Notizie.it logo

Eczema atopico: come riconoscerlo nei neonati

eczema atopico bambini come curarlo

Alcuni suggerimenti per riconoscere eczema atopico nei neonati

L’eczema atopico, noto anche come eczema atopico o semplicemente eczema, è una malattia della pelle molto comune che colpisce circa il 10% dei neonati e i bambini. Sebbene la causa esatta non sia nota, è noto che è il risultato di una combinazione di malattie ereditarie e di altre condizioni quotidiane che scatenano l’eritema rosso e pruriginoso.

Si tratta di eczema atopico?

L’età. Questa condizione di solito si manifesta nel primo anno di vita e quasi sempre nei primi cinque anni. È raramente presente alla nascita, ma appare spesso durante le prime sei settimane di vita. Tuttavia, altre eruzioni cutanee possono comparire a quest’età, momento, ma la maggior parte delle lesioni scompare nel giro di giorni o settimane, mentre l’eczema atopico tende a persistere.

La posizione dell’eruzione. Questo aspetto può essere molto utile a riconoscere l’eczema atopico nei neonati, poiché di solito si manifesta sul viso o sui gomiti e sulle ginocchia; tuttavia, può diffondersi e coinvolgere tutto il corpo, anche se nella zona del pannolino l’umidità protegge la pelle.

Più tardi, durante l’infanzia, l’eruzione avviene tipicamente nelle pieghe dei gomiti e delle ginocchia, mentre rare volte colpisce solo le mani. In casi molto rari le eruzioni fanno la loro comparsa su piedi, cuoio capelluto o dietro le orecchie; tuttavia, va notato che queste manifestazioni possono anche essere riconducibili ad altre condizioni come la dermatite seborroica.

L’aspetto dell’eruzione. Queste è probabilmente il sintomo meno utile per riconoscere l’eczema atopico nei neonati, perché l’eruzione cutanea può essere molto diversa tra una persona e l’altra. La pelle appare secca e desquamata e può essere infettata e mostrare croste gialle o piccole vescicole con pus. La pelle può anche essere ispessita da graffi e sfregamenti ripetuti a lungo.

Pelle secca. La funzione principale della pelle è quella di agire da barriera contro sporco, germi e sostanze chimiche provenienti dall’esterno. Tale barriera non si nota a meno che la pelle non si secca, quando appare ruvida, desquamativa e tesa.

La pelle secca è fragile, anziché morbida ed elastica e i soggetti con eczema atopico hanno un difetto che impedisce alla pelle di rimanere umida. La situazione peggiora soprattutto in inverno a causa dell’uso di riscaldatori e della riduzione dell’umidità all’interno delle case. Altri elementi che seccano la pelle sono bagni o docce eccessivi senza un’adeguata successiva idratazione. La sfida in questo caso è prevenire la pelle secca.

Quali sono i sintomi?

I sintomi possono manifestarsi in modo leggermente diverso in ciascun bambino. Possono includere:

– Pelle secca e squamosa
– Forte prurito
– Rossore e gonfiore
– Pelle ispessita
– Pelle ruvida su viso, parte superiore delle braccia e cosce
– Pelle scura delle palpebre o intorno agli occhi
– La pelle cambia colore intorno alla bocca, agli occhi o alle orecchie.

Molti di questi sintomi possono peggiorare in caso di influenza o altra infezione.

Come viene diagnosticato l’eczema atopico nei neonati?

Il medico o il pediatra esaminerà il neonato alla ricerca di segni di dermatite atopica.

Non esiste un test specifico per questa malattia, ma possono essere eseguite le prove allergiche. Circa un terzo dei bambini piccoli con eczema grave presenta infatti allergie alimentari. I test possono includere:

– analisi del sangue. Il sangue del neonato può essere controllato per i suoi livelli di immunoglobulina E (IgE), che vengono rilasciate dal sistema immunitario del corpo. È alto nella maggior parte dei neonati con allergie e con eczema atopico. Possono essere eseguiti anche altri esami del sangue.
– test cutanei. È possibile eseguire degli appositi test cutanei per verificare la presenza di eczema atopico, nonché di eventuali allergie o altre condizioni della pelle.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
  • Zenzero contro la nauseaZenzero contro la nauseaLo zenzero è utile per combattere la nausea che di solito è una conseguenza della chemioterapia, dell’avvelenamento da ...