Gravidanza gemellare monocoriale: di cosa si tratta e cosa sapere

Gravidanza gemellare monocoriale: di cosa si tratta, cosa sapere e i rischi di questo particolare tipo di gestazione.

Le gravidanze gemellari costituiscono meno dell’1% di tutte le gravidanze. Nonostante ciò, quando si scopre di aspettare due bambini, comincia il panico. Detto ciò, risulta assolutamente fondamentale seguire tutti i consigli del ginecologo per salvaguardare la propria salute e quella dei due feti.

Gravidanza gemellare monocoriale: di cosa si tratta e cosa bisogna sapere? Scopriamolo insieme.

Gravidanza gemellare monocoriale: cos’è

Una gravidanza gemellare merita maggior attenzione e maggiori accortezze rispetto a una “normale gestazione”. È in occasione dell’ecografia del primo trimestre, che si effettua tra la sesta e la quattordicesima settimana, che il ginecologo verifica la vitalità dell’embrione, la sede della gravidanza e il numero dei feti presenti.

Innanzitutto, è opportuno capire di fronte a che tipo di gravidanza ci si trova.

Si parla di gravidanza gemellare dizigotica o bicoriale quando due ovuli separati sono fecondati da due spermatozoi diversi. Ogni feto ha la propria placenta e il proprio sacco amniotico. La gravidanza gemellare monozigotica o monocoriale, invece, si instaura quando un ovulo viene fecondato da un solo spermatozoo, ma si divide in due zigoti distinti, da cui si formeranno due embrioni separati. I cosiddetti gemelli identici hanno in genere un proprio sacco amniotico e un proprio cordone ombelicale, ma condividono la placenta.

Avranno lo stesso sesso e presenteranno tratti fisici molto simili.

La gravidanza gemellare monocoriale può essere biamniotica, per cui i gemelli sono contenuti in due sacchi separati o, raramente, monoamniotica, per cui i gemelli sono contenuti nello stesso sacco. La gravidanza gemellare monocoriale biamniotica è una condizione di rischio per alcune complicanze (come la trasfusione feto-fetale) che richiedono una sorveglianza ecografica e talora un trattamento in utero.

I rischi della gravidanza gemellare monocoriale

La gravidanza monocoriale biamniotica ha una frequenza di 1 su 400 parti. I due feti, geneticamente identici, condividono la placenta, ma si trovano in sacchi amniotici separati. I rischi di questo tipo di gravidanza sono maggiori rispetto alla gravidanza bicoriale:

  • aborto spontaneo;
  • ritardo di crescita;
  • trasfusione feto-fetale;
  • parto pretermine;
  • maggior rischio di malformazioni, soprattutto cardiache.

L’aumento dei rischi avviene principalmente perché nelle gravidanze gemellari monocoriali sono presenti comunicazioni vascolari a livello placentare che possono causare uno sbilanciamento del flusso di sangue da un feto all’altro, creando la cosiddetta sindrome da trasfusione feto-fetale, severa in circa la metà dei casi.

Scritto da Francesca Belcastro
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Gravidanza gemellare: cosa sapere quando i bimbi sono due

Bassa autostima nell’adolescenza: cosa possono fare i genitori

Leggi anche
  • zinco durante la gravidanzaZinco durante la gravidanza: cosa sapere

    Tutti i dettagli per integrare lo zinco nella tua dieta.

  • Yogurt adatti ai neonatiYogurt adatti ai neonati: quali sono e come scegliere i migliori

    In base a cosa scegliere gli yogurt per i neonati e a cosa evitare di questo alimento.

  • Loading...
  • Yoga prenataleYoga prenatale: cos’è e a cosa serve

    Un dolce e rilassante modo per avere innumerevoli benefici.

  • yoga 1Yoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

Contents.media