I primi segnali per capire se il bambino sta arrivando

I seguenti segnali ti aiuteranno a capire se stai entrando in travaglio.

Capire se il bambino sta arrivando può contribuire a un’esperienza meno stressante e più consapevole. La nascita del bambino è un evento che stai aspettando con ansia e gioia dal giorno in cui hai scoperto di essere incinta. Probabilmente hai anche passato del tempo a chiederti come sarebbe stato il travaglio, quanto sarebbe durato, come capire se è vero o se è un falso travaglio.

Mentre ci sono alcuni cambiamenti caratteristici che avvengono nel tuo corpo durante il travaglio, l’esperienza del travaglio di ogni donna è unica e diversa. Ciò che è “normale” può variare da donna a donna. I segni e i sintomi del travaglio possono iniziare ad apparire circa 3 settimane prima della data prevista per il parto. Non c’è un modo preciso per prevedere quando esattamente potresti entrare in travaglio.

I seguenti segnali ti aiuteranno a capire se il bambino sta arrivando.

Il bambino scende

Se questo è il tuo primo figlio, il tuo bambino inizierà a scendere nel tuo bacino con la testa bassa. Significa che il tuo bambino si sta mettendo in posizione per uscire. Ciò accade normalmente circa due o quattro settimane prima del travaglio.

Apertura della cervice

Più comunemente conosciuta come dilatazione. La tua cervice comincerà ad aprirsi man mano che ti avvicini al travaglio. Il tuo medico misurerà la dilatazione in centimetri.

Quando sei dilatata di 10 centimetri, significa che il bambino sta arrivando ed è pronto per uscire.

capire se il bambino sta arrivando

Aumentato bisogno di urinare

Questo può essere un segno che la testa del tuo bambino è scesa nel bacino, esercitando una maggiore pressione sulla tua vescica. Pertanto, man mano che ti avvicini al travaglio, l’intensità del bisogno di urinare aumenterà.

Rottura delle acque

Il bambino nel tuo utero è protetto da una membrana piena di liquido chiamata sacco amniotico. Questa membrana fornisce un supporto ammortizzato e una protezione al tuo bambino. Quando entrerai in travaglio, questa membrana si romperà. Questo fenomeno è comunemente indicato come rottura delle acque.

Quando si rompono le acque, noterai uno zampillo di liquido acquoso che esce dalla tua vagina. Devi andare in ospedale non appena questo accade. Il tuo operatore sanitario esaminerà sia te che le condizioni del tuo bambino, e poi determinerà come andare avanti.

come capire se il bambino sta arrivando

Contrazioni

L’intensità di queste contrazioni varia da donna a donna. Man mano che ti avvicini al travaglio, sentirai delle contrazioni, dei martellamenti e dei dolori acuti nell’addome, simili ai crampi mestruali ma molto più forti in intensità. Verso la fine del terzo trimestre, sperimenterai le contrazioni di Braxton-Hicks, conosciute anche come falso travaglio.

Queste contrazioni sono lievi rispetto a quelle del vero travaglio e non si verificano a intervalli regolari. Nel momento in cui noti che le contrazioni si avvicinano a meno di dieci minuti l’una dall’altra, è molto probabile che tu stia entrando in travaglio.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Consigli per rendere più facile la vita con un neonato

Come aiutare il corpo a riprendersi dopo il parto

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Loading...
  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contents.media