Dolore addominale durante la gravidanza: tutti i casi

Qualche dolore addominale in gravidanza è normale, ma quando allarmarsi? Vediamo insieme le risposte alle domande che ogni donna incinta si è posta.

Spesso è normale: dopo tutto, gli organi si spostano costantemente, il tuo utero si sta espandendo e i legamenti sono elastici.

E non dimentichiamo la nausea mattutina. Ma il dolore addominale durante la gravidanza può essere molto più grave (anche se molto più raro). Consulta la nostra guida per imparare a decodificare questo tipo di dolori e determinare quando è il momento di chiamare il medico e quando stare tranquilla perché si tratta di un sintomo normale.

Quali sono le cause di dolore addominale innocuo durante la gravidanza?
Quali sono i casi più gravi di dolore addominale durante la gravidanza?
Quando dovrei chiamare il mio ginecologo?
C’è qualcosa che posso fare per monitorare il dolore addominale durante la gravidanza?

Quali sono cause di dolore addominale innocuo durante la gravidanza?

Dalla costipazione al dolore ai legamenti, ecco alcuni fattori molto comuni che possono causare dolori addominali benigni durante la gravidanza.Se il dolore che stai riscontrando persiste, o se si hanno sintomi come sanguinamento o crampi forti, fai un controllo dal ginecologo.
Crescita dell’utero
In seguito alla continua crescita dell’utero, il tuo intestino si sposta, “ciò può condurre alla nausea, ad un senso di sazietà o alla distensione dell’addome,” dice Patrick Duff, M.D., professore di ostetricia e Ginecologia presso l’Università di Florida a Gainesville. La soluzione? Mangiare più frequentemente, prediligere piccoli pasti, esercizio fisico regolare, riposo e svuotare la vescica spesso.
Dolore al legamento rotondo
“A volte, mentre l’utero si allarga, si allungano anche i legamenti rotondi..–due grandi legamenti che vanno dalla parte anteriore dell’utero giù fino all’inguine,” dice il Dr. Duff. Si può sentire per questo motivo un dolore addominale più basso che si irradia all’inguine; può essere tagliente e lancinante quando è si cambia posizione o anche molto fastidioso. Solitamente si risolve da sè, ma se sei estremamente a disagio chiedi il tuo ginecologo se puoi prendere acetaminofene.
Costipazione e gas
Costipazione e gas sono, purtroppo, spesso parte integrante della gravidanza. Il progesterone, un ormone che aumenta durante la gravidanza, rallenta il tuo tratto gastrointestinale, quindi gli alimenti viaggiano più lentamente attraverso di esso. Per combattere la stipsi, bere molta acqua e mangiare alimenti ricchi di fibre. Se ciò non allevia il problema, la vostra ostetrica o il ginecologo può raccomandarvi un ammorbidente delle feci o un integratore di fibre.
Contrazioni di Braxton Hicks
Secondo il Dr. Duff “Le contrazioni di Braxton Hicks non sono associate alla dilatazione del collo dell’utero,”. “Esse sono fastidiose, ma completamente benigne”. Il trucco è quello di differenziare queste “contrazioni di prassi” da quelle reali. “Le vere contrazioni tendono ad essere sempre più ravvicinate,” dice il Dr. Duff. “Se la donna può portare avanti una conversazione, guardare la televisione, o leggere, le contrazioni probabilmente non sono vere.” Una condizione di disidratazione può innescare le contrazioni di Braxton Hicks, quindi assicuratevi di bere molti liquidi. Se le contrazioni persistono o se non siete sicure, chiamate il vostro ginecologo.

Quali sono i casi più gravi di dolore addominale durante la gravidanza?

Molte donne hanno gravidanze sane, ma possono svilupparsi delle complicazioni serie che richiedono l’attenzione immediata del tuo ginecologo. Alcune bandiere rosse da monitorare includono il sanguinamento, forte dolore, febbre e disturbi visivi.
Gravidanza ectopica
Le gravidanze ectopiche, in cui l’uovo si impianta un posto diverso dall’utero, più spesso nelle tube di falloppio, si verificano in 1 donna su 50, secondo il March of Dimes. Nel caso improbabile di vivere una gravidanza ectopica, potrebbero verificarsi dolori intensi e casi di sanguinamento tra la 6 e la 10 settimana di gravidanza. Le donne maggiormente a rischio di una gravidanza extrauterina sono coloro che hanno avuto una gravidanza extrauterina in passato, o hanno avuto un intervento di chirurgia pelvica, addominale, tube di Falloppio e coloro che hanno avuto l’endometriosi, una legatura delle tube, un dispositivo intrauterino (IUD) al momento del concepimento, o un’infezione pelvica. Un utero di forma anomala e l’uso di tecniche di riproduzione artificiali, inoltre, sembrano aumentare il rischio.
Le gravidanze ectopiche richiedono un trattamento immediato. Se hai avuto un test di gravidanza positivo ma non hai ancora avuto una conferma di gravidanza da una visita medica e avverti dolore addominale, devi essere visiatata immediatamente dal tuo ginecologo, dice Linda Chambliss, M.D., capo di ostetricia al San Giuseppe Hospital and Medical Center di Phoenix. Il ginecologo o l’ostetrica può eseguire un’ecografia per confermare se l’ovulo si è impiantato nell’utero.
Aborto spontaneo
Quando le donne lamentano dolori addominali nel primo periodo, “devi sempre essere preoccupati della possibilità di un aborto spontaneo,” dice il Dr. Duff, perché purtroppo il 15-20 per cento delle gravidanze terminano per aborto spontaneo. I sintomi dell’aborto spontaneo comprendono sanguinamento e crampi che possono essere ritmici o analoghi ai crampi mestruali.
Travaglio pretermine
Se stai riscontrando contrazioni regolari prima della 37 settimana di gravidanza e hai un mal di schiena persistente, potrebbe verificarsi un travaglio pretermine. Non aspettare- chiama subito il ginecologo. Le contrazioni possono a volte essere accompagnate da perdite di fluido vaginale o sangue o da una diminuzione della circolazione fetale. Anche donne esperte, anche alla terza gravidanza, potrebbero non essere in grado di stabilire se le contrazioni sono solo Braxton Hicks o da travaglio pretermine, dice Dr.Chambliss, per questo motivo chiede ai suoi pazienti di chiamare in qualsiasi momento se sentono delle contrazioni. Si può finire per essere rimandate a casa perché si tratta di un falso allarme (Dr. Chambliss dice che fino al 30 per cento delle donne che si presentano lo sono), ma è meglio essere sicuri che dispiaciuti, soprattutto in questo caso.
Distacco di placenta
La placenta è la fonte di ossigeno e nutrienti per il tuo bambino. Solitamente gli impianti sulla parete uterina non si staccano fino a dopo che il bambino è nato. In rari casi (1 su ogni 200 nascite), la placenta può separarsi dalla parete uterina, una complicazione pericolosa, che è più comune nel terzo trimestre. Dr. Duff descrive il dolore da distacco di placenta come “forte, costante, progressivamente diretto verso un dolore addominale più basso.” Il tuo utero potrebbe diventare molto duro (se si preme sull’addome) e si può anche avere sangue scuro, rosso che non dispone di coaguli. In alcuni casi, una donna può andare in travaglio quando la placenta si separa, in tal caso il ginecologo procederà sicuramente con un cesareo di emergenza per il bambino. Se il distacco è lieve, un medico può lasciar continuare la gravidanza o può indurre il travaglio e fare un parto vaginale. Le donne più a rischio sono coloro che hanno una storia di distacco placentare, o hanno un trauma addominale, ipertensione e preeclampsia.
Preeclampsia
Secondo la Preeclampsia Foundation of America, la preeclampsia ed altri disordini simili interessano il 5-8 per cento di tutte le donne incinte. La preeclampsia può svilupparsi in qualsiasi momento dopo le 20 settimane di gravidanza, questo è uno dei motivi per cui il medico controlla la pressione del sangue ad ogni appuntamento, ed è caratterizzata da alta pressione sanguigna e proteine nelle urine. Dato che la pressione arteriosa alta restringe i vasi nell’utero che forniscono al feto ossigeno e sostanze nutritive, la crescita del bambino può essere rallentata. La preeclampsia aumenta anche il rischio di distacco di placenta, in cui la placenta si separa dalla parete uterina prima del parto. Quando la preeclampsia è grave, può essere accompagnata da dolore nella parte superiore destra del vostro addome così come da nausea, mal di testa, gonfiore e dispersioni visive, come luci lampeggianti. Se sospettate di avere preeclampsia, chiamate immediatamente il vostro ginecologo.
Infezione del tratto urinario (UTI)
Fino al 10 per cento delle mamme in attesa contrae un’infezione del tratto urinario (UTI) ad un certo punto della gravidanza, secondo il March of Dimes. Sintomi tipici includono un bisogno improvviso di urinare, dolore o bruciore con la minzione e minzione sanguinosa ..–ma alcune pazienti con UTI lamentano anche dolori addominali, dice Dr. Chambliss .”La preoccupazione durante la gravidanza è che le infezioni possono progredire, trasformandosi in infezioni a carico dei reni che aumentano il rischio di parto pretermine,” aggiunge. Questo è il motivo per cui il tuo ginecologo effettua un test delle urine ad ogni visita, al fine di cercare segni di batteri che possono causare un’infezione. La buona notizia è che se un UTI viene diagnosticata precocemente dovrebbe essere facile da trattare con antibiotici.
Appendicite
L’appendicite può essere difficile da diagnosticare in gravidanza, dice il Dr. Duff, perché “mentre l’utero si allarga, l’appendice tira vicino all’ombelico o al fegato.” E poiché una diagnosi può essere ritardata,questo è uno dei motivi per cui una donna è più a rischio di morte da appendicite durante la gravidanza. Anche se il sintomo più comune dell’appendicite è il dolore nel quadrante inferiore destro dell’addome, quando sei incinta esso può essere sentito più in alto. Altri sintomi includono la mancanza di appetito, nausea e vomito.
Calcoli biliari
Pietre nella cistifellea sono più comuni nelle donne, specialmente in sovrappeso, che hanno più di 35 anni, o una storia di calcoli, dice il Dr. Chambliss. Il dolore da calcoli biliari (chiamato anche colecistite) è grave e si focalizza nel quadrante superiore destro dell’addome. In alcuni casi, il dolore può irradiarsi anche intorno alla schiena e sotto la scapola destra.

Non esitate a chiamare il medico se credete che ci sia qualcosa che non va. “Se avete qualcosa che vi preoccupa siete pregati di contattare il tuo ginecologo o fatevi controllare,” dice Rebecca Shiffman, M.D., direttore di medicina materna fetale al Lincoln Hospital nel Bronx, New York. “Noi siamo qui per questo, per fornire risposte a donne in gravidanza e per fornire qualsiasi cura di cui hanno bisogno.”Chiamate subito il medico se avete qualcuno di questi sintomi:

  • Dolore addominale con o senza sanguinamento entro le dodici settimane
  • Sanguinamento o crampi forti
  • Più di quattro contrazioni in un’ora per due ore
  • Dolore addominale molto intenso
  • Disturbi visivi
  • Forte mal di testa
  • Grave gonfiore delle mani, gambe o del viso
  • Dolore durante la minzione, difficoltà a urinare o sangue nelle urine

C’è qualcosa che posso fare per monitorare il dolore addominale durante la gravidanza?

  • Mangiare piccoli pasti frequenti
  • Fare esercizio regolarmente, con moderazione
  • Scegliere alimenti ricchi di fibre (tra cui frutta, verdura e crusca)
  • Bere molta acqua
  • Svuotare la vescica spesso
  • Riposare spesso.
Scritto da Alessia Mineo
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Anemia falciforme: un disordine genetico

La tua guida completa sul sesso in gravidanza

Leggi anche
  • Yoga o meditazione zen in gravidanzaYoga o meditazione zen in gravidanza

    Praticare Yoga in gravidanza può essere di grande aiuto per i periodi che precedono il parto. Scopriamo insieme tutti i benefici.

  • yoga in gravidanzaYoga in gravidanza: i migliori esercizi per mamme e bambino

    Lo yoga è una disciplina orientale che apporta benefici anche in gravidanza. Conosciamolo meglio anche attraverso alcuni libri.

  • yoga gravidanza terzo trimestreYoga in gravidanza nel terzo trimestre: gli esercizi

    Il terzo trimestre di gravidanza è il più pesante. La posizione della farfalla e la posizione propizia sono adatte per prepararsi al momento del parto

  • Yoga in gravidanza secondo trimestreYoga in gravidanza nel secondo trimestre: i consigli

    Nel secondo trimestre di gravidanza lo yoga è utile per mantenere l’elasticità del corpo in vista del parto. Quali posizioni eseguire senza rischi?

  • Loading...
  • yoga gravidanza primo trimestreYoga in gravidanza nel primo trimestre: gli esercizi da fare

    Fa bene alla mamma e al bambino: lo yoga è un ottimo aiuto per vivere i nove mesi di gravidanza serenamente. Quali esercizi nel primo trimestre?

Contents.media