Problemi con il parto: quando i piani vanno diversamente

Sebbene il più frequente evento sia un cesareo inaspettato, sono molti i problemi che potrebbero lasciarvi insoddisfatte della vostra esperienza.

Molte mamme affrontano una dura verità: possono presentarsi dei problemi con il parto e non abbiamo tutto il controllo che vorremmo avere. Infatti, spesso facciamo ricerche sulle nostre opzioni, scriviamo con cura i nostri piani per il parto, ci prepariamo mentalmente e fisicamente per il grande giorno e poi…

vediamo tutte le nostre ambizioni volare fuori dalla finestra mentre il travaglio si svolge.

Problemi con il parto: affrontare i fatti

Sebbene il più frequente evento del giorno del parto sia un cesareo inaspettato, sono molti gli eventi che potrebbero lasciarvi insoddisfatte della vostra esperienza di parto. Optare per un’epidurale nella foga del momento, quando in realtà speravate di non averne bisogno; sentire che il dolore del parto vi ha impedito di essere emotivamente presenti al momento della nascita; aver bisogno di un’episiotomia o di un parto assistito o semplicemente non sentire che la vostra équipe di nascita era dalla vostra parte.

Ci si può preparare all’infinito, eppure le cose vanno in modo completamente diverso dal previsto. L’esperienza, bella o brutta che sia, avrà un effetto profondo su di voi. La realtà potrebbe colpirvi duramente e rapidamente al momento del parto, oppure potreste rendervi conto di quanto siete turbate solo più tardi. Ma è importante riconoscere che le cose sono andate come sono andate e che va bene così.

Sentire i sentimenti

Le mamme che hanno avuto un parto difficile sono sottoposte a un vero e proprio processo di elaborazione del lutto. Vi siete preparate e avete immaginato questo giorno per mesi, e ora non potrete più viverlo come speravate. Avete subito una perdita, e questo può essere piuttosto devastante. Datevi il permesso di soffrire per la perdita dell’esperienza che speravate di vivere. Qualsiasi cosa stiate provando è valida. Potreste essere tristi, arrabbiate o deluse. Non cercate di nasconderlo.

Permettete a questi sentimenti di essere presenti, senza respingerli o soffocarli nella speranza che vadano via. È normale elaborare un po’ di lutto, anche se si tiene tra le braccia un bambino perfettamente sano. Essere tristi per come sono andate le cose non diminuisce l’amore per il vostro bambino.

Problemi con il parto consigli

Legame con il bambino

All’indomani di un parto andato male, potete ancora prendere provvedimenti per riportare le cose nei termini che preferite. Il fatto che alcune cose siano cambiate non significa automaticamente che tutto debba cambiare. Sfruttate al massimo ciò che si può controllare: non appena ve la sentite, portate il bambino pelle a pelle.

È quello che ha fatto una madre, con risultati positivi. Il parto cesareo d’urgenza le ha impedito di tenere in braccio il bambino (sono passate due ore prima che fosse abbastanza forte da farlo sdraiare sul suo petto), ma quando finalmente è successo, il neonato si è attaccato subito e non ha avuto problemi ad allattare.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come capire se il bambino sta per nascere: i segnali

Il personale in sala parto: chi sarà presente?

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Loading...
  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contents.media