Episiotomia: cos’è e perché viene eseguita

In oltre il 50% dei parti naturali viene eseguita una episiotomia: che cos'è? E quando è necessario eseguirla per la salute della mamma e del bambino?

Durante il parto, il canale vaginale deve dilatarsi affinché la testa del nascituro possa attraversarlo senza problemi e senza impiegare troppo tempo, nel qual caso si possono verificare rischi per la salute del nascituro.

Episiotomia: cos’è

Quando perciò il travaglio si protrae a lungo e il bambino deve nascere, spesso in sala parto di decide di eseguire l’episiotomia: che cos’è? È un’incisione del perineo (il tratto tra la vulva e l’ano) che viene eseguita per far sì che il canale vaginale si allarghi velocemente e faccia passare più agevolmente la testa e le spalle del bambino.

Quando si pratica l’episiotomia

I casi in cui è necessario praticare l’episiotomia sono quelli in cui la salute della mamma o del bambino possono essere a rischio se il parto non si conclude velocemente: 

– rischio di ipossia cerebrale, ossia di mancanza di ossigeno se il bambino non nasce velocemente;

– rischio di lacerazioni vaginali e perineali;

– rischio di distocia della spalla nel bambino (quando, uscita la testa del bambino, le spalle rischiano di rimanere bloccate);

Episiotomia: i dati in Italia

In Italia fino a pochi anni fa l’episiotomia era praticata in oltre il 50% per parti. Veniva eseguita per velocizzare il parto e diminuire i rischi di complicazioni. Oggi l’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce l’episiotomia una pratica dannosa per le mamme, essendo a tutti gli effetti un intervento chirurgico che necessita di tempi più lunghi di guarigione rispetto a una eventuale, non necessaria, lacerazione avvenuta spontaneamente in fase espulsiva.

Ma il tasso di episiotomie eseguite è ancora molto alto.

Episiotomia: le conseguenze

Essendo l’episiotomia una incisione chirurgica, viene esguita con anestesia locale, utile anche per i necessari punti di sutura, se non si è sotto epidurale nel qual caso l’anestesia non serve. Spesso la ricucitura è la parte più fastidiosa e dolorosa.

Dopo il parto, per rimettersi completamente e tornare a una vita anche sessuale normale, spesso a causa dei punti che devono cicatrizzare si impiega anche più di un mese.

Per evitare però conseguenze nel lungo periodo, è bene dopo un parto naturale, soprattutto se in presenza di episiotomia, pensare alla riabilitazione del pavimento pelvico per evitare in futuro, soprattutto in periodo di menopausa, problemi di prolasso e conseguente possibile incontinenza urinaria.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Gatti e donne in gravidanza: quali sono i rischi?

Come spiegare Babbo Natale ai bambini: i consigli

Leggi anche
  • Zenzero contro la nauseaZenzero contro la nausea
  • Zanzare bambini rimediZanzare: i rimedi per difendere i bambini

    Le zanzare in estate, ma spesso si presentano anche in inverno, rappresentano un fastidio continuo, ma per i bambini possono essere anche dannose. Ecco dei consigli per proteggere e prevenire i vostri figli dalle punture di questi insetti.

  • Yogurt magro, fa bene e ha meno calorieYogurt magro, fa bene e ha meno calorie
  • Yoghurt senza zuccheroYoghurt senza zucchero
  • Loading...
  • vomito bambiniVomito bambini: cosa fare e come fermarlo

    Cosa causa il vomito nei bambini e come si può fermare? Cerchiamo di capire il perché molti bambini soffrono di tale disturbo.

Contents.media