Insegnare ai bambini a gestire la rabbia: i consigli

Insegnare ai bambini a gestire la rabbia: alcuni consigli utili per i genitori che si trovano a dover affrontare le emozioni dei figli.

La rabbia è una delle emozioni più difficili da gestire. Se poi si tratta della rabbia dei più piccoli, gli adulti rischiano di trovarsi del tutto impreparati ad affrontare la situazione. Insegnare ai bambini a gestire la rabbia: i consigli utili per i genitori.

Come insegnare ai bambini a gestire la rabbia

Quando si parla di emozioni, la rabbia è sicuramente quella più scomoda e difficile da gestire. Nonostante ciò, è fondamentale per lo sviluppo emotivo e sociale dei più piccoli, che sono i primi a spaventarsi di fronte a qualcosa che non conoscono.

La rabbia è un’emozione indispensabile, ma che può creare dei guai. Si tratta, prima di tutto, di una manifestazione di vitalità: uno scatto di affermazione forte di sé, che aumenta il senso di efficacia.

Per questo motivo può non essere saggio cercare semplicemente di inibirla per prevenire i guai che effettivamente può creare. È importante sapere che molto spesso si prova rabbia perché si vuole annullare una sofferenza. In effetti, molto spesso è la penultima risorsa attivata per cercare di reagire a un dolore sentito come insopportabile.

Questo sentimento è centrale nel sentire dei bambini, soprattutto di quelli molto piccoli, che la sperimentano in continuazione essendo parte integrante del loro percorso di crescita.

In sé, la rabbia non ha nulla di positivo o negativo, perché tutto dipende da come viene gestita. Quindi, imparare a controllare la rabbia è un punto di partenza importantissimo per relazionarsi e vivere al meglio le esperienze.

Come insegnare ai bambini a gestire la rabbia: i consigli utili.

Empatia sempre e comunque

Quando il piccolo è arrabbiato è opportuno mettersi nei suoi panni e cercare di capire da cosa dipenda la sua rabbia.

Molto spesso, però, i bimbi non capiscono perché sono arrabbiati. Spiegarglielo con calma, quindi, lo aiuterà a razionalizzare e a relativizzare il problema. In questo modo il bambino si calmerà e imparerà a riconoscere le sue emozioni.

Mettersi al livello dei bimbi

Non solo quando il bambino è arrabbiato, ma sempre bisogna parlare con lui mettendosi al suo livello. Infatti, parlare con qualcuno che sta più in alto di loro non può che farli sentire in difetto, inferiori e non all’altezza.

Sedersi vicino a lui con il viso alla stessa altezza del suo faccino faciliterà la comunicazione.

Spiegare sempre il perché

Quando si sgrida il bambino è opportuno spiegare il perché. Nonostante possano sembrare spiegazioni banali, il piccolo parte da zero e tutte queste cose non le sa. È opportuno spiegargli sempre il perché di una regola, perché questa lo aiuterà ad accettarla.

L’importanza dell’abbraccio

Il contatto fisico conforta e rinfranca l’anima.

È fondamentale insegnare ai figli a cercare l’abbraccio dei propri cari nei momenti di difficoltà. D’altronde, la condivisione delle emozioni passa anche dal corpo.

Scritto da Francesca Belcastro
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Parto dolce: cos’è e quando è nato

Febbre in gravidanza: cosa fare e come curarla

Leggi anche
  • ZainoZaino scuola per bambini: modelli e marche migliori

    Le vacanze estive stanno finendo ed è tempo di pensare al rietro a scuola; Zaino scuola per bambini: modelli e marche migliori.

  • zaini scuolaZaini scuola: quale scegliere per i propri figli

    La scelta degli zaini scuola per i figli è fondamentale per affrontare l’anno scolastico in arrivo. Sicuramente alla moda, ma comodi e di qualità.

  • Zaini elementari bimba: le tendenze del momentoZaini elementari bimba: le tendenze del momento

    Con l’inizio delle scuole elementari è importante scegliere,per la propria bambina, uno zaino comodo e capiente ma al passo con le tendenze del momento.

  • Loading...
  • zaini elementari bambinoZaini elementari bambino: quale acquistare

    Lo zaino è l’accessorio fondamentale per la scuola elementare: in esso verranno riposti tutti gli oggetti necessari per affrontare la quotidianità scolastica. Quali caratteristiche deve avere uno zaino adatto ad un bambino? Di seguito i modelli migliori.

  • Zaini asilo bimbo: i modelli più belliZaini asilo bimbo: i modelli più belli

    Per far affrontare al meglio l’avventura dell’asilo ai nostri figli, vediamo quali sono i modelli migliori e come sceglierli.

Contents.media