Notizie.it logo

Giochi per bambini piccoli da fare in casa

giochi per bambini da fare in casa

Giochi in casa: alcune idee per far divertire i bambini di tutte le età creando giochi divertenti e istruttivi.

Quando il parco in città è inagibile perché c’è maltempo, non si sa mai dove portare i bambini a giocare. La soluzione più semplice è quella di creare giochi per loro proprio tra le quattro mura domestiche.

Giochi per bambini: 1 e 2 anni

Questa è l’età dove i pargoli assimilano più nozioni sociali. Attraverso le prime capacità motorie i bambini hanno sempre più voglia di sperimentare suoni, colori e la fisicità degli oggetti. Il gioco dei travasi è l’ideale per questa fascia di età; c’è bisogno di poco: un tavolo da cucina, delle vaschette contenenti vari legumi o sostanze con cui si è abitualmente a contatto in cucina. Si dà un cucchiaio ed una tazza al piccolo e lo si invoglia a travasare tutti i materiali diversi tra loro, dalla vaschetta piena a quella vuota. È consigliabile iniziare dai materiali più grandi e consistenti per poi finire con quelli meno pesanti. Questo semplice gioco è molto apprezzato dai bambini di questa età, diverte ma soprattutto istruisce; di fatti se i bimbi effettueranno il movimento da sinistra a destra (per i destrorsi) affineranno le loro abilità per la scrittura.

I bambini è noto che adorano le formine e la loro capacità di unire gli oggetti è antropologicamente naturale.

Si può emulare tale esperienza prendendo uno scolapasta e dando al bambino degli spaghetti. Con questi potrà infilare gli spaghetti nei buchi dello scolapasta e creare un enorme riccio. Ciò aiuta il bambino nella coordinazione e nella pazienza. Un altro gioco interessante è quello dei travestimenti. Basta prendere una scatola o semplicemente un contenitore abbastanza capiente ed inserire al suo interno tutti i gadget e gli oggetti che possano in qualche modo formare una storia. Estraendoli a caso dalla scatola, ci si deve ingegnare per creare una storia divertente. Si consiglia di inventare storie verosimili su persone realmente esistenti, così da insegnare al bambini comportamenti e regole sociali.

Giochi per bambini: 5 anni

Si sale di età e le capacità motorie e cognitive sono molto diverse. I bambini sono molto più svegli e la loro imprevedibilità aumenta a velocità elevate. Anche i giochi avranno quindi un livello superiore. Uno di questi è un classico rivisitato: nascondino da seduti.

Bisogna nascondere un qualsiasi oggetto scelto nella stanza. Il luogo è indifferente, dall’armadio al letto è uguale; il bambino dovrà cercarlo facendo domande al genitore sul possibile luogo e questo lo aiuterà a sviluppare le sue capacità investigative.

Un altro grande classico è il disegno. Si può disegnare insieme al proprio bambino qualsiasi tipologia di oggetto. Si consiglia di cominciare da figure semplici e che siano sempre diverse ogni volta, così da poter avere uno sviluppo cognitivo sempre rinnovato.

Giochi per bambini: 6 e 7 anni

Età delicatissima, ormai non si sentono più bambini e vogliono già dire la loro. I giochi per i grandi pargoletti subiranno infatti una netta impennata nella difficoltà. Il primo è il gioco dell’ingegnere dove si raccolgono quante più scatole è possibile, stoffe, cannucce e pezzettini di legno. Sulla base di questi elementi si cerca di far costruire al bambino una struttura, che può essere una casa o semplicemente una fabbrica. Dopo la composizione della struttura, con pennelli e decorazioni si potrà dare un tono di colore all’opera del piccolo ingegnere.

La cosa si complica e si passa ad un po’ di attività motoria vera e propria, si parla di gymkana in casa.

Si può disegnare un percorso ad ostacoli a terra, ovviamente con scotch o materiali che non rovinino il pavimento, e dando al bambino un vassoio carico di oggetti (che non si rompano, come ad esempio una mela), fargli percorrere il percorso ad ostacoli su una sola mano. Ciò aiuta la capacità di attenzione e di concentrazione, oltre ovviamente alla coordinazione.

Giochi per bambini: 8 ai 10 anni

Qui si può passare ai giochi veri come ad esempio i giochi da tavolo (risiko, monopoli, dama), origami o fai da te di buon livello. Ce ne sono una infinità di divertimenti di questo tipo. L’importante è tener conto della fantasia dei bambini, non tanto il gioco a cui si fa parte. Bisogna mettere tanto amore ed avere fantasia, i bambini infatti adorano meravigliarsi. Cosa c’è di meglio che meravigliarsi per un gioco che ancora non esiste e viene ideato dal proprio genitore? Niente. Buon divertimento nel giocare.

© Riproduzione riservata
Leggi anche