Il first aid da portare in vacanza per il bambino

il first aid da portare in vacanza

Quando si parte per una vacanza di pochi giorni, o qualche settimana, uno dei primi problemi che la i genitori si pongono è: cosa portare in caso di emergenza?

In questo articolo proveremo a darvi qualche utile suggerimento e consiglio riguardo il first aid da portare in vacanza per il bambino.

Chiedi al pediatra

Innanzitutto, è raccomandabile chiedere sempre al proprio pediatra: chi meglio di lui può darvi dei consigli e le giuste raccomandazioni per vivere serenamente la vostra vacanza?

Rivolgersi al proprio medico è fondamentale. Prima di tutto lui, o lei, può aiutarvi ad evitare ansie e preoccupazioni superflue. Poi, può suggerire delle buone pratiche per affrontare al meglio il viaggio con il bebè. Parlate apertamente con il pediatra, non abbiate di timore di fare domande ed esporre i vostri dubbi. Spesso, è meglio chiedere qualcosa in più che in meno. Soprattutto, se affrontate un viaggio all’estero, è meglio essere sicuri di sapere come intervenire e avere tutto il necessario a portata di mano.

Infatti, se rimanete in zona, è più facile reperire i medicinali di base, o comunque rivolgersi alla guardia medica locale. Altrimenti, a meno che non abbiate dimestichezza con la lingua straniera, potreste impiegare più tempo per prestare le prime cure al piccolo.

Il first aid da portare in vacanza

Un kit di pronto soccorso è essenziale quando decidete di partire per le vacanze con il vostro bambino e preparate le valigie. Potete avere sia un kit di pronto soccorso già pronto, oppure prepararne uno da soli.

In ogni caso, il vostro kit deve includere le seguenti cose:

  • Le medicine abituali nel caso il bambino debba assumere farmaci per qualche patologia cronica.
  • I farmaci che il bambino assume, nel caso di un malanno passeggero in coincidenza con la partenza.
  • Fermenti lattici che possono aiutare quando si cambiano abitudini alimentari.
  • Antisettico per le punture di insetto.
  • Farmaci per le eventuali allergie del piccolo.
  • Cerotti per coprire qualsiasi ferita.
  • Bende sterili per le prime medicazioni.
  • Il termometro: quelli digitali sono i migliori.

Portate con voi farmaci come ibuprofene e paracetamolo per abbassare la febbre.

Se il bambino è più grande, potete portare anche delle bustine in polvere da aggiungere all’acqua o a un liquido con un misurino.

Raccomandazioni.

Seguite sempre il dosaggio indicato sul bugiardino, o consigliato dal tuo pediatra.

Non dare mai insieme paracetamolo e ibuprofene.

Un Kit facile da portare

Questo elenco, anche se a prima vista può sembrare lungo, in realtà non è ingombrante. Infatti, potete procurarvi confezioni monodose, oppure portare il quantitativo di farmaci e presidi medici necessari per la lunghezza del viaggio.

Magari considerate qualche dose extra, in caso vi doveste soffermare di più in vacanza, o qualcosa vada perduto.

Nei negozi, se non il first aid da portare in vacanza già completo, potete trovare le valigette predisposte. Sono facili da portare e poco ingombranti.

In auto, possono essere risposte nei vani porta oggetti, o nel bagagliaio. L’importante è che non siano a portata di mano dei bambini e che non vengano esposte a temperature estreme. Il caldo, ma anche il freddo, possono alterare la composizione di alcuni farmaci e renderli inefficaci.

Quando si viaggia in aereo, invece, le cose si complicano un po’. Dovete sempre ricordare che i liquidi vanno messi in stiva, oppure, come bagaglio a mano, messi un sacchetto trasparente, non superando mai i 100ml per prodotto.

In caso di sciroppi, dunque, conviene metterli in valigia, ma se prevedete di utilizzarli in aereo o durante gli scali, allora vi conviene preparare il dosaggio necessario (che non superi quello previsto) nelle apposite bottigliette di plastica. Queste ultime è facile reperirle in giro nei negozi o supermercati. Ricordate di chiuderle bene e assicurarvi che non ci siano perdite. Con questi piccoli accorgimenti, il gioco e fatto e potrete godere il viaggio in serenità.

Qualche utile consiglio

Un’utile pratica può essere quella di appuntare tutti i consigli del vostro pediatra. E’ facile confondersi quando si preparano le valigie, oppure quando bisogna somministrare le medicine al piccolo e siete lontani da casa. Scrivete in foglietto i nomi dei medicinali, i principi attivi, i dosaggi e quello che ritenete utile. Questo potrà servirvi anche nel caso in cui dobbiate chiedere consiglio ad un altro medico.

Quando arrivate a destinazione, può essere utile informarvi riguardo la posizione della guardia medica più vicina ed eventuali farmacie notturne.

Seguite questi consigli e sarà più facile affrontare i piccoli imprevisti che possono capitare in viaggio.

Un ultimo consiglio: non fatevi prendere dall’ansia! Le vacanze vanno godute in pieno, senza preoccuparsi più del necessario. La prudenza non deve mai superare i limiti dell’allarmismo e delle fobie immotivate. Anche se fuori casa, la famiglia può serenamente concedersi qualche svago e distrazione: questi sono senza dubbio due ingredienti che fanno bene alla salute di tutti!

Quindi, una volta pronto il first aid da portare in vacanza, non resta che augurarvi buon viaggio!

Leggi anche
  • ginger-sickness-125104224-resizedZenzero contro la nauseaLo zenzero è utile per combattere la nausea che di solito è una conseguenza della chemioterapia, dell’avvelenamento da ...