Rimanere incinta a 30 anni: due donne raccontano la loro esperienza

Due racconti che si plasmano su un unico, meraviglioso, viaggio.

Rimanere incinta a 30 anni è facile o può essere problematico? Due donne ci hanno raccontato le loro esperienze.

Rimanere incinta a 30 anni: la storia di Stacey

Facile concepire, difficile partorire

Quando Stacey Highsmith e suo marito Doug hanno deciso che volevano mettere su famiglia, Stacey ha smesso di prendere la pillola anticoncezionale e presto ha scoperto di essere incinta a 32 anni.

“Non mi aspettavo di rimanere incinta il primo mese che abbiamo provato. Ho preso la pillola anticoncezionale per 15 anni e ho sempre pensato che, avendo superato i 30 anni e avendo preso la pillola per così tanto tempo, ci sarebbe voluto più tempo per concepire”. Ebbene, questa è appunto la dimostrazione che un uso prolungato della pillola contraccettiva non influisce sul concepimento e sulla fertilità.

Per Stacey, rimanere incinta si è rivelata la parte facile.

La sua gravidanza è stata un’altra storia. Quando era alla sesta settimana, ha iniziato a vomitare e ha avuto la nausea per le 18 settimane successive. All’inizio era convinta di avere l’influenza intestinale perché era davvero debilitante. “Il peggio veniva di notte, dalle 9 di sera alle 3 del mattino”, dice. C’erano solo poche cose che Stacey poteva sopportare: bagel, tacchino, pretzel e budino. “Non potevo tollerare l’odore della cucina e nemmeno il cibo da asporto, così mio marito doveva mangiare tornando a casa dal lavoro ogni sera“.

Stacey ha cercato di mantenere il suo solito ritmo nonostante la nausea. “Avevo pretzel e ginger ale in macchina”, ricorda. “Non potevo sopportare di entrare in un ristorante, così lasciavo i miei clienti alla porta e li aspettavo in macchina”. Alla fine del suo secondo trimestre, Stacey ha sviluppato la pressione alta, che è rimasta un problema per tutto il resto della gravidanza. “La mia pressione sanguigna continuava a salire”, dice.

“Prima mi hanno detto solo di rallentare, poi ho dovuto smettere di lavorare, poi sono dovuta restare a letto. Sono finita in ospedale quattro volte per il monitoraggio. Sono stata essenzialmente agli arresti domiciliari per le ultime tre settimane della gravidanza. Alla fine, se mi alzavo anche solo per fare una doccia, la mia pressione sanguigna saliva di 20 punti”.

Un’esperienza difficile

Nonostante sia stata confinata a letto, Stacey ha continuato a lavorare: “Sono riuscita a fare un bel po’ di cose al telefono e al computer”, ricorda. “Ma era difficile per me essere sedentaria. Sono il tipo di persona a cui piace essere attiva, e improvvisamente non potevo nemmeno andare a fare la spesa“.

Stacey ha avuto un parto cesareo programmato tre settimane prima della data prevista. Anche se era piccola, sua figlia Charlotte era una bambina forte e sana. La pressione sanguigna è scesa quando era sul tavolo operatorio per il parto cesareo e non è più salita.

Forse perché era nata presto, Charlotte aveva tuttavia problemi di allattamento. Stacey aveva un sacco di latte; in effetti ne aveva così tanto che usciva a fiotti, il che rendeva difficile per il bambino attaccarsi. Per le sue prime settimane di vita, Charlotte era più interessata a dormire che a mangiare. Stacey e Doug hanno lavorato con diversi consulenti per l’allattamento, ma niente sembrava aiutare.

“Volevo davvero allattarla, ma era così difficile che continuavo a pensare che forse avremmo dovuto rinunciare e darle un biberon”, dice. “Non volevo avere alcuna formula in casa, perché non volevo essere tentata”.

Alla fine, quando Charlotte aveva quasi 2 mesi, l’allattamento divenne più facile e Stacey cominciò ad ambientarsi felicemente nella maternità. “Ero una di quelle persone che pensava che avrebbe avuto una bambina e naturalmente l’avrebbe amata, ma sarebbe tornata al lavoro e tutto sarebbe continuato come prima. Ora l’idea di lavorare part time mi sembra abbastanza buona. Averla mi ha addolcito l’anima“.

rimanere incinta a 30 anni esperienze

Rimanere incinta a 30 anni: la storia di Lisa

Due strade per la maternità

Per Lisa, una consulente di marketing, la strada verso la maternità ha preso delle svolte inaspettate. Lisa e suo marito, Darrell, hanno iniziato a provare a concepire quando lei aveva 31 anni. Dopo un anno di tentativi, la donna ha cercato aiuto in una nota clinica della fertilità a San Francisco. Lisa e Darrell sono stati entrambi testati per problemi di fertilità, ma i risultati erano normali. Per diversi mesi, a Lisa sono stati somministrati ormoni per produrre più e sono state effettuate diverse procedure di inseminazione artificiale, o inseminazione intrauterina (IUI) e poi un tentativo di fecondazione in vitro (IVF).

“Il posto era una grande fabbrica”, dice Lisa. “Nessuno sapeva il mio nome e non vedevo mai lo stesso medico due volte. Era solo una procedura dopo l’altra. Nessuno ci ha mai parlato di alternative come l’adozione”. Lisa ha deciso di cambiare clinica e ha trovato un dottore che le piaceva molto. Lui ricordava il suo nome e la vedeva ogni volta che lei veniva per un appuntamento. Si è sottoposta poi a un’altra procedura di FIVET, ma non ebbe successo.

Dopo che la FIVET non ha funzionato, Darrell ha detto: “Basta”, ricorda Lisa. La coppia ha iniziato a considerare l’adozione. “Molti uomini non sono interessati all’adozione – vogliono portare avanti la loro linea di sangue – ma Darrell non era così. Odiava vedermi fare tutte le iniezioni e le procedure. Voleva solo essere un genitore. Non doveva essere il suo figlio biologico”.

La coppia ha trovato un avvocato e ha avuto fortuna quasi subito: due mesi dopo hanno adottato una bambina appena nata, Emily. Poco dopo l’adozione, Lisa ha deciso di provare un altro test che il suo medico le aveva raccomandato, una laparoscopia. Questa procedura esplorativa utilizza una piccola telecamera per esaminare l’utero e le tube di Falloppio. Il test ha rilevato l’endometriosi nell’utero di Lisa. Il suo medico ha poi usato un laser per rimuovere il tessuto cicatriziale.

Il mese successivo, Lisa ha scoperto di essere incinta. Sedici mesi dopo aver adottato Emily, Lisa e Darrell hanno accolto Charlie.

Riflessioni e dubbi

Riflettendo sulla sua esperienza, Lisa osserva: “Ero così arrabbiata e mi incolpavo. Perché ero difettosa? I giorni più tristi e difficili sono stati quando aspettavo che la clinica chiamasse con i risultati. Ho ricevuto cattive notizie cinque volte. Era devastante ogni volta”.

Lisa pensa che la sua esperienza sia istruttiva. “C’è una tale pressione a spingere le persone verso gli interventi più costosi, quando a volte il problema è abbastanza semplice. Nelle cliniche della fertilità nessuno fa notare che ci sono altri modi per costruire una famiglia. In quell’ambiente, l’adozione sembra un fallimento”.

Lisa vuole diffondere questo messaggio di speranza ad altre donne che possono avere difficoltà a rimanere incinta: “Potete avere un bambino. Appena abbiamo portato a casa Emily, abbiamo sentito che era destino. Con un bambino adottato, è meno narcisistico: non sei sempre alla ricerca di modi in cui sono o non sono come te. Riesce a essere una persona a sé stante. Avere Emily mi ha aiutato a vedere mio figlio allo stesso modo”.

Rimanere incinta a 30 anni è possibile, ma non bisogna mai abbassare la guardia ed è necessario consultare il medico al primo campanello d’allarme.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Età e fertilità: rimanere incinta a 30 anni

Rimanere incinta a 20 anni: cosa sapere

Leggi anche
  • YogaYoga: può aiutare a rimanere incinta?

    Lo yoga potrebbe portare grandi benefici a 360 gradi.

  • vaccino antinfluenzaleVaccino antinfluenzale: è sicuro se si vuole una gravidanza?

    Il vaccino antinfluenzale può fare molto di più.

  • Loading...
  • Utero retroverso in gravidanzaUtero retroverso in gravidanza: problematiche possibili

    Un utero retroverso non crea alcun tipo di problema durante la gravidanza, anzi avere l’utero retroverso facilita la gravidanza. Scopri il perché.

  • VacanzaUna vacanza può aiutare a rimanere incinta?

    La luna di concepimento potrebbe essere particolarmente utile.

  • download30Una ragazza può rimanere incinta se ha il ciclo ?
Contentsads.com