La sindrome di HELLP: cause, sintomi e trattamenti

La sindrome di HELLP è una complicazione rara ma pericolosa per la vita della gravidanza. È più comune nelle donne con eclampsia o preeclampsia. La sindrome HELLP si manifesta in genere negli ultimi 3 mesi di gravidanza (il terzo trimestre), ma può insorgere anche subito dopo il parto.

Prende il nome dalle tre caratteristiche della condizione:

  • “H” sta per emolisi, ovvero la rottura dei globuli rossi nel sangue.
  • “EL” sta per enzimi epatici (proteine) elevati – un numero elevato di enzimi nel fegato è un segno di danno epatico.
  • “LP” sta per basso numero di piastrine – le piastrine sono sostanze presenti nel sangue che lo aiutano a coagulare.

La causa della sindrome di HELLP è sconosciuta. Se non viene diagnosticata e trattata rapidamente, la sindrome può causare gravi complicazioni per la madre e il bambino.

Il trattamento dell’HELLP consiste nel far nascere il bambino il prima possibile.

Quali sono i segni della sindrome di HELLP?

I sintomi dell’HELLP possono essere vaghi perché possono verificarsi anche in una gravidanza normale e sana. I segni tipici dell’HELLP sono:

  • Mal di testa
  • Nausea
  • Vomito
  • Indigestione con dolore dopo aver mangiato
  • Tenerezza addominale o toracica e dolore al fianco superiore destro
  • Pressione sanguigna elevata
  • Proteine nelle urine
  • Gonfiore
  • Cambiamenti nella visione
  • Dolore alla spalla
  • Sanguinamento

sindrome di HELLP gravidanza

Chi è a rischio di HELLP?

Si ritiene che la sindrome HELLP colpisca circa lo 0,2-0,6% di tutte le gravidanze. Circa il 4-12% delle donne con diagnosi di preeclampsia svilupperà la sindrome HELLP. Circa il 70% dei casi si sviluppa prima del parto, la maggior parte tra la 27a e la 37a settimana di gestazione. Il resto dei casi si manifesta entro 48 ore dal parto.

Esiste il rischio di contrarre la sindrome HELLP in gravidanze future

Le donne con una storia di HELLP presentano un rischio maggiore di tutte le forme di preeclampsia nelle gravidanze successive. Il tasso di preeclampsia nelle gravidanze successive varia dal 16 al 52%, con tassi più elevati se l’insorgenza della sindrome è avvenuta nel secondo trimestre. Il tasso di HELLP ricorrente varia dal 19 al 27%, a seconda della popolazione di pazienti studiata. In sostanza, qualsiasi gravidanza dopo aver sofferto di HELLP è considerata ad alto rischio.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Gravidanza: i migliori esercizi di stretching per la schiena

Nomi biblici per bambine: meravigliosi e significativi

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Loading...
  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contents.media