Notizie.it logo

Palestrina neonato: a cosa serve e quale scegliere

Immagine in evidenza predefinita Mamme Magazine

Cos’è la palestrina per il neonato? A cosa serve e quale scegliere? Questi sono gli interrogativi che molte mamme si pongono.
A quanti mesi iniziare ad usarla? Vediamo di fare chiarezza circa questo gioco molto educativo per bambini. Generalmente è formato da un morbido tappeto, retto da dei bastoni incrociati che sono molto morbidi. Spesso è arricchita da cuscini, bambole, peluche e giochi vari. Non è solo un passatempo per i piccoli, ma è anche un qualcosa di educativo, come vedremo successivamente.
A cosa serve palestrina neonato
Prima di tutto, cerchiamo di capire a cosa serve la palestrina per il neonato. E’ senza dubbio importante per il suo sviluppo. Guardare i giocattoli, per il bebè è importante per poter sviluppare i muscoli del suo collo e avrà, quindi, la possibilità di rinforzare la sua colonna vertebrale. Successivamente, il bambino potrà essere messo in posizione prona per poter allungare le mani, al fine di raggiungere i giocattoli che troverà vicino a lui. In questo modo potrà sviluppare il senso del tatto, ma anche dell’udito, dato che molti giocattoli per bambini sono anche rumorosi. In commercio ce ne sono di molteplici e, in genere, non sono mai particolarmente dispendiose. Il loro costo, infatti, va dai 40 agli 80 euro di media.
A quanti mesi iniziare ad usare palestrina neonato
A quanti mesi è consigliabile iniziare ad usare una palestrina per il neonato? In genere, questa viene usata a partire dai tre mesi di vita del piccolo. Può, infine, essere utilizzata fino ai 5-6 mesi, periodo in cui il piccolo inizierà a sviluppare tatto e udito nel migliore dei modi, magari anche grazie all’uso di questa palestrina, che abbiamo visto essere particolarmente educativa, anche per allenare la coordinazione motoria del bimbo. Il bambino in genere vi viene posizionato sulla pancia, oppure al contrario. Le diverse posizioni in cui può essere posto il neonato porteranno a lui stimoli differenti.
Modelli migliori
Vediamo, infine, che modello scegliere. Quali sono i modelli migliori che possiamo acquistare, parlando di palestrina da neonato. Dobbiamo fare attenzione a comprare quelle che dispongono di un tappeto piuttosto alto e, ovviamente, particolarmente morbido, dato che il neonato non deve certo starvi scomodo. E’ necessario che sia anche facilmente smontabile e rimontabile, dato che la parte inferiore dovrà essere frequentemente lavata. Infine, dobbiamo stare particolarmente attenti a non acquistare modelli troppo complicati e accessoriati: dato che il bimbo è piccolo, dobbiamo adottare per la semplicità, onde evitare che il piccolo abbia troppi giochi a cui pensare e che, quindi, si annoi troppo spesso. Ovviamente, sarà sempre possibile inserire nuovi pupazzetti e giochi vari, via via che il tempo passa e che il piccolo cresce, per potergli offrire sempre nuovi stimoli. Questo tutto ciò che dobbiamo sapere se abbiamo l’intenzione di acquistare una palestrina per il neonato, che abbiamo visto essere particolarmente importante per il suo sviluppo e per la sua crescita, nonché come elemento in grado di stimolare sempre di più la sua curiosità, oltre a sviluppare il senso della vista, del tatto e dell’udito.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche
  • bmi neonati percentiliBMI nei neonati: come si calcolano i percentili

    Il BMI è un indice di massa corporea calcolabile attraverso delle formule matematiche e delle tabelle percentuali. La massa corporea varia da bambino a bambino e quindi anche tali tabelle.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.