Notizie.it logo

Figli tardivi: come seguirli?

Ferro nel neonato.

Mamma e papà : queste sono spesso le prime parole pronunciate da un bambino, e possono trasformare un giorno qualunque in un memorabile per i genitori.

Ma se i bambini sembrano restare indietro nella loro capacità di parlare, può creare ansia e un sacco di notti insonni tra i genitori, e forse telefonate preoccupate dal pediatra, chiedendo: “Perché mio figlio non parla?” I genitori possono ricordare che un fratello più grande era molto più avanti nel suo sviluppo del linguaggio alla stessa età, magari parlando in due o frasi di tre parole a 2 anni con facilità. E col passare del tempo, la loro apprensione può rivolgersi al panico.
Nella maggior parte dei casi, tuttavia, non c’è bisogno di allarme. La maggior parte dei bambini sviluppano la lingua al proprio ritmo, e vi è una vasta gamma di normalità, dice Diane Paul-Brown, PhD, direttore di problemi clinici presso l’American Speech-Language-Hearing Association (ASHA).

“Alcuni bambini sviluppano la lingua ad un ritmo più veloce di altri,” dice.

Pietre miliari Discorso / Lingua

Circa il 15% -25% dei bambini ha un qualche tipo di disturbo della comunicazione. I ragazzi tendono a sviluppare competenze linguistiche un po ‘più tardi rispetto alle ragazze, ma in generale, i bambini possono essere etichettati “figli tardo-parlanti” se parlano meno di 10 parole dall’età di 18 a 20 mesi o meno di 50 parole da 21 a 30 mesi di età.

La maggior parte degli esperti dicono che all’età di 12 mesi, i bambini dovrebbero dire parole singole, e possono essere in grado di dire “mamma” e “papá”. Essi dovrebbero anche essere in grado di comprendere e soddisfare le richieste semplici (“Dammi il giocattolo”).

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.