Cuscini allattamento: a cosa servono e quali comprare

I cuscini allattamento riducono la tensione su addome e muscolatura, rendono la poppata meno stressante e davvero piacevole per mamma e figlio

Momento unico, speciale ed intimo, l’allattamento richiede il giusto grado di privacy e di comfort per mamma e bebè. È un atto, però che richiede sforzo fisico e va fatto con l’adeguata postura per entrambi. La soluzione è adoperare cuscini allattamento, validi e concreti aiuti utili, in particolare, nelle prime settimane quando le poppate sono frequenti nel corso della giornata.

Anche quando il bambino cresce e si mantiene dritto con schiena e testa, i cuscini allattamento sono sostegni utili durante la pappa.

Cuscini allattamento

I cuscini allattamento sono fortemente consigliati da pediatri e ostetriche per avviare con successo l’allattamento al seno. I cuscini allattamento riescono a ridurre in maniera considerevole la tensione su addome e muscolatura, facilitano il corretto posizionamento del bebè durante la poppata, rendendola meno stressante e davvero piacevole per mamma e figlio.

Aiutano il poppante a rimanere in posizione corretta anche subito dopo mangiato, evitando il rischio di rigurgiti ed agevolando la digestione. La mamma, inoltre, può allattare comodamente mantenendo le mani libere e godendosi questo momento tutto speciale ed unico.

Nati con una funzione determinata, i cuscini allattamento devono sostenere la mamma durante la poppata per aiutarla a ridurre lo sforzo di schiena ed arti, garantendo al neonato la posizione giusta.

Grazie alla loro particolare struttura, i cuscini allattamento sono in grado di diminuire il carico del peso del bimbo sulla schiena e sulle braccia della mamma, con enorme sollievo anche per spalle e collo. Da non trascurare anche la riduzione della tensione e del dolore ai capezzoli, vista la corretta posizione che consentono per la suzione.

A cosa servono

Per utilizzarli al meglio, i cuscini allattamento vanno adoperati nel modo giusto.

Una delle posizioni più classiche è quella in cui il cuscino viene sistemato lateralmente e poggiato sulle gambe, in modo che fasci il corpo e consenta di adagiare il bebè. Un’alternativa è quella di posizionare il cuscino frontalmente e sistemare il piccolo disteso e con la testa rivolta verso il seno.

Per le mamme che preferiscono allattare rimanendo distese, soprattutto durante la notte, basta posizionare il neonato lateralmente sul lettone accanto alla mamma che si adagerà delicatamente sul fianco, facendo attenzione che i corpi aderiscano bene. In questo modo, con i cuscini allattamento le poppate notturne saranno meno traumatiche, più comode e più veloci.

Cuscini allattamento migliori

I cuscini allattamento che si trovano in commercio sono progettati per poter essere utilizzati anche come cuscini per gravidanza, per consentire alle mamme di riposare bene nelle ultime settimane della loro dolce attesa, magari sul fianco sinistro, prevenendo il rischio di rigirarsi nel sonno. I cuscini allattamento devono avere una forma circolare, non essere troppo soffici e realizzati in materiali sicuri e confortevoli per il bambino. Utili in casa come all’aperto, facilmente trasportabili, durevoli nel tempo, adattabili a vari scopi e composti da materiali biologici di qualità, i cuscini allattamento possono rappresentare anche un regalo tanto utile quanto inaspettato e sorprendente.

I cuscini allattamento possono avere forma a serpente o a ciambella. Il primo tipo è ottimo in caso di parto gemellare, perché essendo più flessibile può facilmente adattarsi alle esigenze di una madre con due bambini da allattare. Quelli a ciambella, oltre alla forma, particolarmente indicata per sorreggere il bebè mentre lo si nutre, sono generalmente dotati di una imbottitura migliore.

Come materiali, sono preferibili le imbottiture in pula di farro o pula di miglio. Quest’ultima (e, in proporzioni e misura minore, anche quella di miglio) di solito deriva dagli scarti di lavorazione di coltivazioni biologiche che non hanno impiegato pesticidi e, oltre a non contenere sostanze nocive, ha una buona densità adatta a reggere il bambino senza deformarsi troppo sotto il suo peso. Inoltre contiene elevate percentuali di acido silicico, che agisce come antidolorifico naturale. L’altro grande aspetto positivo di questa imbottitura è la sua capacità di termoregolazione, che assicura calore durante l’inverno e una sensazione di fresco in estate.

Scritto da Redazione
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

10 curiosità sullo svezzamento

Coronavirus spiegato ai bambini: tutte le risposte alle loro domande

Leggi anche
  • ZainoZaino scuola per bambini: modelli e marche migliori

    Le vacanze estive stanno finendo ed è tempo di pensare al rietro a scuola; Zaino scuola per bambini: modelli e marche migliori.

  • Zaini Trolley con personaggi famosiZaini Trolley con personaggi famosi
  • zaini scuolaZaini scuola: quale scegliere per i propri figli

    La scelta degli zaini scuola per i figli è fondamentale per affrontare l’anno scolastico in arrivo. Sicuramente alla moda, ma comodi e di qualità.

  • Zaini elementari bimba: le tendenze del momentoZaini elementari bimba: le tendenze del momento

    Con l’inizio delle scuole elementari è importante scegliere,per la propria bambina, uno zaino comodo e capiente ma al passo con le tendenze del momento.

  • 
    Loading...
  • zaini elementari bambinoZaini elementari bambino: quale acquistare

    Lo zaino è l’accessorio fondamentale per la scuola elementare: in esso verranno riposti tutti gli oggetti necessari per affrontare la quotidianità scolastica. Quali caratteristiche deve avere uno zaino adatto ad un bambino? Di seguito i modelli migliori.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.