Notizie.it logo

Il pesce nel menù delle donne incinte

Il pesce nel menù delle donne incinte

La Food and Drug Administration (FDA) e la US Environmental Protection Agency (EPA) ha recentemente aggiornato le linee guida per il consumo di pesce per le donne incinte, madri che allattano e bambini piccoli.

Il rapporto di 261 pagine pesa i rischi ed i benefici e, infine, giunge alla conclusione che 2-3 porzioni di pesce alla settimana è benefico per la crescita di un feto e dei bambini.

“Per anni, molte donne hanno limitato o evitato di mangiare pesce durante la gravidanza o l’alimentazione dei pesci per i propri figli”, afferma Stephen Ostroff, MD, Chief Scientist della FDA. “Ma la scienza emergente ora ci dice che limitare o evitare pesce durante la gravidanza e la prima infanzia può significare rinunciare a importanti sostanze nutritive che possono avere un impatto positivo sulla crescita e lo sviluppo, nonché sulla salute generale.”

Le nuove linee guida

Le linee guida della FDA incoraggiano le donne a mangiare da 8 a 12 grammi di pesce ogni settimana.

I bambini di età superiore a 6 mesi dovrebbero anche consumare 2-3 porzioni relative alla loro età ed esigenze caloriche. Ad esempio, i bambini di età compresa tra 2-8 possono godere di 3-6 once per settimana.

Se sei un pescatore, limitatevi a 6 once di pescato locale a settimana. I bambini possono consumare 1-3 once. Quando si pianifica i pasti per la tua famiglia, scegliere le opzioni a basso mercurio, come ad esempio

• Salmone (Atlantic, Chinook, Coho, rosa e Sockeye)
• Sardine (Atlantico e Pacifico)
• Ostriche (Pacifico)
• Tilapia
• Conserve di tonno alalunga luce (massimo 6 once a settimana per le donne)

Secondo la FDA, il metilmercurio è una neurotossina che raccoglie in ruscelli e oceani e può trasferire dal pesce agli esseri umani, causando danni al cervello o al sistema nervoso.

Alcune specie assorbono più metilmercurio e dovrebbero essere evitati durante la gravidanza e non alimentato ai bambini. Questi includono il re Sgombro, squali, pesce spada dal Golfo del Messico.

i vantaggi

I benefici nutrizionali del consumo di pesce sono troppo numerosi per negare. Secondo il rapporto, i pesci offrono:
• benefici sviluppo neurologico del feto
• è una proteina facilmente digeribile
• è ricco di taurina, arginina, glutammina, vitamina A, vitamina D, iodio e selenio
• fornisce acidi grassi omega-3 per lo sviluppo del sistema nervoso centrale e riduce i rischi di infarto e ictus

Aggiunta di pesce al menù

E ‘semplice aggiungere 2-3 porzioni 4 once di pesce alla vostra pianificazione del pasto settimanale. Da bistecche di tonno alla griglia di salmone affumicato in cima a una fresca insalata, avete opzioni.

L’unica regola: evitare il pesce crudo. Sushi non è sul menu.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche