Notizie.it logo

Salviettine intime: l’igiene a portata di mano

perdite vaginali maleodoranti

Le salviettine intime sono comode, pratiche e sono una soluzione per quando si sta fuori tutta la giornata: come vanno usate

Le salviette sono comode e pratiche, una soluzione per l’igiene intima quando si è fuori per una giornata intera ma anche a lavoro, a scuola o a casa se abbiamo poco tempo. Freschezza e igiene a portata di mano, insomma.

Come vanno usate?

La praticità delle salviettine intime non sta solo nel fatto di essere sempre disponibili dovunque si vada ma anche nel loro utilizzo: infatti, sono davvero facili da usare. Il principio è quello della carta igienica: bisogna detergersi partendo dalla vagina e andando verso la zona perianale, mai viceversa. Questo per impedire a eventuali batteri intestinali di contaminare altre zone intime. Sono usa e getta, vanno usate una volta sola e gettate nell’indifferenziato, ma ci sono anche le salviette biodegradabili, che possono essere buttate direttamente nel WC. Dopo aver utilizzato una salvietta, la confezione va chiusa accuratamente, affinché le salviette rimanenti si mantengano umide e pulite, pronte al successivo utilizzo. Ci sono prodotti adatti anche alle bambine.

Cosa contengono? Gli estratti

L’offerta è varia, basta cercare quella più adatta a voi, per esempio tra i prodotti per l’igiene intima Neutro Roberts. Sono consigliati i prodotti che contengono estratti naturali al 100%, testati con la supervisione di ginecologi e pediatri. I saponi e le salviette intime possono contenere varie sostanze, per venire incontro a diverse esigenze. La camomilla, per esempio, ha proprietà addolcenti e il profumo è molto rassicurante e delicato. I prodotti alla calendula alleviano pruriti e bruciori in virtù del potere lenitivo di questa pianta. L’aloe vera, invece, contribuisce a rilasciare una gradevole sensazione di freschezza. Alcuni produttori possono prevedere una linea dedicata al Tea Tree, che ha effetti antibatterici, aiuta a mantenere quotidianamente l’equilibrio intimo e preserva quest’ultimo da agenti aggressivi esterni.

Una corretta igiene intima

L’importante è detergersi con acqua e sapone neutro, che non modifica la microflora locale. Potrebbe capitare di non avere la possibilità di lavarsi: in questo caso, l’utilizzo delle salviette intime è assolutamente consigliato per ovviare all’impossibilità di detergersi con acqua. Non utilizzate prodotti qualsiasi, le salviette devono essere testate e approvate. Le zone intime del nostro corpo hanno un determinato ambiente batterico, il cui delicato equilibrio costituisce un efficiente schermo difensivo contro le aggressioni provenienti dall’esterno. Questo è ancora più vero nei giorni del ciclo mestruale o nel periodo estivo, perché il caldo è un fattore che aumenta le probabilità di incorrere in alterazioni dell’equilibrio fisiologico a causa di infezioni batteriche. Ecco perché una corretta igiene intima è fondamentale.

Cosa evitare

Tra le azioni da evitare per garantirsi una corretta igiene intima c’è quella di utilizzare il sapone, che è molto alcalino e va ad aggredire lo strato protettivo della pelle, che è già particolarmente sensibile, nelle zone intime. Non è necessario nemmeno utilizzare profumi o deodoranti, che non fanno benissimo.<

Sarebbe bene, poi, non indossare biancheria attillata o realizzata in materiale sintetico, che non fa traspirare la pelle con un aumento della temperatura e dell’umidità. Questo fa riprodurre i microbi. Invece, gli indumenti intimi sintetici irritano la pelle, che è soggetta a sfregamento. Tutto ciò favorisce le infezioni vaginali.

Il salvaslip non favorisce la traspirazione, come gli assorbenti, in quanto le mestruazioni rimangono a contatto con la pelle. Il salvaslip e l’assorbente vanno cambiati ogni 3 o 4 ore, prima di andare a letto e quando ci si alza.

© Riproduzione riservata
Leggi anche
  • Zenzero contro la nauseaZenzero contro la nauseaLo zenzero è utile per combattere la nausea che di solito è una conseguenza della chemioterapia, dell’avvelenamento da ...