Placenta accreta: tutto ciò che bisogna sapere

Questi segnali possono essere potenziali fattori di rischio per lo sviluppo della placenta accreta.

La placenta accreta è problematica perché porta a due complicazioni principali. La prima è che la placenta non viene espulsa normalmente dopo la nascita del bambino perché parte o tutta la placenta è ancora attaccata all’utero della madre. La seconda complicazione è che il processo di rimozione della placenta può portare a emorragie (gravi) per la madre.

Tipi di placenta accreta

Esiste uno spettro di gravità con tre categorie principali:

  • Placenta Accreta: la placenta si attacca più in profondità del normale, da piccole accrezioni chiamate “accrezioni focali” a quelle più grandi.
  • Increta: la placenta si attacca abbastanza in profondità da incastrarsi nel muscolo uterino.
  • Placenta Percreta: la placenta si attacca così profondamente da diventare attaccata a organi esterni all’utero, come la vescica.
  • Placenta Previa: non è una forma di accreta, ma può coincidere con essa.

    Questa condizione si verifica quando la placenta bassa copre la cervice.

Fattori di rischio

Diversi fattori di rischio contribuiscono alla possibilità che una donna sviluppi una placenta accreta. I fattori di rischio includono:

  • Precedenti interventi chirurgici all’utero. Può trattarsi di un parto cesareo, un intervento chirurgico per la rimozione di fibromi uterini o interventi chirurgici in prossimità dell’utero.
  • Posizione della placenta. La placenta previa è una condizione in cui la placenta copre parzialmente o completamente la cervice.

    Ciò indica una placenta bassa.

  • Età materna. È più frequente nelle donne di età superiore ai 35 anni.
  • Precedenti parti. I parti precedenti aumentano il rischio di placenta accreta.
  • Anomalie uterine. Cicatrici o fibromi uterini aumentano il rischio.

Sintomi della placenta accreta

La placenta accreta può causare sanguinamento vaginale, soprattutto nel terzo trimestre. Spesso non dà segni, ma può essere rilevata con un’ecografia. Se avete subito più parti cesarei o interventi chirurgici sull’utero o in prossimità di esso, informate tempestivamente il vostro medico. Questi possono essere potenziali fattori di rischio per lo sviluppo della placenta accreta. A volte non viene rilevata fino al momento del parto vero e proprio.

Placenta accreta gravidanza

Trattamento

I piani di trattamento variano da madre a madre, a seconda della gravità della condizione. In alcuni casi, le donne possono avere bisogno di riposo a letto diverse settimane prima del parto. Può anche essere programmato un parto anticipato e/o un cesareo. Nei casi più gravi, può essere necessaria un’isterectomia.

Secondo l’American College of Obstetricians and Gynecologists, la scelta di partorire in un centro di maternità con personale altamente esperto che dispone di un’équipe di assistenza coordinata, in grado di fornire ulteriori competenze e risorse in caso di emorragia grave della madre, sembra migliorare l’esito complessivo.

Collaborate con il vostro medico, l’ostetrica o l’équipe sanitaria per determinare l’ospedale o il centro più avanzato in cui far nascere il vostro bambino e stabilire il percorso migliore per gestire la placenta accreta. Anche parlare regolarmente con un terapeuta o un consulente può essere un ottimo modo per alleviare lo stress e gestire le emozioni.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cosa non si può mangiare in gravidanza: gli alimenti

Ritardo di crescita fetale: cos’è e come affrontarlo

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Loading...
  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contents.media