Identificazione e gestione dell’incontinenza post-partum

Ecco quali sono le varie tipologie e come trattarle in modo efficace.

L’incontinenza post-partum è un fenomeno piuttosto frequente. Durante e dopo la gravidanza, il corpo subisce cambiamenti drastici dovuti alla crescita del bambino e alla guarigione dopo il parto. Poiché gli organi si adattano e tutti i muscoli, le ossa e i legamenti intorno al basso addome si allungano, la vescica e i muscoli del pavimento pelvico subiscono una maggiore pressione.

Ciò può comportare una diminuzione del controllo della vescica e/o un aumento dell’urgenza urinaria. Si tratta della cosiddetta incontinenza post-partum, che colpisce più donne di quanto si pensi.

Incontinenza post-partum: le varie tipologie

Incontinenza urinaria da stress

L’incontinenza urinaria da stress è più che altro un’incontinenza fisica. Si verifica quando si tossisce, si ride o si starnutisce, il che aumenta la pressione addominale. I muscoli del pavimento pelvico, o lo sfintere uretrale, non hanno abbastanza forza per resistere all’aumento della pressione addominale.

Di conseguenza, i muscoli cedono e l’uretra si apre, causando perdite dalla vescica.

Incontinenza da urgenza

L’incontinenza da urgenza si verifica quando si ha un forte desiderio di andare in bagno. Di solito è causata dal fatto che il muscolo della vescica riceve dal sistema nervoso segnali forse falsi che dicono. Di conseguenza, il muscolo inizia a stringere prima di andare in bagno. Questo provoca una sensazione di maggiore pienezza e pressione nel bacino, per cui è necessario precipitarsi in bagno all’improvviso.

Incontinenza urinaria mista

L’incontinenza mista è una combinazione di incontinenza da sforzo e da urgenza. Una può essere più grave dell’altra, quindi in molti casi di incontinenza mista è utile sottoporsi a un test di funzionalità vescicale per identificare i problemi principali.

Gestione dell’incontinenza post-partum

Evitare cibi/bevande che irritano il rivestimento della vescica

Se notate che alcuni cibi/bevande causano problemi e irritazioni, cercate di evitarli. I più comuni responsabili dell’irritazione della vescica sono i cibi piccanti, gli agrumi, i cibi a base di pomodoro e la caffeina. Ognuno di noi, però, è diverso, per cui è bene ascoltare il proprio corpo e riconoscere quali sono gli alimenti o le bevande scatenanti. Un modo eccellente per tenerne traccia è tenere un diario alimentare.

Rimanere idratati

La maggior parte delle persone non beve abbastanza acqua, ma soprattutto le donne in gravidanza non ne bevono abbastanza. In gravidanza il volume del sangue si dimezza, il che significa che l’urina è più concentrata. Un’urina più concentrata può causare urgenza e irritare il rivestimento della vescica. È importante aumentare l’assunzione di acqua fino a un massimo di 80-100 grammi al giorno.

incontinenza post-partum rimedi

Lavorare sul differimento dell’urgenza

Nessuno dovrebbe far passare più di due ore tra una minzione e l’altra, il che significa che se siete sufficientemente idratati, dovreste andare in bagno ogni due ore. Una parte importante del differimento dell’urgenza consiste nel garantire che non si attenda troppo a lungo tra una minzione e l’altra e che non si raggiunga quella soglia di non ritorno in cui si ha fretta di andare. Per le donne in gravidanza, se siete sufficientemente idratate, ciò significa che potreste andare in bagno ogni ora e mezza o due ore, oppure da una a due ore.

Concentratevi su qualcosa di più dei Kegel

Sembra che ci sia un’idea sbagliata secondo cui gli esercizi di Kegel e l’attenzione ai soli muscoli del pavimento pelvico possano aiutare il recupero dopo la gravidanza. Ma è un’idea gravemente sbagliata. È necessario lavorare su molto di più dei muscoli pelvici. Durante la gravidanza, l’utero si espande, i muscoli addominali si allungano e i muscoli della schiena e delle anche sono compromessi. È necessario un regime di esercizi dai capezzoli alle ginocchia che si concentri sul rafforzamento di tutti questi muscoli. Quindi, anche se i Kegel sono ottimi, non possono portare a molto.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Allattamento: la guida per il ritorno al lavoro

I pensieri che potrebbero sopraggiungere dopo il parto

Leggi anche
  • zara abbigliamento bambina vestitiniZara abbigliamento bambina: 5 vestitini da non perdere

    Le bambine amano fare shopping e scegliere i propri capi: scopriamo i migliori vestitini per bambina di Zara abbigliamento.

  • migliori zaini per la scuola 2020Zaini per la scuola 2020: quale acquistare?

    Il nuovo anno scolastico è ormai alle porte: quali sono i migliori zaini per la scuola 2020 da acquistare online?

  • Loading...
  • Yoga neo-mamme e bimbiYoga, neo-mamme e bimbi: tutti i vantaggi

    Ecco quali sono i benefici fisici e psicologici dello yoga nelle neo-mamme e nei bimbi dopo il parto.

  • Vestiti pre-gravidanzaVestiti pre-gravidanza: potrai indossarli di nuovo?

    Ogni volta che ti senti frustrata dal tuo aspetto, prendi il tuo bambino e vai allo specchio più vicino.

  • cuscino per allattamentoVantaggi di un cuscino per l’allattamento: cosa c’è da sapere

    A differenza di altri prodotti altamente commercializzati ed espedienti per le madri incinte, i cuscini per l’allattamento sono davvero utili. 

Contents.media