Infezioni post-parto: tutto ciò che devi sapere

Poiché un'infezione non trattata può diventare rapidamente grave, è importante avvisare il tuo medico se hai uno dei sintomi descritti qui.

Il tuo corpo in convalescenza può essere vulnerabile a certe infezioni post-parto. Alcune iniziano effettivamente a fermentare durante il travaglio, anche se spesso non diventano evidenti per giorni – o addirittura settimane – dopo il parto.

Le infezioni comuni includono:

  • Endometrite, un’infezione dell’endometrio (rivestimento uterino)
  • Mastite, un’infezione del seno
  • Incisione infetta
  • Infezione del tratto urinario

Endometrite

Hai un rischio maggiore di sviluppare un’infezione dell’endometrio se hai avuto un cesareo, e il rischio è ancora più alto se hai lavorato prima. È anche più alto se il tuo travaglio è stato molto lungo o se c’è stato un lungo periodo di tempo tra la rottura delle acque e il parto.

Tra le donne che partoriscono vaginalmente, il rischio è più alto per quelle che hanno un parto vaginale assistito che per quelle che hanno un parto vaginale spontaneo.

Mastite

La mastite al seno colpisce fino a 1 su 10 madri che allattano ed è più probabile nelle mamme con i capezzoli screpolati. È improbabile che una mamma che non allatta possa avere la mastite, anche se può accadere quando i suoi seni si ingorgano prima che il latte si asciughi.

Incisione infetta

Se hai avuto un cesareo, il sito dell’incisione può infettarsi. Dopo un parto vaginale, è possibile averne una nel sito di un’episiotomia o di uno strappo, anche se è poco comune.

Fino al 16% delle donne che hanno un cesareo sviluppano un’infezione, di solito entro una settimana dal parto.

Infezione del tratto urinario

Sei più vulnerabile a sviluppare un’infezione del tratto urinario dopo il parto, soprattutto se hai avuto un catetere nella vescica o un’epidurale.

Infezioni post-parto mamme

Quali sono i sintomi delle infezioni post-parto?

Molte infezioni post-parto sono accompagnate da febbre, brividi o una sensazione generale di malessere o disagio, e a volte questi sono gli unici sintomi evidenti. Altri sintomi a cui prestare attenzione includono:

  • Dolore al basso ventre, febbre di basso grado o lochia maleodorante (segni di endometrite)
  • Un’area dolorosa, dura, calda e rossa (di solito solo su un seno) e febbre, brividi, dolori muscolari, affaticamento o mal di testa (segni di mastite)
  • Arrossamento, secrezione, gonfiore, calore, crescente dolore intorno a un sito di incisione o ferita (che sia un’incisione da taglio cesareo, un’episiotomia o una lacerazione) o un’incisione che sembra stia iniziando a separarsi
  • Difficoltà a urinare, minzione dolorosa, la sensazione di dover urinare spesso e con urgenza con poche quantità, o urina torbida o sanguinolenta (segni di un’infezione del tratto urinario)

Cosa devo fare se penso di avere un’infezione?

Poiché un’infezione non trattata può diventare rapidamente grave, è importante avvisare presto il tuo medico se hai la febbre o uno qualsiasi degli altri sintomi descritti sopra. Potresti aver sentito che l’ingorgo del seno può causare una febbre di basso grado. Anche se ciò può accadere, non dare per scontato che l’ingorgo sia la causa di una febbre post-parto. Chiama invece il tuo medico.

Ti verranno dati antibiotici per trattare l’infezione. Assicurati di far sapere al medico se stai allattando, perché ciò influenzerà i farmaci che ti prescriverà. Gli antibiotici orali sono di solito sufficienti, ma in alcune situazioni potresti aver bisogno di antibiotici per via endovenosa ed eventualmente di altri trattamenti. Per esempio, se hai una ferita infetta, potrebbe essere necessario aprirla chirurgicamente e drenarla.

Probabilmente comincerai a sentirti meglio entro pochi giorni dall’inizio degli antibiotici, ma è importante completare l’intero corso anche se i sintomi scompaiono. Chiedi al medico quanto tempo dovrebbero impiegare i farmaci per iniziare a funzionare, e assicurati di farglielo sapere se non sembrano aiutare entro quel periodo di tempo. Potrebbe essere necessario passare a un altro farmaco, o potrebbe esserci qualcos’altro in corso.

Bevi molti liquidi per prevenire la disidratazione e riposa il più possibile per aiutare il tuo corpo a combattere l’infezione.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Lochia: sanguinamento e perdite post-parto

Sanguinamento rettale post-parto: cosa fare

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Loading...
  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contents.media