Notizie.it logo

I gatti e i bambini autistici: una storia vera

I gatti e i bambini autistici: una storia vera

I gatti stanno lentamente muovendo in proprio come animali di terapia, e vengono utilizzati in case di riposo e altre istituzioni a tale scopo. Tuttavia, anche se molto è stato scritto circa l’uso di cavalli e cani con i bambini autistici, poco, se non altro, è stato scritto in precedenza sui gatti. Questa incredibile storia vera può aprire gli occhi alle possibilità di utilità gatti come terapia per i bambini autistici.

Sono un padre vedovo con una figlia e un figlio. Mio figlio vive con l’autismo. Molto prima della sua nascita, sono entrato nel campo delle neuroscienze e ho lavorato con i bambini che hanno disabilità neuropsicologiche. Quando mio figlio aveva quattro anni e mia figlia di nove, mia moglie è morta inaspettatamente.

Rimasi sola con una bambina e bambino. Il ragazzino viveva con autismo.

Per coloro che non lo sanno, l’autismo è un disturbo di comunicazione. I casi più gravi hanno spesso un ritardo mentale . Fortunatamente, Richard non ha ritardo mentale. Egli non ha le difficoltà di comunicazione che le persone con autismo affrontano tutti i giorni. . Mi sono ricordato che in uno dei miei libri avevo letto qualcosa su una ragazza con autismo che era stato portato fuori dal suo mondo interiore attraverso il suo rapporto con i cavalli. Ho deciso, perché no.

Ho preso Richard a ogni luogo possibile dove avrebbe potuto incontrare ed essere vicino agli animali. Non ha mai espresso alcun interesse. Poi un giorno, abbiamo visitato il canile locale.

Ero cresciuto con i cani. Mia madre era “psicologicamente allergica” ai gatti. Era una di quelle persone che credevano che i gatti sono solitari e non avevano personalità.
Mentre stavamo partendo, ancora una volta siamo passati davanti alle porte della zona dei gatti. Ho pensato, che diamine? Vale la pena di provare. Anche se non ho idea di quello che troverai interessante in là.?? Siamo entrati nella zona dei gatti, che era significativamente inferiore alla superficie cane. Come siamo passati davanti le gabbie, lì in un angolo c’era un gatto nero e bianco. Improvvisamente mio figlio di quattro anni, indicò la gabbia e ha detto, “Gatto”. Questo è tutto. Quel giorno abbiamo preso il gatto a casa. Mio figlio non è riuscito a trovare un nome per il suo nuovo amico.

Mia figlia, che è sempre stato molto protettivo del fratello minore ha cercato di aiutare a trovare un nome che potesse pronunciare. Infine, il nome di Clover è stato scoperto. Da quel giorno, il gatto e mio figlio sono inseparabili. Mio figlio ha degli amici, cresce, va avanti e impara.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche