Sanguinamento rettale post-parto: cosa fare

Esistono diversi rimedi naturali da poter provare. Ecco quali sono.

Il sanguinamento rettale post-parto è tipicamente causato dalle emorroidi, vene varicose dentro e intorno al retto. Le emorroidi sono relativamente comuni durante la gravidanza, in particolare nell’ultimo trimestre e nelle settimane dopo il parto. Se ti sforzi durante un movimento intestinale o le feci sono dure – uno scenario comune se soffri di stitichezza – o strofini le emorroidi esposte quando ti pulisci, queste vene gonfie possono sanguinare.

Avere feci dure come risultato della stitichezza può anche causare crepe nella pelle dell’ano. Queste sono chiamate ragadi anali e possono essere abbastanza dolorose, in particolare durante e subito dopo un movimento intestinale. Anche se questi sono di gran lunga i colpevoli più probabili durante la gravidanza e dopo il parto, anche le malattie gastrointestinali possono causare sanguinamento rettale.

Cosa posso fare per prevenire il sanguinamento rettale post-parto?

Non è raro che l’intestino sia un po’ lento nei giorni successivi al parto. Poiché sia le emorroidi che le ragadi anali sono spesso causate e irritate dalla stitichezza, rimanere regolari può aiutare. Questi consigli sono perfetti da mettere in pratica sia durante la gravidanza che dopo aver partorito. Ecco alcuni consigli per prevenire e alleviare la stitichezza:

  1. Mangiare cibi ricchi di fibre come cereali, pane integrale, fagioli, frutta e verdura fresca ogni giorno.

    Se non basta, prova ad aggiungere un paio di cucchiai di crusca di grano non lavorata ai tuoi cereali al mattino. Potresti voler iniziare con una piccola quantità di crusca e aumentare gradualmente la quantità per evitare di produrre troppi gas. Assicurati di accompagnarla con un grande bicchiere d’acqua.

  2. Bevi molta acqua. Anche un bicchiere di succo di frutta ogni giorno, specialmente di prugna, può essere utile. Inoltre, fai esercizio fisico regolarmente. Camminare, nuotare e fare yoga possono aiutare ad alleviare la stitichezza e farti sentire più in forma e in salute.
  3. Ascolta il tuo corpo. Non rimandare mai di andare in bagno quando ne senti il bisogno, anche se il tuo sedere ti fa male ed è scomodo farlo. Aspettare non farà che aggravare il problema.
  4. Chiedi al tuo medico di prendere un integratore di fibre da banco, un ammorbidente per feci o un lassativo leggero.

Cosa posso fare per avere sollievo?

Ecco alcuni suggerimenti per aiutarti a trattare le emorroidi e le ragadi anali.

Bagno sitz

Fai un “bagno sitz” più volte al giorno immergendo il sedere in acqua calda per circa 10-15 minuti. Puoi usare una bacinella portatile che si inserisce nel bagno, o puoi semplicemente riempire la tua vasca con qualche centimetro di acqua calda. Non aggiungere saponi o bagnoschiuma. La maggior parte degli ospedali ti darà la bacinella portatile per un bagno sitz durante il soggiorno post-partum se la chiedi, e potrai portarla a casa con te. Altrimenti, puoi tranquillamente comprarne una in farmacia.

Rilassare i muscoli anali durante il bagno aiuterà a massimizzare il flusso di sangue – e la guarigione – nella zona. Imparare a rilassare questi muscoli può anche aiutare a rendere i movimenti intestinali meno dolorosi. Per identificare questi muscoli, basta contrarre gli stessi muscoli che usi per smettere di urinare o per avere un movimento intestinale e poi rilassarli, come faresti quando fai gli esercizi di Kegel. Fallo alcune volte mentre fai il tuo bagno sitz.

Inoltre, fai gli esercizi di Kegel anche quando non sei nella vasca, per aiutare a rafforzare e tonificare i muscoli intorno alla vagina e all’uretra, il che aiuterà il recupero post-partum.

Rimedi naturali

Per le emorroidi, alcune donne trovano conforto con un impacco di ghiaccio o impacchi freddi imbevuti di amamelide, mentre altre adorano un cuscinetto riscaldante. Prova ad alternare trattamenti caldi e freddi: inizia con un impacco di ghiaccio seguito da un bagno sitz caldo.

Usa carta igienica morbida, bianca e non profumata, che causa meno irritazioni rispetto alle varietà colorate o profumate. Anche inumidire il tessuto può aiutare, o usare invece salviette per bambini o salviette umide saturate con amamelide.

Sanguinamento rettale post-parto mamme

Farmaci

Chiedi al medico di prescriverti un anestetico topico sicuro o, per le emorroidi, una supposta medicata. Nota: se hai avuto un’episiotomia o uno strappo che si estende nel retto, è particolarmente importante non mettere nulla – comprese le supposte – nel retto fino a quando non ti viene dato l’ok dal tuo operatore sanitario.

Ci sono molti prodotti di questo tipo sul mercato, ma la maggior parte dovrebbe essere usata solo per un breve ciclo di trattamento (una settimana o meno). L’uso continuato può causare ancora più infiammazione. Per un sollievo temporaneo, puoi prendere acetaminofene o ibuprofene, anche se stai allattando. Non usare però l’aspirina o prodotti contenenti aspirina se sei una mamma che allatta. Inoltre, non prendere più della quantità raccomandata e, se il dolore continua, parla con la tua ostetrica o il tuo medico.

Tieni a mente che i farmaci contenenti oppioidi possono causare costipazione, quindi evitali dopo i primi giorni post-partum.

Il sanguinamento rettale post-parto è un segno di un problema serio?

Di solito no, ma può esserlo, quindi assicurati di farlo sapere al tuo medico. Il sanguinamento causato dalle emorroidi di solito si ferma da solo, soprattutto se si fanno dei cambiamenti per tenere a bada la stitichezza.

In casi gravi, però, potresti essere indirizzata a uno specialista per il trattamento, che può includere un piccolo intervento chirurgico. Allo stesso modo, se hai delle ragadi anali che non stanno guarendo, la tua ostetrica o il tuo medico possono mandarti da uno specialista per aiutarti.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Infezioni post-parto: tutto ciò che devi sapere

Incontinenza anale post-parto: come affrontarla

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Loading...
  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contents.media