Primi passi: con o senza scarpine?

Gli esperti sono d’accordo: quando il bebè inizia a camminare il piede non è ancora ben sviluppato e tende ad appiattirsi e a cedere verso l’interno. La conseguenza? La marcia a piedi nudi, soprattutto su un terreno vario ed accidentato come erba o sabbia, è il metodo migliore per far sì che il piede si sviluppi.

Ecco perché camminare a piedi nudi aiuta: permette alla muscolatura di rinforzarsi, consentendo la corretta formazione dell’arco plantare, caratteristicamente assente nei primi anni di vita. Il bambino nasce infatti con i piedi piatti – proprio così! – e solo dopo i tre anni si realizza la curvatura dell’arco plantare.

Se siete in casa, camminare a piedi nudi sul pavimento offre una minore stimolazione alla pianta, ma è ugualmente consigliato. Le scarpine dunque non aiutano affatto il bambino a camminare meglio, ma non sono del tutto inutili.

Infatti, quando il piccolo è un po’ più sicuro – oltre a proteggergli i piedini dal freddo – scegliete una scarpa con una punta ampia e suola flessibile per consentire una giusta libertà di movimento ed una completa articolazione delle dita.

Attenzione: una suola in gomma ostacola lo scivolamento tipico dei passi dei neonati, favorendo le cadute. Assolutamente bandite le scarpe prive di contrafforti (tela o pantofole) e le ortopediche con plantare e allacciatura sopra la caviglia.

Scritto da Laura Maisano
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Vestirsi da solo a due anni aumenta l’autostima

Il formaggio Asiago

Leggi anche
  • vista neonatiVista neonati: quando si sviluppa

    Cosa vedono i bambini nella pancia e subito dopo la nascita? Scopriamolo

  • Viaggio neonato RyanairViaggio neonato Ryanair
  • Viaggio neonato AlitaliaViaggio neonato Alitalia
  • Loading...
  • Viaggio neonato Air DolomitiViaggio neonato Air Dolomiti
  • Vestiti neonata battesimo estateVestiti neonata battesimo estate
Contents.media