Notizie.it logo

Paraffina: guida alla paraffina liquida

paraffina

La paraffina liquida corrisponde a un olio privo di colore e anche di odore. Esso è molto utilizzato in ambito cosmetico.

La paraffina liquida viene identificata anche con nomi diversi, precisamente olio di vaselina oppure olio minerale. All’interno dell’Unione Europea, l’olio in questione assume in campo cosmetico la denominazione di Paraffinum Liquidum. Essa cambia invece per i paesi extraeuropei, compresi gli Stati Uniti d’America, dove la paraffina cosmetica è indicata con il nome di Mineral Oil. La denominazione specifica in campo cosmetico è dovuta al fatto che, in tale ambito, la paraffina viene straordinariamente e massicciamente impiegata, grazie alle sue caratteristiche che descriveremo nel corso dei prossimi paragrafi.

Che cos’è la paraffina liquida

Ma di cosa si tratta in realtà? La paraffina liquida consiste in una miscela liquida di idrocarburi. Questi ultimi formano un gruppo di sostanze, costituite esclusivamente da atomi di idrogeno e carbonio.

Alcuni idrocarburi vengono ottenuti per mezzo dei processi di raffinazione del petrolio; altri, invece, esistono naturalmente nel regno vegetale e in quello animale. Gli idrocarburi contenuti nella paraffina corrispondono a una miscela C15-C140, ottenuta dalla raffinazione del petrolio. La paraffina risulta dunque un olio di origine minerale. L’olio in questione si rivela inodore, incolore, apolare e limpido.

Il motivo per cui il Paraffinum Liquidum viene così ampiamente impiegato in campo cosmetico corrisponde alle sua caratteristiche di fluidità e scorrevolezza, nonché per la proprietà lubrificante spiccata e i suoi effetti idrofobici e di protezione degli strati superficiali della pelle. Secondo i recenti studi tossicologici effettuati su tale olio, la paraffina non dovrebbe comportare rischi per la salute dei consumatori di cosmetici.

Gli oli minerali utilizzati da decenni nell’industria cosmetica, infatti, sono sicuri e conformi alle disposizioni legislative del regolamento europeo.

Migliori macchine scalda paraffina

La paraffina viene in particolare utilizzata per ammorbidire la pelle. Se la vostra cute, in particolare di mani e piedi, risulta continuamente secca e le diverse creme non sembrano in grado di risolvere il problema, potete tentare di fare una manicure o una pedicure servendovi proprio di questo particolari olio minerale. I trattamenti in questione possono essere effettuati comodamente da casa, ma servono alcuni strumenti e alcune competenze di base. Il necessario consiste principalmente nell’olio stesso e in una macchina in grado di scaldarlo per renderlo adatto allo scopo. Munitevi quindi di una macchina scaldaparaffina, che potrete acquistare online oppure nei negozi specializzati.

Il prezzo normalmente non è davvero contenuto, ma bisogna anche considerare che probabilmente non avrete bisogno di acquistare più di una macchina di questo tipo nell’arco della vostra vita.

In alternativa, se proprio non avete intenzione di acquistare una macchina scaldaparaffina ma volete comunque provare ad applicare questo metodo sulla vostra pelle, potete sempre darvi al fai-da-te. Inserite quindi la paraffina in una terrina ampia, poi mettete il tutto nel microonde. Impostate il forno su una durata di dieci secondi. Dopo ogni ciclo, estraete la terrina e mescolate il materiale, poi inseritela nuovamente e fatela scaldare per altri dieci secondi. Proseguite in questo modo fino a che l’olio minerale non risulterà completamente sciolto. Sia che decidiate di riscaldare la paraffina al microonde o per mezzo di un apposito macchinario, prestate attenzione.

Riscaldato, l’olio in questione raggiungerà una temperatura straordinariamente elevata. Per questo motivo, prima di applicarlo su mani e piedi bisognerà attendere che si sia raffreddato completamente e occorrerà anche passare uno strato di crema protettiva sulla zone interessate.

Dove comprare la paraffina liquida

La paraffina liquida, come vedremo in seguito, trova molteplici usi. Per tale ragione, è sempre più ricercata per il fai-da-te e dunque per essere utilizzata comodamente da casa. Ovviamente, se si vuole intraprendere un percorso simile, occorre prima informarsi bene su come utilizzare questo olio, su quali rischi può comportare e sulle istruzioni da seguire per ridurre i pericoli. Ad esempio, pur dovendo essere scaldato per essere reso liquido, l’olio minerale deve poi essere applicato sulla pelle freddo, quindi occorre lasciar trascorrere un certo lasso di tempo tra il riscaldamento e l’applicazione dello stesso.

L’olio bollente, infatti, ustionerebbe irrimediabilmente la pelle colpita, con danni in termini di dolore, di funzionalità e di estetica.

Se, ad esempio, intendete usare la paraffina liquida per fare una manicure, assicuratevi prima di conoscere bene il procedimento. Magari comandate alla vostra estetista di fiducia di effettuarla lei, le prime volte. Se non siete solite andare in un centro estetico, fatelo almeno per osservare come viene utilizzato l’olio minerale nella cura della pelle. In questo modo, potrete documentarvi, porre domande e apprendere a farlo da casa. A questo punto, dove potete acquistare l’olio di vaselina?

Esso è disponibile, di solito proprio con questo nome, in farmacia. Normalmente, nelle farmacie viene venduta la taglia più piccola del prodotto. Se, invece, siete già decise e cercate il formato grande, avete due opzioni, entrambe piuttosto economiche. Potete cercare l’olio di vaselina nei negozi di forniture per estetisti e parrucchieri, oppure online.

Usi della paraffina liquida

Gli usi possibili della paraffina liquida risultano molteplici, ma si riducono essenzialmente a due categorie: uso cosmetico e uso alimentare. L’impiego più diffuso e apprezzato si rivela essere quello cosmetico. Infatti, l’olio di vaselina viene inserito come eccipiente in un enorme numero di cosmetici, creme, pomate, prodotti per l’igiene intima e per bambini, balsami per capelli. Il primo impiego in campo cosmetico dell’olio minerale è quindi quello che avviene su capelli e cuoio capelluto. In combinazione con il balsamo, innanzitutto, rende i capelli meno secchi. Inoltre può essere applicato prima di una tinta, per ammorbidire il cuoio capelluto.

Gli effetti che la paraffina liquida ha sulla pelle umana risultano ancora maggiori. Mescolata alla protezione solare, per esempio, ha lo scopo di uniformare l’abbronzatura. Mescolato alla crema idratante, invece, può prolungare l’efficacia di quest’ultima. L’olio in questione trova un compito anche nella rasatura della barba: applicato preventivamente, prepara la pelle all’evento mentre, mescolato con il dopobarba, offre un’azione emolliente. Esso viene altresì impiegato come lenitivo, per ammorbidire la pelle secca: infatti, come abbiamo visto, trova applicazione anche in manicure e pedicure. Infine, può essere utilizzato per emorroidi, ragadi anali e irritazioni cutanee, come l’acne e la dermatite da contatto. La paraffina può persino essere applicata sui denti: in questo caso, lo strato deve essere davvero sottilissimo, e garantirà un effetto lucidante. Infine, un lieve strato spalmato sulle labbra le protegge dal freddo, dalle screpolature e dalle spaccature.

Ma come viene invece impiegato in cucina l’olio di vaselina? Innanzitutto, è importante specificare che esso non apporta sostanze nutritive al nostro organismo e che non deve mai essere sottoposto alla cottura. Il suo apporto calorico è inoltre nullo, in quanto non viene assorbito dal nostro stomaco. Inoltre, è impiegato particolarmente nelle diete povere di fibra in quanto favorisce il transito intestinale e l’evacuazione. In ogni caso, compromette anche l’assunzione di quelle vitamine idrosolubili che vengono a loro volta espulse attraverso le feci. Per tale ragione, andrebbe consumato per una settimana al massimo, e sempre crudo. La paraffina liquida viene anche usata, a livello farmaceutico, come rimedio lassativo. Essa è comunque sconsigliata, a livello alimentare, a bambini sotto i tre anni, donne in gravidanza o che allattano al seno, persone che soffrono di problemi intestinali o di difficoltà a deglutire e in presenza di vomito o dolori addominali.

Olio di paraffina per gatti

Proprio in virtù della sua funzione lassativa, che abbiamo visto, la paraffina liquida può essere somministrata anche ai propri animali domestici. In particolare, essa viene utilizzata sui gatti, ma non si esclude che possano assumerla anche i cani. In ogni caso, l’olio di vaselina per gli animali deve essere prescritto da un veterinario, che indicherà anche la quantità da somministrare. Questa può variare sensibilmente tra le prima volta e tutte le altre. Infatti, l’olio minerale viene in genere inserito nella ciotola del cibo del gatto qualora quest’ultimo presenti problemi di stitichezza o di feci eccessivamente dure, che potrebbero causargli altri tipi di problematiche, intestinali e non. Le dosi della prima giornata di terapia, dunque saranno sicuramente più abbondanti. Può essere poi prescritta, sempre a discrezione del veterinario che valuterà la situazione dell’animale, una terapia di mantenimento, le cui dosi saranno notevolmente più ridotte una volta svuotato l’intestino.

Posologia della paraffina liquida

Ma quanta paraffina liquida deve essere assunta, dagli esseri umani, se essa viene impiegata con funzione lassativa? Su ogni foglietto illustrativo vengono sempre indicate le dosi minime e massime. Chiedete sempre consiglio a un medico. In assenza di indicazioni precise da parte del dottore, attenetevi invece al valore minimo. Infatti, è sempre consigliabile iniziare con la dose più bassa e verificare se risulta sufficiente a garantire l’effetto desiderato. Si comincia con le dosi minime previste e, se si rende necessario, esse possono essere in seguito aumentate, sempre prestando attenzione a non superare quelle massime. In particolare, le dosi minime e massime variano a seconda dell’età del paziente. Per i bambini sino a dodici anni, la dose media parte da 5 ml al giorno e non deve mai superare i 15 ml. Per adolescenti e adulti, invece, la quantità cresce. In questo caso la dose media giornaliera parte da 15 ml e, in ogni caso, non deve superare i 45 ml.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
  • Zenzero contro la nauseaZenzero contro la nausea

    Lo zenzero è utile per combattere la nausea che di solito è una conseguenza della chemioterapia, dell’avvelenamento da cibo, delle

Leggi anche