Iperprolattinemia e fertilità: cause e sintomi

Esistono diverse cause, nonché diversi trattamenti per risolvere questa problematica.

L‘iperprolattinemia è quando c’è troppa prolattina nel sangue di una persona. La prolattina è un ormone prodotto dalla ghiandola pituitaria del cervello. Nelle donne, regola le mestruazioni e aiuta il seno a crescere e a produrre latte.

Un alto livello riduce gli estrogeni e interferisce con l’ovulazione, causando cicli irregolari o assenti e influenzando la fertilità.

Porta anche a una bassa densità ossea e fa sì che le donne che non sono incinte producano latte materno.

Quali sono le cause dell’iperprolattinemia?

A volte la causa dell’iperprolattinemia è sconosciuta. Altre cause includono:

  • Un tumore non canceroso nella ghiandola pituitaria che produce alti livelli di prolattina. Questo colpisce il 50-60% delle donne con iperprolattinemia. In casi molto rari, il tumore può essere canceroso
  • Cellule iperattive nella ghiandola pituitaria
  • Tiroide sottoattiva (ipotiroidismo)
  • Alcuni farmaci per condizioni che includono depressione e pressione alta
  • Danni alla zona del torace (da herpes zoster a cicatrici chirurgiche, per esempio)

Quali sono i sintomi dell’iperprolattinemia?

Alcune donne non hanno sintomi, ma altre possono avere

  • Mestruazioni irregolari o assenti
  • Infertilità
  • Produzione di latte materno quando non si è incinta o non si sta allattando
  • Secchezza vaginale
  • Vampate di calore
  • Bassa densità ossea

Come viene diagnosticata l’iperprolattinemia?

Un esame del sangue può mostrare se il tuo livello di prolattina è più alto del normale. Se è borderline, potresti essere testata due volte per essere sicura.

Il tuo medico può anche farti un esame fisico e prescrivere una risonanza magnetica per ottenere un’immagine del tuo cervello.

Qual è il trattamento?

Se hai sintomi lievi o assenti, potresti non aver bisogno di un trattamento.Tuttavia, comunica al tuo medico se hai sintomi che ti danno fastidio, o se hai problemi a rimanere incinta. La prima linea di trattamento per l’iperprolattinemia è di solito la bromocriptina o la cabergolina. Si tratta di due farmaci noti come agonisti della dopamina che riducono i livelli di prolattina, i tumori ipofisari e ripristinano l’ovulazione e la fertilità.

La bromocriptina ha una lunga storia di sicurezza. Ha un rischio molto basso di causare difetti di nascita ed è raccomandata per le donne che sperano di concepire. Potrebbe essere necessario prenderla per alcuni mesi prima che riduca la prolattina a un livello normale. Una volta che il tuo livello è all’interno della gamma normale, l’ovulazione è ripristinata e hai di nuovo il tuo ciclo. A proposito di ovulazione, ecco alcuni consigli per riconoscerla.

La cabergolina è un farmaco più recente e non è stato prescritto da così tanto tempo come la bromocriptina. Non sembra causare difetti di nascita se preso durante il primo mese di gravidanza. La cabergolina funziona in modo simile alla bromocriptina ed è generalmente considerata più efficace per abbassare i livelli di prolattina. Di solito viene prescritta alle persone che non rispondono alla bromocriptina o che hanno effetti collaterali dalla bromocriptina.

Quando sei pronta, puoi provare a concepire naturalmente o con l’aiuto di un medico, a seconda della tua situazione di fertilità. Se non concepisci dopo aver ovulato per alcuni mesi, il tuo medico potrebbe raccomandare un trattamento diverso.

Iperprolattinemia trattamento

Qual è il trattamento dell’iperprolattinemia per un tumore dell’ipofisi?

Un tumore può crescere durante la gravidanza in alcune donne. Le donne con un tumore ipofisario più grande di 10 millimetri di diametro di solito prendono un agonista della dopamina, come la bromocriptina o la cabergolina, per ridurre il tumore prima di concepire.

Se non si riduce abbastanza, o se sta causando sintomi come problemi alla vista, il medico può raccomandare di fare un intervento chirurgico per rimuovere il tumore prima di rimanere incinta.

Quanto dura il trattamento?

Il tuo medico ti farà iniziare con una bassa dose di farmaco e la aumenterà gradualmente secondo necessità. Il tuo livello di prolattina dovrebbe iniziare a scendere due o tre settimane dopo l’inizio del trattamento.

Con la bromocriptina prendi le pillole per via orale o vaginale, una o due volte al giorno, fino alla gravidanza. Se viene prescritta la cabergolina, prendi le pillole per via orale, una o due volte a settimana, fino a quando non rimani incinta.

Puoi usare entrambi i farmaci in modo sicuro per diversi anni, se necessario. Una volta che si smette di prendere il farmaco, tuttavia, l’iperprolattinemia può tornare. Come ulteriore precauzione, il medico può farti smettere di prendere bromocriptina o cabergolina se si scopre che sei incinta.

Quali sono gli effetti collaterali dei farmaci?

Durante l’assunzione di bromocriptina o cabergolina, potresti avere questi effetti collaterali:

  • Bassa pressione sanguigna
  • Nausea
  • Appannamento mentale
  • Affaticamento
  • Congestione nasale
  • Depressione
  • Costipazione
  • Vertigini
  • Mal di testa
  • Svenimento

Gli effetti collaterali possono essere più gravi all’inizio del trattamento od ogni volta che la dose viene aumentata, ma di solito diminuiscono quando il tuo corpo si abitua al farmaco. Fino a quando non ti abitui, prendilo di notte quando sei a letto perché c’è il rischio di svenimento ogni volta che la dose viene iniziata o aumentata.

Prendere il farmaco durante i pasti può anche aiutare, e i pazienti che usano bromocriptina vaginalmente spesso riportano meno effetti collaterali. Gli effetti della cabergolina tendono anche ad essere meno gravi.

Quali sono le mie possibilità di gravidanza dopo il trattamento?

Il livello di prolattina ritorna alla normalità in circa il 90% delle donne che prendono bromocriptina o cabergolina. L’85% delle donne che prendono questi farmaci ovulano, e di quelle che ovulano, il 70-80% rimane incinta. Il range è dovuto a tutti gli altri fattori che influenzano la gravidanza, dalla tua età alla qualità dello sperma del tuo partner. Per quanto riguarda quest’ultimo, anche la dieta può influire drasticamente e ha un ruolo essenziale.

La bromocriptina e la cabergolina non aumentano il rischio di avere due o più gemelli. Se ancora non ovuli nonostante un livello di prolattina normale, i farmaci per la fertilità come il clomifene citrato o le gonadotropine possono essere aggiunti al tuo regime farmacologico.

Quanto costa il trattamento?

Potreste spendere da 40 a 50 dollari per 30 pillole di bromocriptina generica. La cabergolina generica costa tra i 90 e i 130 dollari per una fornitura mensile di otto pillole.

Se la tua assicurazione non copre questo trattamento, devi pagare il costo in anticipo.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Test di gravidanza negativo: quanto è accurato?

Sindrome dell’ovaio policistico: cause, sintomi, trattamenti

Leggi anche
  • YogaYoga: può aiutare a rimanere incinta?

    Lo yoga potrebbe portare grandi benefici a 360 gradi.

  • vaccino antinfluenzaleVaccino antinfluenzale: è sicuro se si vuole una gravidanza?

    Il vaccino antinfluenzale può fare molto di più.

  • Utero retroverso in gravidanzaUtero retroverso in gravidanza: problematiche possibili

    Un utero retroverso non crea alcun tipo di problema durante la gravidanza, anzi avere l’utero retroverso facilita la gravidanza. Scopri il perché.

  • Loading...
  • VacanzaUna vacanza può aiutare a rimanere incinta?

    La luna di concepimento potrebbe essere particolarmente utile.

  • download30Una ragazza può rimanere incinta se ha il ciclo ?
Contents.media