Emorroidi post-parto: perché si presentano e come curarle

Contatta il medico se i rimedi descritti non ti aiutano o se noti un'emorragia.

Le emorroidi post-parto sono un fenomeno molto diffuso. Le emorroidi sono vene gonfie nella zona rettale; quando questi vasi sanguigni diventano insolitamente gonfi, sentirai una massa morbida che può sporgere dall’ano. Possono variare in dimensioni da piccole come un’uva passa a grandi come un acino d’uva.

Possono essere semplicemente pruriginose o assolutamente dolorose, e possono anche causare sanguinamento rettale, specialmente quando vai in bagno.

Le emorroidi sono comuni durante la gravidanza e il periodo post-partum. Nella maggior parte dei casi, quelle che si sono sviluppate durante la gravidanza andranno via da sole subito dopo il parto, soprattutto se stai attenta ad evitare la stitichezza (con alcuni semplici accorgimenti menzionati di seguito). Tuttavia, a volte persistono: circa il 25% delle donne che sviluppano emorroidi dopo il parto le hanno ancora dopo sei mesi.

Possono ridursi, però, e i sintomi possono andare e venire.

Emorroidi post-parto: le cause

La gravidanza ti rende più incline alle emorroidi (così come alle vene gonfie nelle gambe e talvolta anche nella vulva) per diversi motivi. Il tuo utero in crescita fa pressione sulle vene pelviche e sulla vena cava inferiore, una grande vena sul lato destro del corpo che riceve il sangue dagli arti inferiori. Questa pressione può rallentare il ritorno del sangue dalla metà inferiore del corpo, che aumenta la pressione sulle vene sotto l’utero e le fa ingrossare.

Inoltre, un aumento dell’ormone progesterone durante la gravidanza rilassa le pareti delle vene, permettendo loro di gonfiarsi più facilmente. Il progesterone contribuisce anche alla stitichezza rallentando il tuo tratto intestinale. Anche la stitichezza (un altro problema comune durante la gravidanza) può causare o aggravare questa problematica, perché tendi a sforzarti quando le feci sono dure, e lo sforzo porta alle emorroidi.

Infine, potresti anche aver sviluppato le emorroidi post-parto mentre stavi spingendo durante il travaglio.

Cosa posso fare per ottenere sollievo dalle emorroidi post-parto?

Ecco alcuni modi per ottenere sollievo dalle emorroidi post-parto:

  1. Evita di stare seduta o in piedi per lunghi periodi di tempo, in modo da ridurre la pressione sulle tue vene rettali.
  2. Per un sollievo temporaneo puoi assumere acetaminofene o ibuprofene, anche se stai allattando. Ad ogni modo, non prendere più della quantità raccomandata e non prendere l’aspirina (o prodotti contenenti aspirina) se stai allattando.
  3. Applica un impacco di ghiaccio (con una copertura morbida) alla zona interessata più volte al giorno. Il ghiaccio può ridurre il gonfiore e il disagio.
  4. Immergi il sedere in acqua calda in una vasca o in una piccola bacinella di plastica.
  5. Alterna trattamenti freddi e caldi. Inizia con un impacco di ghiaccio seguito da un bagno sitz caldo (tecnica menzionata sopra).
  6. Dopo ogni movimento intestinale, pulisci delicatamente ma accuratamente il tuo sedere. Puoi anche optare per delle salviette preumidificate fatte apposta per le persone con emorroidi.
  7. Usa della carta igienica morbida e non profumata, che è meno irritante di altre varietà.
  8. Chiedi al tuo medico di consigliarti un anestetico topico sicuro o una supposta medicata.

Nota: se hai avuto un’episiotomia o uno strappo che si estende nel retto, è particolarmente importante non mettere nulla – comprese le supposte – nel retto fino a quando non avrai l’ok dal tuo medico.

Emorroidi post-parto mamme

Come posso accelerare il processo di guarigione?

Seguire abitudini sane può accelerare il processo di guarigione ora e prevenire lo sviluppo di emorroidi in futuro. La cosa più importante, però, è prendere dei provvedimenti per evitare la stitichezza:

  1. Cerca di avere una dieta ricca di fibre che includa molta frutta, verdura, cereali integrali e fagioli.
  2. Bevi molta acqua (da otto a dieci bicchieri al giorno).
  3. Fai regolare esercizio fisico, anche se si ha tempo solo per una breve passeggiata. Non aspettare di andare in bagno quando senti il bisogno di andare di corpo. L’attesa può rendere le feci più secche e difficili da espellere. Inoltre, cerca di non sforzarti troppo, e non sederti sul water più a lungo del necessario perché questo mette ulteriore pressione sulla zona.
  4. Fai esercizi di Kegel ogni giorno. I Kegel aumentano la circolazione nell’area rettale e rafforzano i muscoli intorno all’ano, riducendo la possibilità di emorroidi. Rafforzano e tonificano anche i muscoli intorno alla vagina e all’uretra, il che può aiutare il tuo corpo a riprendersi dopo il parto.

Quando dovrei chiamare il mio medico?

Contatta il medico se i rimedi descritti sopra non ti aiutano o se noti un’emorragia. Qualsiasi sanguinamento rettale dovrebbe essere controllato da esperti. Chiama anche se noti che l’emorroide si è indurita ed è diventata più dolorosa. Potrebbe essersi formato un coagulo di sangue all’interno, o “trombosi”, e potrebbe essere necessaria una piccola procedura d’ufficio per trattarlo.

In alcuni casi di emorroidi post-parto potrebbe essere necessario vedere uno specialista per un trattamento per ridurre le emorroidi. Raramente, è necessario un piccolo intervento chirurgico.

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Dolore perineale post-parto: cos’è e come affrontarlo

Emorragia post-parto tardiva: quando chiamare il medico

Leggi anche
  • zuppa di polloZuppa di pollo con farro e funghi shiitake

    Una saziante e deliziosa zuppa ricca di nutrienti essenziali.

  • ginger sickness 125104224 resizedZenzero contro la nausea
  • Loading...
  • Zanzare bambini rimediZanzare: i rimedi per difendere i bambini

    Le zanzare in estate, ma spesso si presentano anche in inverno, rappresentano un fastidio continuo, ma per i bambini possono essere anche dannose. Ecco dei consigli per proteggere e prevenire i vostri figli dalle punture di questi insetti.

  • 174Yogurt magro, fa bene e ha meno calorie
  • untitled 119Yoghurt senza zucchero
Contents.media