Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Notizie.it logo

Le strappano la placenta con troppa forza: muore dopo il parto

alisa

Ragazza russa muore poco dopo il parto per una manovra di un'ostetrica inesperta.

Alisa Tepikina muore dando alla luce la sua bambina. Le sue urla si sentivano in tutto l’ospedale mentre l’ostetrica le strappava la placenta. La manovra le ha causato una forte emorragia che l’ha portata velocemente al coma.

Muore a soli 22 anni

La donna di soli ventidue anni sarebbe morta a causa di una manovra delicata praticatale da un’ostetrica inesperta. Le avrebbe infatti strappato la placenta dalla parete dell’utero con eccessiva forza, tanta da provocarle una fortissima emorragia che l’ha fatta cadere in un coma da cui non si è più risvegliata. Mentre era ancora incosciente infatti la donna è stata colpita da un’arresto cardiaco che le è stato fatale. La neo mamma, Alisa Tepikina, è riuscita a sorridere solo per un attimo quando ha visto il viso della sua bambina, poco dopo è deceduta. Questa triste notizia arriva dall’ospedale di Nizhneserginskaya nella regione russa di Sverdlovsk. Il caso ha portato la polizia locale ad aprire un’indagine per negligenza medica.

Secondo quanto dichiarato dal padre, il quarantasettenne Dmitry Malyukov, i medici non avrebbero prestato attenzione alle urla della paziente che lamentava dolori lancinanti. Il padre della povera ragazza ha dichiarato: ”Mia figlia stava soffrendo, stava urlando dal dolore. Ma il dottore non ha prestato attenzione”.

neonato

Morta per il troppo dolore

La famiglia della ragazza ha inoltre amici all’interno dell’azienda ospedaliera che hanno assistito a quanto è accaduto, fornendo la loro versione dei fatti alla polizia. I verbali riportano quanto dichiarato dai conoscenti: ‘‘L’ostetrica ha tirato il cordone ombelicale con troppa forza, il suo utero è stato invertito. Alisa ha urlato così forte da essere sentita in tutto l’ospedale. Quello che è successo è qualcosa da Medioevo. Le hanno provocato uno shock per il dolore, un’emorragia grave ed è finita in coma”. Queste le parole piene di dolore degli amici, che sono rimasti sconvolti dall’accaduto. La madre della ragazza racconta che dopo l’accaduto la figlia avrebbe dovuto essere trasportata in elicottero fino ad un importante ospedale chirurgico ma la ragazza era troppo debole per sopportare il viaggio. L’ospedale ha registrato la morte di Alisa Tepikina sotto alla voce ”grave shock causato dal dolore”, questo quanto riportato dalla madre della ragazza, Svetlana Cheshko di 42 anni.

Il marito della ragazza, Nikolay Tepikin, anche lui di 22 anni, non era presente durante gli ultimi attimi di vita della moglie. Subito dopo la nascita della bambina si era infatti recato con lei presso un ospedale vicino, dato che la neonata aveva subito un infortunio al collo causato anch’esso dalle manovre sbadate del personale medico. Quando ha fatto ritorno all’ospedale di Nizhneserginskaya i medici l’hanno informato di quanto era accaduto, dicendogli che la moglie si era gravemente ammalata. Purtroppo in quel momento la giovane era già morta. Racconta Nicolay: ‘‘I suoi occhi erano coperti dalle bende, la sua mascella era legata. C’erano tubi dappertutto per un respiratore polmonare, ma nessuna macchina nelle vicinanze. Ho allungato la mano per tenerle la mano. Era fredda”. Anche la nonna di Alisa, racconta alcuni dettagli della vicenda e dice: ‘Ho chiamato l’ospedale e ho chiesto se Alisa avesse visto sua figlia prima di morire.

Era importante per me saperlo. Mi hanno detto che ha sorriso quando l’ha vista”.

© Riproduzione riservata
Leggi anche