Notizie.it logo

Gravidanza e digestione: il valido aiuto del carbone attivo

carbone attivo

Come migliorare la digestione in gravidanza: più attenzione all'alimentazione e via libera al carbone attivo, valido aiuto contro i bruciori

Ah, la gravidanza! Un periodo di vita magico che porta con sé gioie e dolori. O meglio, piccoli disturbi: mal di schiena, insonnia, crampi notturni, nausee mattutine. Dalla natura arriva un valoroso alleato: il carbone attivo. Per molte future mamme c’è da fare i conti pure con il fastidiosissimo bruciore di stomaco. Soprattutto a gravidanza già avviata, è facile avere difficoltà a digerire qualsiasi cosa, anche un semplice piatto di insalata, perché il nostro stomaco comincia a star un po’ strettino per colpa dell’utero che comincia a occupare sempre più spazio. L’apparato digerente in gravidanza si modifica molto, causando alla futura mamma due problemi principali:

  • stitichezza: causata da un parziale blocco dei movimenti dell’intestino;
  • bruciore di stomaco: dovuto ad una digestione più difficile, all’acidità di stomaco e ai dolori gastrici

Insomma, bello essere incinta ma – diciamocelo – non proprio una passeggiata.

Anche perché nove mesi sono lunghi! Dunque che fare? Bisogna sopportare e stringere i denti fino alla fine?

Consigli per migliorare una cattiva digestione

Assolutamente no: ci si può far aiutare da alcuni rimedi naturale per alleviare un po’ questi piccoli fastidi della gravidanza e trascorrere così tempo bello e prezioso in compagnia del proprio pancione, arrivando al grande giorno (quello del parto, ovviamente!) forti e sane. Per contrastare i problemi legati all’apparato digerente, quindi bruciori di stomaco, gonfiore intestinale, meteorismo, potete fare affidamento ad un amico fidato: il carbone attivo, elemento naturale, validissimo per questi piccoli disturbi e che si può assumere anche in gravidanza. Con la dovuta attenzione, ovviamente: lo sapete benissimo che la gravidanza è un momento super delicato, quindi prima di prendere qualsiasi decisione in merito, consultate sempre il vostro ginecologo di fiducia e chiedete il suo parere medico.

Perché, sì, il carbone attivo fa bene ma se assunto nella maniera sbagliata in gravidanza può avere conseguenze poco piacevoli, sia per la futura mamma che per il bambino.

Buona alimentazione

La prima regola fondamentale per evitare di avere dolore o bruciore di stomaco, è quella di prestare la massima attenzione all’alimentazione. Perché, il concetto che, siccome siete incita dovete per forza mangiare per due, è assolutamente sbagliato! E’ vero, non lo possiamo negare, l’appetito aumenta – soprattutto nei mesi finali in cui il fabbisogno del bambino cresce – però dovete cercare comunque di portare avanti una dieta sana ed equilibrata cercando di evitare tutti quei cibi (buoni per carità, ma non proprio salutari) che vi potrebbero creare poi problemi alla digestione.

Non sdraiarsi dopo mangiato

Sentirsi più stanche del solito in gravidanza è normalissimo, tutti gli organi devono lavorare per due, però cercate di non cedere alla pigrizia soprattutto dopo mangiato: evitate il divano e il letto dopo pranzo o dopo cena, ma cercate di fare una bella passeggiata per poter avere il tempo di digerire in maniera corretta.

Se il bruciore di stomaco invece vi coglie in piena notte (molto frequente in gravidanza) cercate di non dormire completamente sdraiata ma posizionate dietro la schiena un cuscino in più così da evitare il reflusso gastro esofageo.

Se poi avete proprio la sensazione di gonfiore, allora in quel caso – dopo aver consultato anche il vostro ginecologo, potete farvi prescrivere un po’ di carbone attivo, elemento naturale molto utile ed efficace ad eliminare tutti i piccoli disturbi del tratto intestinale. In gravidanza non è vietato ma bisogna prestare la massima attenzione e, soprattutto, non va preso per un periodo di tempo troppo lungo. Vietato invece, durante l’allattamento.

Dieta salutare

Le regole per una buona e corretta alimentazione valgono sia se siete in dolce attesa sia se non lo siete: insomma, mangiare bene è sempre la soluzione giusta! Ovviamente tra toxoplasmosi, appetito che aumenta e voglie notturne, non sempre è facile seguire le regole.

Concedetevi qualche piccolo sfizio per carità, non sarà certo il pezzettino di cioccolato ogni tanto a farvi star male, ma cercate di seguire una dieta ricca ed equilibrata ogni giorno.

Meno zuccheri, più frutta

Per esempio, non dimenticatevi che, il pasto più importante della giornata, è sempre la colazione: deve potervi dare tutti i nutrienti e le energie per affrontare al meglio la giornata! Meglio evitare cibi troppo calorici o troppo zuccherati (quindi no al croissant alla crema) ma optate piuttosto per un buon frutto. Latte e cappuccino vanno bene, meglio se decaffeinato e senza zuccheri aggiunti: ogni tanto variate, preferendo magari un tè verde o una tisana, decisamente più leggeri e digeribili del latte (che c’è in diverse versioni: di riso, di soia, di miglio …). Altro piccolo consiglio per una buona alimentazione, è quello di evitare le abbuffate: fate magari più spuntini durante il giorno così da evitare di sedervi a tavola, a pranzo o a cena, troppo affamate.

Cercate poi di equilibrare bene l’assunzione di carboidrati e proteine, e non dimenticatevi della verdura!!!
Carbone attivo
Siete state molto attente all’alimentazione ma lo stesso, di notte, avete avuto problemi di stomaco e vi sentite gonfie? Può succedere in gravidanza: allora in questo caso potete parlarne con il vostro ginecologo e chiedere se potete assumere del carbone attivo, un elemento naturale molto utile in questi casi. Durante la gestazione non dà alcun problema, ma non abusatene perché una sua assunzione prolungata può provocare danni alla futura mamma e al suo bambino.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.