Ritardare la formula del latte vaccino per soli tre giorni potrebbe ridurre le allergie

Secondo alcuni studi, potresti voler evitare questa formula per alcuni giorni.

Se scegli di allattare il tuo bambino con la formula, aspettare solo tre giorni prima di introdurre il latte vaccino potrebbe ridurre il suo rischio di sviluppare un’allergia.

Seguendo questo consiglio si potrebbero prevenire anche le allergie al grano e alle uova.

La ricerca è preliminare e sono necessari altri studi. Tuttavia, i risultati potrebbero alla fine portare a nuove linee guida sull’introduzione della formula, se reggono durante la ricerca futura. Idealmente, è meglio allattare al seno il tuo bambino esclusivamente fino a quando ha tra i 4 e i 6 mesi. Così facendo aiuta a rafforzare il sistema immunitario e può anche abbassare il suo rischio di sviluppare il latte vaccino e alcune altre allergie, secondo l’American Academy of Allergy, Asthma & Immunology.

Latte vaccino: cosa fare

Se non sei in grado di allattare esclusivamente al seno il tuo bambino o scegli di allattare in formula, il tipo di formula che usi è importante. I ricercatori in Giappone hanno testato questa teoria assegnando a caso più di 300 neonati e le loro mamme a due gruppi. Nel primo gruppo, le mamme sono state istruite ad allattare al seno i loro bambini per almeno i primi tre giorni di vita.

Erano autorizzate a dare ai bambini gocce di aminoacidi durante questo periodo, ma nient’altro. Successivamente, potevano introdurre una formula a base di latte vaccino se volevano, e molti lo hanno fatto.

Nel secondo gruppo, le mamme hanno nutrito i loro bambini sia con latte materno che con formula derivata dal latte di mucca per i primi tre giorni di vita, e hanno continuato così fino a quando i loro bambini avevano almeno 5 mesi. Tutti i bambini avevano almeno un membro immediato della famiglia con una malattia allergica come l’asma, il che significa che erano a rischio superiore alla media per sviluppare sensibilità al cibo e al latte.

I ricercatori hanno seguito i bambini fino all’età di 2 anni, testandoli periodicamente per il latte vaccino e altre allergie alimentari. Tra i bambini nutriti con latte vaccino dalla nascita, il 32% ha sviluppato un’allergia o una sensibilità al latte vaccino. Al contrario, il 17 per cento dei bambini allattati esclusivamente al seno per i primi tre giorni di vita era sensibile al latte di mucca. Altri tipi di allergie alimentari, come le allergie al grano e all’uovo, erano anche significativamente più comuni tra i bambini alimentati con latte vaccino dalla nascita.

Ipotesi

Gli autori hanno ipotizzato che l’introduzione della formula possa interferire con i batteri nel pancino dei bambini. Ciò li rende più inclini alle allergie alimentari in seguito. Altre ricerche sono necessarie per vedere se i risultati possono essere replicati in altre impostazioni. Inoltre, ci possono essere altri fattori che hanno influenzato il rischio di allergia dei bambini che non sono stati presi in considerazione.

Tuttavia, evitare la formula di latte vaccino per almeno tre giorni è relativamente semplice da attuare per la maggior parte dei genitori. Se non sei in grado di allattare al seno, prova formule per bambini idrolizzate invece di latte vaccino e formule di soia.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come far fare il ruttino al tuo bambino

Le persone dovrebbero lavarsi le mani prima di tenere in braccio un neonato?

Leggi anche
  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • vista neonatiVista neonati: quando si sviluppa

    Cosa vedono i bambini nella pancia e subito dopo la nascita? Scopriamolo

  • 183Viaggio neonato Ryanair
  • Loading...
  • 173Viaggio neonato Alitalia
  • 183Viaggio neonato Air Dolomiti
Contents.media