Rinite allergica in gravidanza: come curarla

Rinite allergica in gravidanza: di cosa si tratta, quali sono i sintomi e i medicinali consigliati durante i nove mesi di gestazione.

Starnuti a raffica, naso che cola, prurito, lacrimazione e occhi rossi. Ecco i caratteristici sintomi della rinite, la manifestazione allergica stagionale più comune e frequente tra la popolazione. Rinite allergica in gravidanza, come curarla? Scopriamolo insieme.

Rinite allergica in gravidanza

Con l’arrivo della primavera, ma non solo, molte donne in gravidanza possono soffrire di allergia ai pollini e manifestare episodi di rinite, una patologia frequente dovuta a reazioni di particolari anticorpi nei confronti di sostanze abitualmente innocue. Nella maggior parte dei casi si tratta di patologie di breve durata, ma le allergie respiratorie sono molto comuni in gravidanza – ne soffre infatti oltre il 20% delle future mamme – e i sintomi possono peggiorare a causa dei cambiamenti ormonali. Curarsi in gravidanza è possibile, se necessario.

La rinite è un’infiammazione della mucosa nasale che si manifesta clinicamente con comuni sintomi quali prurito, ostruzione, congestione e secrezioni nasali. Questa sintomatologia peggiora nel 30% delle donne, a causa della vasodilatazione e dell’azione ormonale sui corrispettivi recettori presenti nei mastociti. In virtù dei cambiamenti ormonali, il primo e l’ultimo mese di gravidanza comportano un minore rischio di riacutizzazione asmatica, mentre il secondo e il terzo trimestre sono a maggior rischio.

I sintomi della rinite sono molto simili a quelli di un normale raffreddore, per cui chi soffre di questo disturbo manifesterà:

  • naso chiuso e difficoltà respiratorie, soprattutto di notte;
  • minore capacità di percepire gli odori;
  • rinolalia chiusa, ovvero la voce nasale;
  • mucorrea, quindi la costante produzione di muco;
  • starnuti molto frequenti;
  • sensazione di prurito all’interno del naso.

Come curare la rinite allergica in gravidanza

Il trattamento della rinite allergica si basa nell’eliminare o quanto meno evitare gli allergeni scatenanti la sintomatologia e sulla terapia farmacologica. Di norma, le pazienti in gravidanza con sintomi lievi o di breve durata non richiedono alcun trattamento farmacologico. Qualora questo si rendesse necessario, in generale è consigliabile prescrivere il farmaco più efficace per la paziente e con i minori rischi materno-fetali.

Tra i farmaci più indicati ci sono gli antistaminici topici intranasali e orali. Gli antistaminici di prima generazione, invece, sono sconsigliati per il loro effetto sedativo. Si può ricorrere poi al sodio cromoglicato e ai corticosteroidi. Inoltre, possono essere utilizzati anche decongestionanti della mucosa nasale; tuttavia, in gravidanza se ne sconsiglia l’impiego ad alte dosi e a somministrazione ripetuta per i possibili effetti vasocostrittori sulla circolazione utero-placentare.

Queste stesse indicazioni valgono anche nella fase di allattamento, ma a ogni modo non sostituiscono il consulto con il proprio medico che, in base alla storia clinica della paziente, saprà valutare il trattamento necessario più opportuno.

Scritto da Francesca Belcastro
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Introduzione dei cibi solidi durante lo svezzamento: lo schema

Assistenza agli anziani: tutti i vantaggi del servizio di accompagnamento

Leggi anche
  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Yoga o meditazione zen in gravidanzaYoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

  • Loading...
  • yoga gravidanza terzo trimestreYoga in gravidanza nel terzo trimestre: gli esercizi

    Il terzo trimestre di gravidanza è il più pesante. La posizione della farfalla e la posizione propizia sono adatte per prepararsi al momento del parto

  • Yoga in gravidanza secondo trimestreYoga in gravidanza nel secondo trimestre: i consigli

    Nel secondo trimestre di gravidanza lo yoga è utile per mantenere l’elasticità del corpo in vista del parto. Quali posizioni eseguire senza rischi?

Contents.media