Prendere decisioni sull’uso dei farmaci in gravidanza

Parla delle tue preoccupazioni sui farmaci con il tuo medico. Dovrebbe essere disposto a parlarti dei pro e dei contro delle diverse scelte.

L’uso dei farmaci in gravidanza deve essere ben ponderato. Prima di prendere qualsiasi medicinale, infatti, è necessario dapprima parlarne col medico, in modo da evitare possibili gravi conseguenze. In questo articolo, leggerai l’esperienza raccontata da una madre.

“Mi sento totalmente bene la maggior parte del tempo, ma ho tre gravi condizioni di salute per le quali prendo farmaci: colite ulcerosa, depressione ed epilessia”.

Questi farmaci sono sicuri da prendere durante la gravidanza?

“Non passo molto tempo a pensare a queste condizioni perché, finché prendo le mie medicine, raramente ho problemi. Ma quando avevo 30 anni e mio marito ed io volevamo avere un bambino, improvvisamente questi farmaci che ho preso per anni sono diventati spaventosi. Erano sicuri da prendere durante la gravidanza? Avrebbero causato danni a breve o a lungo termine al mio bambino?”

Un medico per ogni condizione

“Ho un medico speciale per ciascuna di queste condizioni: un gastroenterologo per la colite ulcerosa, uno psichiatra per la depressione e un neurologo per l’epilessia. Ho preso appuntamenti per parlare con ognuno di loro prima di iniziare a provare a rimanere incinta. E, poiché sono una ricercatrice nella mia vita professionale, ho anche fatto un po’ di ricerche per conto mio. Le mie esperienze con i tre medici sono state molto diverse tra loro”.

A proposito di depressione: per fortuna, esistono molti modi per prevenire la depressione post-partum, un’altra problematica molto diffusa.

“Il mio gastroenterologo è venuto alla visita e ha subito snocciolato i risultati più recenti e importanti della letteratura scientifica. Ha suggerito un leggero cambiamento ai miei farmaci sulla base di un nuovo studio e ha descritto come i rischi per il mio bambino sarebbero stati estremamente minimi sulla base del mio particolare regime di farmaci. Potevo dire che aveva davvero passato del tempo a pensare alla migliore linea d’azione per me in particolare, e non ho esitato ad accettare il cambiamento di farmaci da lui suggerito”.

Lo psichiatra

“Ho avuto anche una buona esperienza con il mio psichiatra. Non avevo avuto un episodio depressivo in quasi 10 anni, quindi stavo considerando fortemente di smettere i miei farmaci antidepressivi. Questa psichiatra mi conosce da molto tempo e lavora spesso con donne che hanno problemi di salute mentale legati alla gravidanza, come la depressione post-partum. In pratica mi ha fatto sedere e mi ha detto: ‘Senti, ti conosco molto bene e ho già visto un milione di volte donne a questo bivio. Stai assumendo una dose bassa di un antidepressivo a basso rischio. Se tu avessi un episodio depressivo maggiore in questo momento, sarebbe molto peggio per il tuo bambino che una minima esposizione a questa medicina’. Mi sono fidata del suo giudizio, non solo come psichiatra ma anche come persona che mi conosce da anni, così sono rimasta col mio farmaco”.

“Purtroppo non ho avuto un’esperienza positiva con il mio neurologo. La medicina che prendo per l’epilessia è quella che comporterebbe il maggior rischio per un bambino, quindi ero molto preoccupata. Mi sono presentata al nostro appuntamento dopo aver letto gli articoli più recenti sui legami tra vari farmaci antiepilettici e alcuni difetti di nascita piuttosto gravi. Volevo avere una conversazione approfondita con lui sui pro e i contro, ma non aveva familiarità con la ricerca ed era molto sprezzante delle mie preoccupazioni. Pensava che avrei dovuto continuare a prendere i farmaci, ma non ha detto perché e non ha nemmeno riconosciuto che si trattava di una decisione difficile”.

uso dei farmaci in gravidanza consigli

Mi sentivo come se qualsiasi decisione fosse quella sbagliata

“Le settimane successive a quell’appuntamento furono terribili per me. Mi sentivo come se qualsiasi decisione fosse quella sbagliata. Erano anni che non avevo un attacco epilettico importante, quindi forse avrei dovuto smettere di prendere le medicine? Ma non appena arrivavo a quella conclusione, cominciavo a pensare a cosa sarebbe successo al bambino se avessi avuto un attacco mentre guidavo o in qualche altra situazione che avrebbe messo il bambino in serio rischio. Allora cambiavo idea e decidevo di continuare a prendere i farmaci. Ma non appena sentivo che quella era la giusta linea d’azione, iniziavo a pensare a come sarebbe stata tutta colpa mia se mio figlio avesse avuto dei difetti alla nascita”.

Mi sono sentita davvero sola per tutto questo tempo

“E fondamentalmente sono rimasta in questo ciclo per settimane, convincendomi di una scelta, sentendomi spaventata o colpevole, e poi cambiando idea, ancora e ancora. Mi sono sentita davvero sola per tutto questo tempo. Le mie amiche non hanno dovuto fare scelte del genere con le loro gravidanze perché non avevano grossi problemi di salute. Mio marito è stato molto amorevole e comprensivo e ha detto che avrebbe appoggiato al 100% qualsiasi scelta facessi, ma che non voleva fare la scelta per me perché era il mio corpo”.

Consigli per altre donne sull’uso dei farmaci in gravidanza

Sappi che non sei sola. Molte donne si trovano di fronte a questa decisione.

Assicurati di parlare con il tuo medico prima di iniziare a cercare di rimanere incinta. Potrebbe essere il caso, ma un piccolo cambiamento alla tua medicina o alla dose potrebbe eliminare gran parte del rischio.

Parla col medico delle tue preoccupazioni sull’uso dei farmaci in gravidanza. Dovrebbe essere disposto a parlarti dei pro e dei contro delle diverse scelte. E se lui o lei non è disposto a fare questa conversazione, prova a trovare un altro medico.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Curiosità sul diabete gestazionale: ecco quali sono

Vaccino antinfluenzale in gravidanza: tutto ciò che dovresti sapere

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Loading...
  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contents.media