Notizie.it logo

Sepsi tra adolescenti

Sepsi tra adolescenti

La sepsi è una grave reazione ad un’infezione che induce il corpo ad attaccare sé. La condizione può essere pericolosa per la vita, se non è diagnosticata precocemente o se la persona infetta non riceve attenzione medica immediata. Anche se la sepsi è più comune nei bambini e quelli con condizioni mediche pre-esistenti, è possibile per un adolescente sviluppare la malattia e, secondo il sito web KidsHealth. Perché può minacciare la vita dei tuoi ragazzi, conoscere i segni e sintomi di sepsi è fondamentale.
Definizione e prevalenza
La sepsi è una complicazione associata ad un’infezione preesistente. Secondo MayoClinic.com, sepsi si verifica quando il corpo sostanze chimiche dei tuoi ragazzi combatte un’infezione che entra nel suo flusso sanguigno e causa infiammazioni. La sepsi è definita semplicemente come l’infiammazione, e può portare a danni agli organi, insufficienza d’organo e morte.

La sepsi può verificarsi anche in individui sani, ma è più probabile che influenzi i neonati, gli anziani e le persone con sistema immunitario compromesso, come quelli con l’HIV o l’AIDS.

Fattori di rischio
Qualsiasi tipo di infezione mette il vostro teenager ad un aumentato rischio di sviluppare la sepsi. Le infezioni che più frequentemente portano alla sepsi comprendono la polmonite, infezioni renali, infezioni del sangue e infezioni nell’addome, secondo MayoClinic.com.
Segni e sintomi
La febbre è un sintomo principale di sepsi, ma dal momento che la febbre è presente anche con molte altre condizioni, è essenziale essere alla ricerca di segni aggiuntivi che il vostro teenager potrebbe sviluppare. Secondo MayoClinic.com, la temperatura del vostro adolescente potrebbe scendere, invece, che è un altro indizio che sta sviluppando la sepsi.

Una rapida frequenza cardiaca di oltre 90 battiti al minuto o un tasso di respirazione rapida di oltre 20 respiri al minuto sono bandiere rosse aggiuntive per sepsi.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche