive stanno finendo ed è tempo di pensare al rietro a scuola; Zaino scuola per bambini: modelli e marche migliori.

  • zaini scuolaZaini scuola: quale scegliere per i propri figli

    La scelta degli zaini scuola per i figli è fondamentale per affrontare l’anno scolastico in arrivo. Sicuramente alla moda, ma comodi e di qualità.

  • Loading...
  • zaini per bambiniZaini per bambini: il meglio per la scuola

    Gli zaini per bambini per il ritorno tra i banchi sono in vario tipo, con fantasie e stili diversi: dai personaggi Disney ai super eroi sino a Batman.

  • zaino elementare bambina 2Zaini elementari bimba: le tendenze del momento

    Con l’inizio delle scuole elementari è importante scegliere,per la propria bambina, uno zaino comodo e capiente ma al passo con le tendenze del momento.

  • zaini elementari bambinoZaini elementari bambino: quale acquistare

    Lo zaino è l’accessorio fondamentale per la scuola elementare: in esso verranno riposti tutti gli oggetti necessari per affrontare la quotidianità scolastica. Quali caratteristiche deve avere uno zaino adatto ad un bambino? Di seguito i modelli migliori.

Contents.media