I primi giorni a casa col bambino: cosa sapere

Una piccola guida per il magico ritorno a casa.

Probabilmente avete sentito che i primi giorni a casa col bambino sono un semplice mangiare, fare la cacca, piangere e dormire. Sembra facile, vero? Può sicuramente esserlo, ma è probabile che all’inizio non sembri così. Sapere cosa aspettarsi dal vostro neonato renderà i vostri primi giorni a casa insieme un po’ meno travolgenti.

Per aiutare a capire cosa c’è in serbo dopo il grande ritorno a casa, ci siamo rivolti alle pediatre e madri Laura Jana e Jennifer Shu. La terza edizione del loro libro Heading Home With Your Newborn: From Birth to Reality è stata pubblicata nel maggio 2015 dall’American Academy of Pediatrics.

Primi giorni a casa col bambino: alimentazione

Poiché i loro stomaci sono così piccoli, i neonati hanno bisogno di mangiare piccole quantità frequentemente.

Alcuni vogliono allattare o avere un biberon ogni due o tre ore, e altri avranno fame anche più spesso. Mentre alcuni bambini annunciano la loro fame con forti grida, altri danno segnali più sottili come succhiarsi le mani, schioccare le labbra, o il rooting (quando un bambino porta le labbra e gira la testa verso il seno o il biberon).

Nei primi giorni, i neonati in genere perdono circa il 7% del loro peso corporeo.

Anche se questo è normale, vorrete nutrire il vostro bambino ogni due ore o giù di lì, fino a quando non tornerà al suo peso alla nascita. I neonati hanno sonno, quindi potrebbe essere necessario svegliarlo per nutrirlo e incoraggiarlo gentilmente a rimanere sveglio mentre mangia. Provate a spogliare il bambino fino al pannolino, a strofinargli la testa o la schiena o a parlargli. L’obiettivo è che il bambino torni al suo peso alla nascita al suo controllo di due settimane.

Primi giorni a casa col bambino: rutti, singhiozzi e rigurgiti del neonato

Alcuni neonati hanno bisogno di un ruttino frequente, mentre altri fanno il ruttino da soli e hanno bisogno di poca assistenza da parte vostra. Se il bambino è nervoso o sembra a disagio durante o dopo una poppata, questo è un segnale per fargli fare il ruttino. Puoi anche far fare il ruttino al bambino ogni 10 o 15 minuti di poppata, o quando il bambino ha finito di mangiare. Dopo un giorno o due di poppate, troverete uno schema che funziona per il piccolo.

Non c’è bisogno di colpire la schiena del bambino – un delicato movimento circolare o dei morbidi colpetti faranno salire le bolle. Ci sono diverse posizioni per il ruttino da provare, tra cui tenere il bambino con la testa appoggiata sulla spalla, seduto in posizione verticale sulle ginocchia con le dita di una mano che sostengono il petto e il mento, o stendere il bambino a pancia in giù sulle ginocchia.

Non allarmatevi per il singhiozzo o il rigurgito. Il singhiozzo è normale per i neonati e non causa loro disagio. Allo stesso modo, sputare durante e dopo le poppate – sia in piccole quantità che in quello che può sembrare l’intera poppata – è normale. Se il vomito del tuo bambino sembra eccessivo, o se inarca la schiena o piange, potrebbe avere un tipo di reflusso. Qualunque sia la causa, tenete un panno per il ruttino a portata di mano.

Cosa aspettarsi: pipì e cacca del neonato

Un neonato allattato al seno avrà almeno cinque pannolini bagnati al giorno. Un bambino nutrito con formula può averne ancora di più – fino a 10 al giorno. C’è anche una vasta gamma per quello che è considerato un numero “normale” di movimenti intestinali. I bambini allattati al seno tendono a fare più cacca di quelli allattati con la formula, perché la formula richiede un po’ più tempo per essere digerita.

Tuttavia, la regolarità dei bambini allattati al seno può variare ampiamente. Alcuni la fanno raramente come una volta ogni quattro o più giorni, o spesso come una volta per alimentazione. I bambini nutriti con latte artificiale fanno tipicamente la cacca un paio di volte al giorno, ma possono variare da una cacca ogni due giorni a diverse cacche al giorno. I primissimi movimenti intestinali – chiamati meconio – di solito avvengono entro il primo giorno o due dopo la nascita. Queste prime cacche sono nere e hanno una consistenza simile al catrame. Anche quelle che seguono non assomigliano molto alla cacca degli adulti.

Da un bambino allattato al seno, preparatevi ad avere una cacca di colore verdastro, marrone chiaro o giallo senape. La cacca di un bambino nutrito con latte artificiale tende ad essere più pastosa e a variare di colore. Chiamate il medico se ci sono muco biancastro o striature o macchie di rosso nelle feci, perché questo può indicare un problema. Le macchie rosse possono indicare la presenza di sangue nelle feci del tuo bambino.

La consistenza della cacca normale varia anche da molto morbida a acquosa, con i bambini allattati al seno che hanno cacca più sciolta. Questo può essere facilmente confuso con la diarrea. “Se sei confuso, ricorda solo questo”, dice Jennifer Shu. “Che si tratti di fare la cacca, mangiare, dormire o piangere, ogni bambino è diverso. La normalità è in realtà una grande gamma. Ciò che conta di più sono i cambiamenti improvvisi – ed è allora che dovresti contattare il tuo medico”.

Cosa aspettarsi: pianto del neonato

Non c’è modo di evitarlo: il vostro neonato piangerà. Quanto spesso, quanto forte e per quanto tempo è del tutto variabile e cambierà nel tempo. Per i primi giorni, molti neonati sono notevolmente tranquilli e sonnolenti. Tuttavia entro le due settimane, un tipico neonato piangerà circa due ore al giorno. Il pianto di solito aumenta fino a circa sei-otto settimane di età, poi inizia a diminuire.

Con il tempo, sarà più facile capire perché il tuo bambino piange. A questo punto, cercate i colpevoli più probabili – pannolino sporco, fame, stanchezza, disagio – e probabilmente troverete la fonte. In caso contrario, un’altra ragione per l’agitazione precoce può essere la sovrastimolazione. Alcuni neonati si agitano quando sono in mezzo a troppa confusione o attività.

Ci saranno momenti, tuttavia, in cui il bambino piange senza una causa chiara, e dovrete capire cosa lo calma. Ricordate: non esiste viziare un neonato, quindi rispondete ai suoi pianti con attenzione e affetto. Se non essere in grado di capire sempre velocemente o accuratamente perché il bambino sta piangendo vi fa sentire impotente, frustrati o incompetenti, cercate di essere meno critici nei vostri confronti. “Ogni genitore ci è passato, anche gli esperti”, dice Shu. “Ci saranno momenti in cui i bisogni del tuo bambino sono ovvi, ma ci saranno anche momenti in cui semplicemente non sei sicuro di niente!”

Cosa aspettarsi: il sonno del neonato

Il piccolo pancino del neonato probabilmente gli impedirà di sonnecchiare più di qualche ora alla volta prima di svegliarsi per mangiare. Tutti i brevi sonnellini si sommeranno, però – il vostro neonato dormirà circa 16-18 ore in totale ogni giorno. Potreste voler tracciare quando e dove il bambino dorme, per identificare i modelli e rispondere a qualsiasi domanda del medico del bambino.

Fortunatamente, i neonati hanno l’incredibile capacità di addormentarsi praticamente ovunque: nel seggiolino dell’auto, nel marsupio, nella culla o tra le vostre braccia. Molti neonati preferiscono l’aderenza di un seggiolino auto o di un marsupio alla culla per dormire, perché i confini stretti ricordano loro il grembo materno. Ecco perché molti neonati amano anche essere fasciati. Il fatto di essere avvolto in modo confortevole simula l’ambiente a cui il bambino è abituato, e impedisce che uno scatto riflessivo di un braccio o di una gamba lo svegli.

Non importa quando o dove dorme il bambino, mettetelo sempre sulla schiena e rimuovete tutte le coperte allentate, così come i paraurti, i cuscini, le trapunte e i giocattoli per ridurre il rischio della sindrome della morte improvvisa del bambin. Inoltre, non lasciate mai un bambino che sonnecchia incustodito su un divano o un letto, perché il rischio di rotolare o cadere è sempre presente, anche se il vostro bambino non può ancora rotolare da solo.

Una volta che il bambino si è addormentato, non sorprendetevi se lo sentite fare strani rumori. Se sembra che il bambino abbia il raffreddore, probabilmente è perché i bambini hanno il naso che respira naturalmente. Dato che non può ancora liberare i suoi passaggi nasali da solo, potete usare una siringa a bulbo per liberarli, il che può rendere più facile respirare e dormire – e anche mangiare.

Cosa aspettarsi: respirazione neonatale

Un’altra abitudine dei neonati è la respirazione periodica. Il bambino può respirare velocemente, fare una pausa di qualche secondo e poi ricominciare a respirare. Anche se è normale, può essere snervante.

Tuttavia, i seguenti segni non sono normali e giustificano una chiamata immediata al medico del tuo bambino:

  • Grugnito
  • Svasatura delle narici
  • Ritrazioni del torace (risucchio della pelle sopra la clavicola, tra le costole o sotto le costole)
  • Respirazione costantemente veloce
  • Respiro affannoso dal petto (piuttosto che dal naso o dalla gola, che è un segno di congestione e soffocamento da giardino)
  • Respirazione pesante e rumorosa (rantoli udibili, fischi o suoni scoppiettanti durante l’inspirazione e l’espirazione)
  • Pausa di più di 10-15 secondi tra un respiro e l’altro

primi giorni a casa col bambino

Cosa aspettarsi: bagno del neonato

Mantenere il bambino pulito nei primi giorni è abbastanza semplice. Per ora, non avrete bisogno della vasca da bagno per bambini. Mentre il moncone del cordone ombelicale è ancora appeso, seguite i consigli del medico per fare il bagno al bambino. La maggior parte degli ospedali sconsiglia di immergere il moncone nell’acqua. Le spugnature sono sufficienti a mantenere pulito un neonato per la prima settimana o due. Infatti, troppi bagni potrebbero seccare la pelle del bambino.

Usate un panno caldo e umido o delle salviette non profumate per pulire delicatamente le pieghe del collo e altre aree dove il latte materno, la formula o l’umidità potrebbero accumularsi, finendo con i genitali. Se notate arrossamenti o irritazioni nell’area del pannolino, una passata di crema per pannolini o vaselina dovrebbe attenuarli. Non sorprendetevi se la pelle del neonato non assomiglia alla pelle perfetta del bambino nelle pubblicità; quello verrà dopo. Molti neonati hanno una serie di irritazioni minori della pelle, come eruzioni cutanee neonatali, crosta lattea, desquamazione o secchezza generale dopo essere usciti dal loro bagno di nove mesi nel liquido amniotico. Si possono anche notare alcuni peli sulle spalle e sulla schiena – di solito cadono entro una settimana o due.

Di cosa avete veramente bisogno: vestiti per neonati

All’inizio i vestiti carini probabilmente passeranno in secondo piano rispetto alla comodità e al comfort. Dopotutto, volete vestiti che siano facili da cambiare e che funzionino bene per i molti pisolini del bambino. Molti genitori usano una combinazione di magliette, body interi e pigiami con i piedi, più una coperta o un sacco a pelo nella stagione fredda o durante la notte.

Se al neonato non piace avere i vestiti tirati sopra la testa o il suo moncone di cordone ombelicale è sensibile, possono essere utili gli abiti interi stile kimono che si chiudono ai lati. Per il calore, molti ospedali mandano i neonati a casa con un cappello, ma a meno che non faccia molto freddo, un berretto è facoltativo. Usate il buon senso e il termostato interno per valutare quanti strati mettere al bambino. Molte persone aderiscono alla vecchia regola “quello che indossi più uno strato”. In caso di dubbio, aggiungete una coperta leggera o un cappello – potete sempre rimuoverlo se il bambino sente caldo.

Quello che vi serve davvero: abbigliamento per neonati

Durante la gravidanza, potreste aver accumulato una piccola montagna di attrezzatura per neonati. Per ora, non ne userete molto. Avete bisogno di un posto sicuro per far dormire il bambino e naturalmente avrete bisogno di un seggiolino per auto installato correttamente per il viaggio di ritorno a casa. Gli extra come i seggiolini, i tappetini per le attività, i giocattoli e altre attrezzature per bambini saranno utili alla fine, ma non preoccupatevene questa settimana. I bisogni del neonato in questo momento sono allo stesso tempo totalizzanti e sorprendentemente semplici.

Cosa aspettarsi: il passaggio a casa

Portare a casa un bambino è un cambiamento importante nella vita, e non dovreste aspettarvi di adattarvi al momento in cui attraversate la porta. In effetti, potrebbero volerci da qualche giorno a qualche mese per orientarsi. Mentre navigate in questo enorme aggiustamento nei primi giorni a casa, ricordatevi di darvi un po’ di tregua e lasciate andare le vostre idee su come le cose “dovrebbero” essere.

Il corpo ha a che fare con livelli ormonali fluttuanti, sta guarendo dal parto ed è seriamente privato del sonno. La vostra mente si sta adattando a questa nuova fase della vita. Potreste ridere, piangere, essere frustrati, eccitati, e provare una miriade di emozioni in poche ore – o minuti. E probabilmente scoprirete che prendersi cura di un neonato – per quanto semplici siano queste esigenze – richiede una quantità sorprendente di tempo, rendendo difficile trovare anche le cose basilari per voi stessi.

cosa aspettarsi nei primi giorni a casa

Circa il 70-80% delle neomamme sperimenta il “baby blues” durante le montagne russe ormonali che sono le prime settimane dopo il parto. Fortunatamente, il baby blues è di breve durata, generalmente svanisce entro due settimane. Tutti i genitori dovrebbero esserne consapevoli, però, e conoscere i segni della depressione post-partum (PPD). Rispetto al baby blues, la PPD dura più a lungo ed è più grave. La PPD colpisce 1 donna su 10 – e anche i nuovi papà. Farsi curare è importante sia per voi che per il vostro bambino, quindi se avete sintomi di PPD, parlate con il vostro partner o con qualcuno vicino a voi per un sostegno e discutete i vostri sintomi con il vostro medico.

Un modo per combattere il baby blues è quello di ritagliarsi piccoli spazi di tempo per prendersi cura di se stessi, e arruolare la famiglia e gli amici per gestire le faccende e le commissioni. Non siate timidi nel chiedere ai vostri amici e familiari di aiutarvi a rifornire il frigorifero, portare i pasti o fare un carico di bucato. Mentre il bambino dorme, usate il tempo per fare un sonnellino, una doccia, o semplicemente passare qualche minuto a guardare una rivista. Qualsiasi cosa possiate fare per ricaricare le batterie tra la poppata, il ruttino, il cambio e le coccole vi aiuterà.

Cosa aspettarsi: il corpo

Anche il tuo corpo sta attraversando grandi cambiamenti fisici nei primi giorni a casa. Circa 72 ore dopo il parto, il tuo latte arriverà. Spesso questo coincide con il tuo primo giorno a casa. Fino ad ora hai prodotto l’agognato colostro, ricco di anticorpi, che di solito è più giallo del latte materno. Saprai quando il vero affare arriva perché i tuoi seni diventano notevolmente più pieni, più solidi e più pesanti. Questo è il momento in cui può verificarsi l’ingorgo.

Mentre molte persone presumono che l’allattamento al seno venga naturale, non è raro incontrare qualche ostacolo sulla strada – soprattutto all’inizio. “Anche se sei stata istruita da una consulente per l’allattamento o da un’infermiera in ospedale, potresti aver bisogno di più aiuto dopo essere tornata a casa”, dice Sabrina Easterling, consulente per l’allattamento. Un consulente per l’allattamento o un gruppo di supporto può essere prezioso per risolvere i problemi e ottenere un’assistenza adeguata in questi primi giorni. Con l’aiuto, comincerete a imparare i punti più fini – da ottenere l’aggancio perfetto a trovare la vostra presa preferita.

L’allattamento al seno può rendere i capezzoli molto doloranti. Prova diverse posizioni per evitare dolori e screpolature. Lavare il seno con acqua, applicare una crema di lanolina pura dopo l’allattamento (la crema non deve essere rimossa prima della poppata), usare gocce di latte materno spremuto come idratante per i capezzoli, o anche mettere del ghiaccio sul seno può aiutare. Se non sei sicura che il tuo bambino abbia fame, fai attenzione se ingoia davvero quando gli offri il seno. Se si sta autolisciando invece di allattare, prova a offrire il suo pollice per darle conforto e far riposare i tuoi capezzoli.

Mentre smetti di allattare, proverai un dolore da ingorgo. Il disagio dovrebbe raggiungere il picco circa tre o cinque giorni dopo il parto e poi diminuire. Per affrontare il dolore temporaneo, prova gli antidolorifici da banco, gli impacchi di ghiaccio e un reggiseno di sostegno. Un decongestionante può anche aiutare ad accelerare il processo, poiché asciuga i tessuti del corpo.

Dolori post-parto

Se hai avuto un parto vaginale, nei primi giorni a casa probabilmente sarai abbastanza dolorante. Se hai avuto uno strappo o un’episiotomia, può essere molto doloroso. Applica un impacco di ghiaccio coperto da un panno sulla zona per ridurre il gonfiore. Alcune donne giurano di usare degli assorbenti di amamelide per ridurre l’infiammazione. Quando vai in bagno, usa una bottiglia d’acqua a spruzzo invece di pulirti, che può essere doloroso. Molte donne sperimentano una grave stitichezza dopo il parto, e gli ammorbidenti per feci possono aiutare.

Inoltre, per circa sei settimane dopo il parto avrai probabilmente bisogno di indossare un assorbente di dimensioni standard per assorbire il flusso di sangue chiamato lochia, che varia nel colore dal rosso al giallo al bianco. Un parto cesareo è un grande intervento chirurgico addominale, e se ne hai avuto uno, avrai bisogno di qualcuno che ti aiuti in quasi tutto per almeno una settimana – dai compiti domestici di base a prendere il tuo bambino per le pappe e i cambi di pannolino. Infatti, molti medici consigliano alle loro pazienti di non prendere in braccio nulla di più pesante del bambino fino a quando non avranno il via libera del medico al primo controllo post-partum.

Probabilmente lascerai l’ospedale con qualche forma di antidolorifico, ed è una buona idea tenere traccia di quali medicine prendi e quando. Le mamme che ci sono state sono d’accordo: prendi quello di cui hai bisogno, e non sentire il bisogno di essere coraggiosa e rinunciare. Chiama il tuo medico se noti sangue o pus che fuoriesce dall’incisione, perché questo potrebbe indicare un’infezione o un coagulo di sangue. Come per coloro che hanno avuto un parto vaginale, vorrai evitare di sforzarti al bagno, e potresti aver bisogno di prendere un ammorbidente per almeno il primo movimento intestinale o due.

Una delle cose più scioccanti del tuo corpo post-parto potrebbe essere l’unica cosa che non è cambiata: probabilmente sembrerai ancora incinta. Se è così, non preoccuparti, in genere ci vogliono settimane – o mesi – perché il tuo corpo (specialmente la tua pancia) si riprenda completamente. Nel frattempo, è perfettamente normale continuare a indossare abiti premaman dopo il parto.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come prenderti cura del pene non circonciso di tuo figlio

Cinque cose che non sapevi sui neonati

Leggi anche
  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • vista neonatiVista neonati: quando si sviluppa

    Cosa vedono i bambini nella pancia e subito dopo la nascita? Scopriamolo

  • 183Viaggio neonato Ryanair
  • Loading...
  • 173Viaggio neonato Alitalia
  • 183Viaggio neonato Air Dolomiti
Contents.media