Il protossido d’azoto per attenuare il dolore nel travaglio

Anche come gas esilarante, è una sostanza che molti conoscono grazie agli interventi odontoiatrici. Ecco qual è il suo legame con il travaglio.

Il protossido d’azoto, noto anche come gas esilarante, è una sostanza che molti conoscono grazie agli interventi odontoiatrici, ma forse non sapete che può essere usato durante il travaglio per aiutare a gestire il dolore e il disagio! Ecco cosa c’è da sapere sul protossido di azoto per alleviare il dolore durante il travaglio.

Che cos’è il protossido di azoto e perché è utile nel travaglio?

Questo gas insapore e inodore viene inalato attraverso una maschera. Aiuta a gestire il disagio in tutto il corpo senza causare una perdita di sensibilità o di controllo muscolare o di movimento. Alcune persone preferiscono il protossido d’azoto ai farmaci somministrati per via endovenosa, che possono dare una sensazione di intontimento, o all’epidurale, che in genere riduce la sensibilità e può causare la perdita del controllo muscolare.

Quando si può usare?

Il bello del protossido di azoto è che può essere utilizzato in qualsiasi momento del travaglio e del parto. Può essere utilizzato anche dopo il parto, mentre i medici curanti riparano eventuali lacerazioni perineali o ferite acquisite durante il parto. Può essere iniziato in qualsiasi momento e terminato in qualsiasi momento. Se non vi piace o non funziona, è facile passare a un altro farmaco.

Questo gas viene generalmente somministrato attraverso una maschera tenuta sul naso e sulla bocca della paziente in travaglio.

La concentrazione di protossido di azoto non deve superare il 50%. Con un po’ di pratica, l’inizio dell’inalazione del protossido di azoto deve coincidere con le contrazioni. Per ottenere il massimo controllo del dolore, si dovrebbe iniziare a inalare circa 30-45 secondi prima dell’inizio delle contrazioni. In questo modo, il farmaco raggiunge l’apice nello stesso momento in cui si verificano le contrazioni, perché il protossido di azoto impiega circa 60 secondi per agire.

Protossido d'azoto travaglio benefici

Chi può usarlo?

Alcuni pazienti riferiscono che il protossido di azoto è efficace e funziona per loro. Altre hanno l’impressione che non riduca la sensazione di dolore come vorrebbero. Tuttavia, se è disponibile e volete provarlo, non abbiate paura di parlarne con i vostri curanti! Si può sempre provare. Se non vi piace, allora potrete discutere di altre opzioni di gestione del dolore a vostra disposizione.

Nella maggior parte dei casi, i criteri per l’uso del protossido di azoto sono semplici e sono i seguenti:

  • La madre deve essere in grado di indossare e togliere la maschera dal viso in tutta sicurezza.
  • Deve essere in grado di ottenere una chiusura ermetica su naso e bocca.
  • Deve avere livelli adeguati di B12.
  • Non deve avere precedenti di collasso polmonare, interventi di bypass gastrico o interventi all’orecchio interno.
  • L’apparecchiatura che rilascia il protossido di azoto deve utilizzare un dispositivo di recupero e disporre di una valvola di richiesta.
Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cose che peggiorano il dolore del travaglio: quali sono

Parto naturale o cesareo: qual è la scelta giusta per voi?

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Loading...
  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contentsads.com