Le paure più comuni legate al travaglio e al parto e come rimanere positivi

Sperimentare queste comuni paure legate al travaglio e al parto è del tutto normale, ma nella maggior parte dei casi è uno spreco di preoccupazioni!

Le paure legate al travaglio e al parto sono più normali di quanto si pensi. Quando si tratta di partorire, ci sono molte incognite. La prima volta, però, può essere un po’ più intensa, perché non si ha davvero idea di cosa aspettarsi.

Avete sentito le storie delle altre donne e vi siete impegnate per essere preparate, ma potreste avere ancora qualche ansia persistente. Non importa quante volte abbiate partorito, ogni volta è diverso. Potreste avere delle paure anche nelle gravidanze successive.

Sperimentare queste comuni paure legate al travaglio e al parto è del tutto normale, ma nella maggior parte dei casi è uno spreco di preoccupazioni!

Paure comuni del travaglio e del parto

Cosa succede se non faccio in tempo e partorisco in macchina?

Questo scenario è improbabile perché i primi parti non sono così veloci. Le mamme che partoriscono per la prima volta hanno un travaglio attivo che dura dalle quattro alle otto ore e l’intero processo richiede almeno 12-24 ore. Quindi potete essere sicure che probabilmente arriverete in ospedale in tempo. Il processo può essere più veloce per i secondi parti, ma non è comunque più rapido del tipico viaggio in auto.

E se non mi accorgo di essere in travaglio?

Lo saprete. Anche se le Braxton Hicks possono essere avvertite come un riscaldamento, hanno delle precise differenze rispetto al travaglio vero e proprio. Le Braxton Hicks non sono dolorose, ma le vere contrazioni attive lo sono. Quando il travaglio sarà attivo, non potrete parlare o muovervi molto durante le contrazioni.

paure comuni travaglio parto

Quanto farà male?

Può essere opprimente soffermarsi su quanto si pensa che il parto farà male. La chiave è ricordare che il vostro corpo è fatto per questo. Ci sono delle cose che vi permetteranno di superarlo. Le endorfine aumentano durante il travaglio, il che aiuta ad alleviare il dolore e a diminuire l’ansia. Anche se fa male, è più l’intensità che ricorderete. Il vostro corpo vi aiuterà a superare il processo. Se decidete di fare l’epidurale, potete fare anche quella per alleviare il dolore.

Cosa succede se faccio la cacca mentre spingo?

Fare la cacca mentre si spinge è del tutto normale e non c’è da preoccuparsi. Spingere fuori il bambino è una sensazione simile a quella di un movimento intestinale, quindi non è sorprendente che si possa fare la cacca mentre si spinge. Il bambino esercita anche una forte pressione sul colon. Quindi, mentre cercate di spingere il bambino verso il basso e verso l’esterno, il bambino preme contro il colon e può farvi fare la cacca senza che ve ne accorgiate. Alcuni potrebbero accorgersene mentre sta accadendo, ma a voi non importa. Sarete concentrate a far uscire il bambino. Inoltre, il vostro team di cura l’ha già visto prima, probabilmente molte, molte volte. Puliranno immediatamente e passeranno oltre.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

La chirurgia intima: in cosa consiste e quando è indicata

Spuntini da mettere in valigia per il travaglio e il parto

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Loading...
  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contents.media