La gravidanza dopo un aborto spontaneo: cosa devi sapere

Ecco le risposte ad alcune domande comuni dopo aver sperimentato una perdita, oltre a consigli su quando è il momento giusto per riprovare.

La gravidanza dopo un aborto spontaneo può essere un processo confusionario ed emotivo per i genitori. Mentre non c’è una linea temporale per affrontare il dolore – e ognuno affronta la perdita in modo diverso – capire le opzioni e ciò che si può controllare può aiutare ad andare avanti mentre il cuore si riprende.

Quali sono le cause dell’aborto spontaneo?

Tra il 10 e il 20 per cento delle gravidanze si concludono con un aborto spontaneo. Molti fattori possono portare a una perdita, e può essere difficile dire con certezza cosa causi un particolare aborto spontaneo. Per esempio, in un terzo delle perdite di gravidanza precoci che si verificano prima delle otto settimane nel primo trimestre, c’è un sacco di gravidanza ma nessun embrione all’interno.

Questo significa che si è verificata l’ovulazione, l’uovo è stato fecondato e le cellule hanno iniziato a dividersi, ma non si è sviluppato un embrione. In altri casi, l’embrione si sviluppa ma è anormale. Le anomalie cromosomiche, in particolare, sono comuni. Uno studio ha scoperto che su più di 8.000 aborti spontanei, il 41% aveva anomalie cromosomiche.

La gravidanza dopo un aborto spontaneo: quali sono le probabilità che si ripeta?

L’aborto spontaneo è di solito un evento unico. La maggior parte delle donne che hanno abortito precedentemente continuano ad avere gravidanze sane dopo l’aborto. Un piccolo numero di donne – circa l’1% – avrà aborti ricorrenti. Il rischio previsto di aborto spontaneo in una gravidanza futura rimane circa il 20% dopo un aborto spontaneo. Dopo due aborti consecutivi, il rischio di un altro aborto aumenta a circa il 28%, e dopo tre o più aborti consecutivi, il rischio è di circa il 43%.

Le perdite di gravidanza ripetute indicano un problema più grande. Cosa si può fare per fare chiarezza?
Se si verificano perdite ricorrenti per due o più volte di seguito, il tuo medico potrebbe raccomandare dei test per identificare eventuali cause sottostanti prima di tentare la prossima gravidanza. Questi test includono, ma non sono limitati a:

  • Esami del sangue. Un campione del tuo sangue viene valutato per aiutare a rilevare problemi con gli ormoni o il tuo sistema immunitario.
  • Test cromosomici. Tu e il tuo partner potreste avere entrambi un esame del sangue per determinare se i vostri cromosomi sono un fattore cruciale. Anche il tessuto dell’aborto, se disponibile, potrebbe essere analizzato.
  • Ultrasuoni. Questo metodo di imaging utilizza onde sonore ad alta frequenza per produrre immagini precise delle strutture all’interno del tuo corpo. Il tuo ginecologo posiziona il dispositivo a ultrasuoni sopra il tuo addome o lo mette dentro la tua vagina per ottenere immagini del tuo utero. Un’ecografia potrebbe identificare problemi uterini, come i fibromi all’interno della cavità uterina.
  • Isteroscopia. Il tuo medico inserisce un sottile strumento illuminato chiamato isteroscopio attraverso la cervice nel tuo utero per diagnosticare e trattare i problemi intrauterini identificati.

la gravidanza dopo un aborto spontaneo

C’è un momento migliore per concepire dopo una perdita?

In genere, il sesso non è raccomandato per due settimane dopo un aborto spontaneo per evitare un’infezione. È possibile ovulare e sperimentare una nuova gravidanza già due settimane dopo un aborto spontaneo. Una volta che ti senti emotivamente e fisicamente pronta a riprovare, chiedi consiglio al tuo medico. Dopo un aborto spontaneo, di solito non c’è bisogno di aspettare per concepire. Dopo due o più aborti spontanei, il medico potrebbe raccomandare dei test.

Cosa può fare la mamma per migliorare le sue possibilità di una gravidanza riuscita?

Spesso non c’è nulla che si possa fare per prevenire un aborto spontaneo. Tuttavia, avere uno stile di vita sano è importante per te e per il tuo bambino. Prendi ogni giorno una vitamina prenatale o un integratore di acido folico, idealmente iniziando qualche mese prima del concepimento. Durante la gravidanza, limita la caffeina ed evita di bere alcolici, fumare e usare droghe illecite. Prima della gravidanza, discuti la necessità di qualsiasi farmaco con il tuo medico e assicurati di prendere solo i farmaci che sono necessari, oltre a discutere di qualsiasi vaccinazione raccomandata. Infine, è importante raggiungere e mantenere un peso sano attraverso un’alimentazione sana e un’attività fisica regolare.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Folato e acido folico: qual è la differenza?

Gli effetti collaterali dello stress durante la gravidanza

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Loading...
  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contents.media