Riconoscere i dolori della crescita: come e cosa fare

I dolori della crescita interessano il 10-20% di bambini tra i 4 e i 12 anni: ecco cosa sono e come riconoscerli.

Con l’inizio delle lezioni e la ripresa degli sport, tornano anche quei dolori che sono collegati a processi fisiologici di accrescimento, tanto da essere definiti dolori della crescita. Dopo aver fatto i dovuti controlli dal pediatra, si può poi vivere con tranquillità e serenità questi fastidi che colpiscono i bambini nella loro fase di sviluppo.

Come riconoscere i dolori della crescita e cosa fare?

Come riconoscere i dolori della crescita

Riconoscere i dolori della crescita non è molto semplice. Essi si manifestano nella fase di allungamento scheletrico e di solito interessano il 10-20% dei bambini trai 4 e i 12 anni. Si presentano come dolori muscolo-scheletrici, crampi o indolenzimenti. In genere, sono localizzati a livello di tibia, polpacci, cosce, colonna vertebrale e, talvolta, braccia.

Advertisements

Non è possibile prevenirli, anche a volte, nei bambini con episodi frequenti, la somministrazione di antidolorifici o antinfiammatori può prevenire l’insorgenza dei dolori. Solitamente, compaiono la sera o durante le prime ore del sonno, mai al mattino. Il bambino lamenta un dolore acuto e improvviso, che dura pochi minuti e poi svanisce rapidamente. Questa manifestazione di dolore si presenta per diverse notti e pian piano diventa sempre più lieve.

I sintomi

Gli episodi si presentano con dolore alle gambe e talvolta dietro le ginocchia. Anche le cosce possono essere interessate, mentre il dolore alle braccia è più raro. Gli episodi di dolore sono brevi, al massimo qualche decina di minuti, e come già detto, avvengono di sera. Al risveglio, il bambino non sente più alcun dolore, né ha difficoltà a muoversi.

Le cause

Il termine dolori di crescita potrebbe generare confusione e far pensare che proprio la crescita del bambino sia la causa.

In realtà non è così, dal momento che le cause sono sconosciute. Occasionalmente, i dolori possono essere più frequenti quando il bambino è sotto stress.

Come si fa la diagnosi

I dolori della crescita possono essere diagnosticati unicamente dal pediatra, sulla base della storia raccontata dai genitori e di una semplice visita del bambino che risulta perfettamente sano. Non risulta utile fare alcun tipo di accertamento, in quanto in questi casi tutti i valori sono normali.

Non è necessaria alcuna cura, dal momento che il dolore si risolve spontaneamente. Possono sicuramente essere d’aiuto i massaggi e, a volte, anche gli antidolorifici o gli antinfiammatori. Naturalmente, è importante che i genitori mantengano la calma e che non si facciano prendere dall’ansia, anzi dovrebbero rassicurare il bambino sul fatto che il dolore passerà.

Scritto da Francesca Belcastro
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Festa dei nonni: le migliori idee regalo

Nomi latini: il significato e i suggerimenti per i vostri figli

Leggi anche
  • Zenzero contro la nauseaZenzero contro la nausea
  • Zanzare bambini rimediZanzare: i rimedi per difendere i bambini

    Le zanzare in estate, ma spesso si presentano anche in inverno, rappresentano un fastidio continuo, ma per i bambini possono essere anche dannose. Ecco dei consigli per proteggere e prevenire i vostri figli dalle punture di questi insetti.

  • Yogurt magro, fa bene e ha meno calorieYogurt magro, fa bene e ha meno calorie
  • Yoghurt senza zuccheroYoghurt senza zucchero
  • 
    Loading...
  • vomito bambiniVomito bambini: cosa fare e come fermarlo

    Cosa causa il vomito nei bambini e come si può fermare? Cerchiamo di capire il perché molti bambini soffrono di tale disturbo.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.